pokerstars.it

Come organizzare una partita di poker con gli amici durante le vacanze di Natale

Per quanto sia divertente giocare a poker in un casinò od online, esiste una forma di poker che le batte entrambe a mani basse: il poker con gli amici.

Una volta, praticamente tutti i giocatori di poker imparavano a giocare in questo modo. Oggi le cose sono diverse, ma il divertimento di una partita a casa di amici rimane impareggiabile per diversi motivi. Un piccolo investimento iniziale può dare il via ad anni e anni di piacere "casalingo", a cominciare da una bella partita di poker natalizia durante le prossime vacanze.

Giocare a poker a casa - tutto quello che dovete sapere

Se siete pronti a cominciare a giocare a poker a casa, dovete iniziare pensando a tre cose: l'attrezzatura, i giocatori e a cosa giocare.

L'attrezzatura

Per prima cosa, ovviamente non esiste partita di poker senza carte.

Button-Cards_EPT_MC_19_M3DM5024-768x512.jpg

Per una bella partita di poker ci vuole l'attrezzatura adeguata

Qualsiasi vecchio mazzo di carte può fare comodo all'inizio, anche un mazzo economico da supermercato per intenderci. Ma andando avanti vorrete investire in mazzi di carte di plastica, come quelle create da COPAG, che da anni fornisce i mazzi per gli eventi EPT. Si mischiano facilmente, si piegano senza perdere la forma e scivolano sul tavolo che è un piacere, e inoltre sono più difficili da segnare rispetto alle normali carte.

Dopo le carte da gioco, è tempo di capire che tipo di chip userete.

La bellezza di questo aspetto del gioco è che potete usare letteralmente qualsiasi cosa. Graffette, biglie, persino sigarette se vi trovate in una prigione di un vecchio film. Addirittura si narra di qualcuno che usa piccoli pezzi di carta con scritto sopra il valore delle "chip".

Un passo avanti rispetto a oggetti casuali sono le chip di plastica, economiche e facilmente reperibili. Oppure potreste investire in un set di chip d'argilla, come quelle usate nelle partite di poker al casinò. In realtà oggi sono fatte di materiale composito, non di argilla, e ne esistono di vari tipi. Molti set di chip hanno anche il bottone del dealer, molto utile per indicare le posizioni di gioco.

Infine, vi servirà far accomodare i vostri giocatori e una superficie su cui giocare.

Ovviamente questa è una considerazione che devono valutare i giocatori e il padrone di casa. Può anche bastare sedersi per terra in cerchio se necessario, ma ovviamente è preferibile un tavolo da cucina. All'opposto alcuni giocatori spendono molti soldi per acquistare tavoli da poker e sedie personalizzati.

I giocatori

Dopo aver sistemato il discorso attrezzatura, bisogna pensare a chi invitare. Dopo tutto, le partite di poker non esistono senza giocatori!

Crazy-Eights_EV64_Day-1C_Tomas-Stacha-4TS_9837-768x511.jpg

È facile pensare che molti di questi giocatori partecipino regolarmente a partite organizzate in casa di amici

La prima cosa a cui pensare organizzando i cosiddetti home games (letteralmente: partite casalinghe) è assicurarsi che tutti si divertano. Le partite di poker divertenti sono quelle che spingono i giocatori a tornarci, perciò dovreste fare del vostro meglio per creare quel genere di ambiente. Il modo migliore è invitare persone che amano divertirsi e capiscono come rispettare gli altri (incluso il presentarsi in orario e non andarsene via subito).

Dovreste anche mettere a loro agio i giocatori meno esperti. Un buon consiglio è quello di preparare un documento con le regole del poker, disponibile per tutti. Le basi, tipo il valore delle mani, la denominazione delle chip in gioco e cose del genere, sono un buon punto di partenza. Così facendo eviterete un po' di confusione tra i giocatori più principianti.

Il gioco

Una delle cose più belle delle partite tra amici è che i giocatori possono decidere qualsiasi cosa. Perciò, una volta trovato l'equipaggiamento e i giocatori, l'ultimo passo è decidere a cosa giocare.

La prima scelta è tra il cash game e il torneo. Con i loro buy-in fissi, i tornei possono essere molto meno intimidatori per i principianti. Se state cercando di convincere i vostri amici a interessarsi al poker, meglio partire dai tornei. Una buona prima esperienza di poker è l'ideale per incoraggiare le persone a continuare a giocare; costringerle a rimettere mano al portafogli per fare rebuy dopo un cooler alla prima mano di una partita cash non è certo il massimo.

inside-home-game.jpg

Alla scoperta di Run It Up Live

Poi dovrete decidere la variante di poker a cui giocare. Se il vostro gruppo è formato da neofiti, meglio attenersi al Texas Hold'em per le prime sessioni, giusto per non confondere i nuovi giocatori con le regole di varianti diverse. Ma nulla vi obbliga a giocare in un determinato modo.

Prima che il boom del poker standardizzasse le regole, le partite di poker tra amici erano l'occasione per provare le varianti più folli. Partite con carte jolly, partite dove per continuare nella mano bisogna puntare il piatto, partite in cui la mano più alta e quella più bassa vincono metà piatto a testa e tanto altro - insomma, qualsiasi tipo di partita di poker possibile e immaginabile.

Ma soprattutto, nulla vi impone di giocare con le stesse regole ogni volta. Potete fare in modo che sia il dealer a scegliere la variante, o fare una partita mixed con una serie di varianti a rotazione, o persino variare il gioco ogni sessione. La chiave qui è che "vostra la partita, vostre le regole".


Ma il vero trucco per una partita casalinga di poker è radunare i giocatori. Dopo tutto, potrebbero scegliere di fare letteralmente qualsiasi altra cosa: se volete che giochino a poker con voi, dovete fornirgli l'ambiente che si aspettano di trovare. Utilizzate l'attrezzatura e scegliete le varianti in base alle persone che inviterete: sarete in grado di organizzare partite di poker divertenti per molti anni.

Archivio