pokerstars.it

Monday Bounty: è Gian Maria l'eliminatore

Gian Maria Giamporcaro, conosciuto ai tavoli di PokerStars.it con il nick "ARABIANFENIX", lunedì sera ha eliminato tutti i suoi avversari nonostante il bersaglio fosse lui, vista la taglia che pendeva sulla sua testa.

Nel torneo Bounty che si giocherà ogni lunedì in questo mese di luglio, eliminare i concorrenti de La Casa degli Assi può fruttare fino a €500, ma nell'ultimo evento nessuno è riuscito a eliminare Gian Maria, che si è portato a casa quasi €450 di prima moneta. Non è la prima volta che i protagonisti del reality show fanno parlare di se: Giuseppe Scordo è salito sul podio del Sunday Evening, Jackelin ha vinto il Sunday Warm-Up e "VE SCAVES", uno dei vincitori dell'iniziativa Experience, è arrivato nono al Sunday Special. Adesso è toccato a lui.


GIANMARIA.jpg

1) Hai vinto un torneo online fra 575 partecipanti: ci racconti com'è andata?

È vero i partecipanti erano parecchi, anche se spesso sono molti di più! Il torneo in questione si gioca tutti i lunedì ed è associato alla Casa Degli Assi. Si chiama Monday Bounty e i partecipanti, oltre al montepremi, possono vincere una taglia incrementale quanti più concorrenti del reality eliminano dal torneo. È stata dura perché gli avversari erano tosti; sono riuscito a essere chipleader per la maggior parte del tempo quindi ho cercato di giocare controllando il mio stack senza fare mosse troppo azzardate. Mi è andata bene.

2) Non è da tutti conquistare un torneo del genere: quanto è contata la fortuna e quanto la bravura?

Credo che la fortuna si manifesti a tempi alterni per tutti, in ogni partita. È ovvio ci sono delle volte che non ti entra neanche un colpo, ma succede di rado. La fortuna fornisce di continuo dei bivi, che tu giocatore puoi sfruttare o non sfruttare a tuo vantaggio. È facile incrementare le proprie chips con un colpo fortunato tanto quanto perderle con una mano giocata male. Credo che nel poker dovremmo utilizzare la parola "fortuna" come la intendevano i latini, cioè in maniera neutra, con il significato di "sorte" (fortunae). La nostra sorte può essere altalenante ma la nostra bravura sta nello schivare le situazioni negative e nel cercare di infilarci in quelle potenzialmente positive. Questa è la mia idea di bravura: una saggia e lungimirante gestione della propria sorte. E questo tipo di bravura nel tempo si manifesta a livello matematico con la riduzione della varianza.

3) Quello che hai imparato nell'esperienza del reality show ha cambiato, e se si in che modo, il tuo gioco nei tornei?

Si, il mio gioco è cambiato enormemente. Il reality mi ha riavvicinato al poker, erano anni che non giocavo seriamente purtroppo per colpa di tanti impegni. Luca Pagano, Alberto Russo e gli altri concorrenti della casa mi hanno aiutato a crescere, soprattutto dal punto di vista psicologico. Al tavolo di eliminazione in Marocco credo che mi siano mancate soprattutto la giusta convinzione e aggressività; sto cercando di lavorare anche su questi aspetti. Un saluto speciale va ad Alberto Russo, che è stato molto paterno nel darmi consigli, già da subito dopo l'eliminazione; mi ha fatto molto piacere risentirlo l'altro giorno, si è complimentato con me per la vittoria nel torneo.

4) Quanto giocavi online prima? E ora?

Prima giocavo raramente on-line, giocavo soprattutto tra amici. Ora cerco di giocare più spesso per tenermi allenato e migliorare.

5) Preferisci tornei o cash game?

Per il momento preferisco i tornei e i sit and go. Il gioco cash è molto particolare e credo vada approcciato con saggezza. Diciamo che il cash game appartiene al lato oscuro della forza, per ora mi tengo sul lato Jedi, vedremo in futuro.

6) Giochi il Sunday Special di solito? Giocherai domenica?

Ho giocato una volta il Sunday Special dopo l'uscita dalla casa e sono uscito con un colpo imparabile. Vado in all-in al flop con KK e il mio avversario mi chiama con 3/5 di scala finendo per chiuderla runner runner al river. Spero di ritagliarmi il tempo per giocare almeno 1-2 volte al mese il Sunday Special. Chissà, magari a cominciare da questa domenica.

7) Durante l'evento hai avuto al tavolo qualche altro concorrente della casa?

Purtroppo no. Mi sarebbe piaciuto ritrovare qualcuno dei miei compagni ma ho incontrato solo Pippo poco prima che venisse eliminato. Pippo è sempre il numero 1, ha chiuso 16esimo ed è uscito nella mano in cui sono entrato al suo tavolo, quindi non c'è stata occasione di sfidarlo. Sarebbe stato stimolante e motivo di orgoglio, lo considero un esempio e un caro amico. Lo spirito del gruppo persiste ancora oggi, ci sentiamo tutti spesso e ci complimentiamo per i reciproci successi: è una bella cosa.


elimina-concorrenti-online.png

Pippo nelle fasi finali dell'ultimo Monday Bounty

8) Cosa farai con la vincita?

È una buona vincita per cominciare, credo ci pagherò l'affitto :) ma non tralascerò di investire in tornei futuri.

9) Stai provando a costruiti un futuro nel poker o rimane solo un passatempo?

Credo che il futuro si costruisca con i risultati, che derivano dalla dedizione e dal talento. Sto cercando di migliorare per capire se posso avere il talento sufficiente per emergere. Se capirò di avere questo talento non esiterò a lanciarmi anche a tempo pieno, ma dev'essere una presa di coscienza graduale, senza voli pindarici.

10) Ci sarai anche lunedì prossimo al torneo bounty?

Ovviamente si.

11) Avere una taglia sulla tua eliminazione ti complica la vita con gli avversari, per esempio cercano di buttarti fuori in ogni modo?

Bè si. L'ho notato al Sunday Special e al primo bounty giocato. Gli avversari sono più propensi ad andare in all-in con noi della Casa, soprattutto nelle fasi iniziali del torneo, se hanno la possibilità di vincere una taglia. Questo può essere anche un vantaggio, lunedi sono riuscito ad approfittarne, vedremo lunedì prossimo come andrà!

Un saluto a tutti, spero di rivedervi a Saint Vincent! Perciò votatemi nel sondaggio della Casa Degli Assi!

Gianvito Rubino per PokerStars.it

Archivio