pokerstars.it

Poker, quali tendenze ci aspettano nel 2020?

di Howard Swains per PokerStarsblog.com

Con il 2019 alle spalle, il nostro sguardo inevitabilmente è al 2020. Che cosa possiamo aspettarci dal mondo del poker nei prossimi 12 mesi?

Ovviamente il poker live e il poker online rimarranno popolarissimi, ma vale la pena ragionare su quali tendenze potrebbero manifestarsi affinché entrambi gli ecosistemi rimangano sempre al passo con i tempi. Nel frattempo, il mondo del poker via streaming attraverso Twitch continua ad espandersi: abbiamo incontrato una delle sue stelle più luminose, Lex Veldhuis, per capire ciò che lui si aspetta dal 2020.

Allo stesso modo, il futuro del poker dipenderà anche dalle innovazioni; molti investimenti andranno nella direzione della realtà virtuale (VR), dove le possibilità sembrano illimitate.

Perciò allacciate le cinture, ecco quali sono secondo noi le tendenze 2020 nel mondo del poker.

Titolo.jpg

Nell'anno in cui tutti daranno la caccia al Platinum Pass, che altro possiamo aspettarci? 

CACCIA AL PLATINUM PASS

Il torneo più importante targato PokerStars nel 2020 sarà la seconda edizione del PokerStars Players No Limit Hold'em Championship, altrimenti noto come PSPC. Dopo il successo senza precedenti del primo evento, disputato alle Bahamas lo scorso gennaio, la location scelta per agosto 2020 è Barcellona. Il mondo del poker andrà a caccia di un Platinum Pass nei sette mesi che precederanno l'evento.

Così come già avvenuto in passato, in alcuni tornei online e live verranno offerti i Platinum Pass ai vincitori, ma ci saranno anche "bauli misteriosi", contest organizzati dagli streamer di PokerStars su Twitch e molti altri modi per vincere il ticket che verranno annunciati nel corso del nuovo anno. La ricerca del Platinum Pass sarà ancora una volta uno dei trend del 2020, proprio come è stato nel 2018.

PP.jpg

La caccia al Platinum Pass continua in tutto il mondo

ANCORA POKER LIVE

Il torneo dal buy-in più grosso di sempre si è giocato nel 2019, quando le Triton Series hanno organizzato un evento da £1 milione a Londra. Un torneo che ha rappresentato il picco di un periodo durato tre o quattro anni, durante il quale i buy-in dei tornei hanno continuato a crescere, trasformando quello che una volta era il mondo elitario dei super high roller, in un circuito di tornei più abituale.

È difficile prevedere se questo trend continuerà nel 2020, ma tutto lascia pensare che il mercato dei super high roller si consoliderà invece di crescere o ridursi in maniera importante. Tuttavia, l'influenza delle Triton Series, nate tra gli high roller della Malesia, potrebbe essere terreno fertile per la nascita di qualche nuovo brillante talento asiatico, a prescindere dal buy-in.

A Montecarlo, nel maggio 2019, Wei Huang è diventato il secondo giocatore cinese a chiudere al 2° posto un EPT Main Event, poco meno di un anno dopo la vittoria sfiorata da Haoxiang Wang a Barcellona. Yunye Lu ha chiuso al 6° posto lo scorso evento di Barcellona, mentre Yi Ye ha vinto l'EPT Open Main Event a Sochi ad ottobre.

Cina.jpg

La vittoria di Yi Ye potrebbe essere la prima di molte

I giocatori asiatici stanno visitando l'Europa più di quanto non abbiano mai fatto - il sudcoreano Gab Yong Kim è stato sfortunato a uscire al 9° posto all'EPT Praga - e tutto lascia pensare che avremo presto il primo vincitore cinese di un EPT, magari già nel 2020.

TWITCH POKER

Negli ultimo quattro anni il poker in streaming è cresciuto tantissimo e tutto lascia pensare che sarà così anche nel 2020. Da una parte ci sono innovatori come Jason Somerville, che continuano a lanciare nuovi concetti - come il Run It Up Live Home Game del 2019 - e dall'altra colonne quali Lex Veldhuis che continuano a frantumare record di visualizzazioni.

Veldhuis ha offerto le sue idee su quali trend potrebbero nascere nel 2020 nel mondo dello streaming del poker: "Penso che ci saranno molti sviluppi tecnologici", ha detto. "Gli strumenti da usare stanno diventando sempre più facili e sempre più persone li stanno scoprendo. Un tizio che mi viene in mente è Tom 'Pleb_Method' Hayward, aka 'MajinBoob', che streamma anche per PokerStars. Il suo uso della tecnologia è pazzesco. È incredibile, e mi sta insegnando molto a riguardo".

lex_veldhuis_invitational.jpg

Lex Veldhuis si aspetta che il mondo dello streaming su Twitch continui a svilupparsi

Veldhuis ha poi continuato: "Penso che molte delle persone della promozione Dare to Stream siano già parte della community di Twitch, e scopriranno che gli altri streamer daranno loro molto supporto. Le persone condividono molto tra loro. Non c'è un clima competitivo come tra squali, cosa positiva perché ognuno ha il suo stile e tutti avranno i viewer che li apprezzeranno. Per un periodo, la gente ha seguito alcuni streamer pensando di dover essere come loro. Credo che oggi lo stile di Spraggy, di Tonkaaaa e il mio abbiano modificato quel trend. Oggi la gente pensa 'Uhm, quindi io posso dire parolacce", o 'Uhm, quindi posso essere un brontolone come Spraggy', o 'Uhm, io posso cambiare il sistema come fa Tonkaaaa'. Questo motiverà le persone ad essere se stesse, e chi lo farà raggiungerà il top. Twitch è una piattaforma reale, e i viewer arriveranno velocemente".

ALTRE INNOVAZIONI TECNOLOGICHE

"Penso che la realtà virtuale abbia un potenziale quasi illimitato al momento", ha dichiarato il PokerStars Ambassador James Mackenzie, indicando una delle aree con il maggiore potenziale di innovazione nel 2020. Virtual Reality poker - come sponsorizzato dall'offerta di PokerStars VR - porta il gioco in una nuova dimensione, e tutto fa pensare che le cose si faranno ancor più sofisticate.

VR.jpg

PokerStars VR, un mondo di infinite possibilità

Sin dalla versione beta, lanciata a gennaio 2019, ci sono stati almeno un paio di annunci di sviluppo o di aggiornamenti ogni mese: bug fixati, nuove feature e apertura del gioco a nuovi Paesi. Se questo ritmo verrà mantenuto nel nuovo anno, il gioco - che ha già ottenuto feedback positivi nelle piattaforme di gioco e nelle community - non potrà che crescere.

POKER ONLINE

Nel mondo di PokerStars, negli ultimi due anni ci sono stati molti esperimenti, con nuove varianti di poker e nuovi format torneistici proposti con regolarità. Non tutte le innovazioni hanno avuto successo, ma molte oggi entusiasmano i giocatori, e la tendenza per il 2020 sarà sicuramente ancora all'insegna delle novità. Deep Water e Tempest sono le ultime varianti lanciate su PokerStars.com a fine 2019, che puntano ad emulare il successo planetario ottenuto dal 6+ (Short Deck). Etichettati come moda passeggera da alcuni, i tornei di 6+ stanno crescendo in popolarità sulla scena high stakes asiatica, ma anche nei tour più famosi. All'EPT di Praga, l'evento di 6+ da €1.000 ha attirato 37 entry, non poche. Non possiamo sapere se i nuovi giochi del 2020 avranno altrettanto successo, ma sicuramente ce ne saranno da provare.

Senza alcun dubbio le serie di poker online saranno una tendenza in crescita, forse addirittura in espansione. Le Winter Series sono in fase di svolgimento in questi giorni e chissà cos'altro di nuovo arriverà nei prossimi mesi...

Archivio