pokerstars.it

Daniele "Scholes84" Solidoro, 3° al Sunday Million per €69.134: "Mi sono qualificato con €20"

"Scholes84" deve essere l'emblema della sua passione: il 3° classificato al Sunday Million è un financial planner della provincia di Taranto che gioca nella prima squadra e allena gli allievi regionali della squadra del suo paese. Daniele Solidoro si è portato a casa €69.134 dopo aver chiuso il deal con "94anto94" e "KILLUCK", emergendo su un field da 5.801 partecipanti.

Non è un giocatore professionista, ma neanche l'ultimo arrivato: "Fino allo scorso anno giocavo tanto, 3 o 4 volte a settimana, soprattutto nel periodo invernale. Non dico che ero un regular, ma quasi. Poi ho subito un infortunio al crociato e mi sono allontanato sia dal campo da calcio che dal tavolo da poker". Molti avrebbero preferito approfittare della degenza per cimentarsi più assiduamente nel poker online, invece Daniele ha scelto di staccare per un po' ma il Sunday Million non poteva perderlo: "Ho provato a qualificarmi giocando due satelliti da €20 e uno l'ho vinto, se così non fosse stato penso che avrei partecipato lo stesso".

andrea_daniele_solidoro_scholes84.jpgDaniele (a destra) con suo fratello Andrea (a sinistra)

Daniele ha una scuola calcio insieme al fratello Andrea: "Mio fratello più di me, ha calcato palcoscenici calcistici importanti come la Serie C e la serie D, ed un paio di anni ha preferito lasciare il calcio semiprofessionistico per diventare parte attiva della scuola calcio che con tanti altri amici portiamo avanti orgogliosamente nel nostro paese. Sono molto legato a lui, anche riguardo al poker, dove abbiamo condiviso ogni quota, ogni vittoria, ogni gioia, e soprattutto questa. Ho anche un altro fratello, Marco il più piccolo, come noi grande appassionato di calcio, tecnico nella scuola calcio e giocatore in A2 di futsal, ma a differenza nostra non ama il poker, anzi, ogni volta che ci vede giocare si coalizza con mia madre, anche lei contraria, ma è sempre il primo a battere cassa dopo una qualsiasi vincita. Abbiamo ereditato questa passione da mio padre, che attualmente grinda più di noi. Aldilà di tutto, siamo una famiglia unitissima, una famiglia bellissima di cui esserne orgogliosi". Raggiunto telefonicamente a bordo campo, ci confessa che soltanto il capitano della squadra che allena sa già del grande risultato appena archiviato: "Li porterò a mangiare fuori perché mi piace condividere le gioie con chi mi è vicino, i ragazzi sanno di questa mia passione ma ancora non gli ho ancora detto cosa è successo, il capitano ha scoperto il mio risultato su internet prima degli altri".

Sono stati proprio i genitori ad apprendere per primi la notizia della vincita: "Papà mi ha seguito fino alle 3 di notte nel Day 2, poi è andato a dormire ma già dalle prime ore del mattino prima mia madre e poi lui vedendomi ancora al pc han capito che stessi giocando per una bella somma e non hanno fatto altro che supportarmi. Ho sempre giocato per puro divertimento e l'ho fatto sempre col desiderio di vincere un bel torneo su PokerStars per portare tutti a New York, alla fine ho vinto molto di più e credo che mi regalerò anche un viaggio a Las Vegas con mio fratello quest'estate".

A poker ha iniziato nel 2008, in quel periodo era ancora all'università, e col passare degli anni i risultati non sono mancati. Il più importante è probabilmente il 4° posto allo SCOOP 6H del 2016 che gli è valso €5.136, ma nel suo palmarès annovera anche un paio di tavoli finali al Sunday Special e la vittoria nel Need For Speed. L'anno scorso, il salto di qualità: "Ho deciso di prendere delle lezioni da Emiliano Conti per affrontare il poker in maniera differente, volevo metterci dell'altro e capire qualcosa in più, è un mondo che mi piace e ho voluto che qualcuno mi desse qualche lezione per migliorare il mio gioco". Insomma, un passatempo, ma "Scholes84" come ogni sportivo parte puntando sempre alla vittoria, e le soddisfazioni sono arrivate anche nei tornei dal vivo con qualche incasso da Malta a Sanremo, fino alla realizzazione del sogno nel 2012, quando è volato a Las Vegas per partecipare alle WSOP.

Il momento più emozionante della sua carriera però è arrivato online, con la cavalcata verso la vittoria nel Sunday Million: "Ne avevo già giocati diversi ma questa volta, non so perché, sentivo che avrei potuto ottenere un buon risultato. Non giocavo da tanto, sono stato tranquillo, non ho forzato la mano e non mi sono abbattuto quando ho subito degli scoppi". Perché anche le belle run sono fatte di alti e bassi: "Verso mezzanotte, durante il Day 2 ero terzo in chip e ho perso un pot con due assi contro due dieci, è uscito il dieci al river. È arrivato papà che mi ha chiesto come stesse andando il torneo e gli ho detto che avevo appena subito, e assorbito bene, quel brutto colpo, e così è stato. Senza perdermi d'animo ho continuato a macinare chip fino a raggiungere il tavolo finale dove c'è stata una bella altalena".

Rivedi il tavolo finale del Sunday Million a carte scoperte

Nel Day 2 si è svolta la mano che gli è rimasta impressa più di tutte: "Io apro da bottone con A♠4♣ e Tommaso "ill_Ownz_U" Briotti chiama, sul flop escono A♣J♣7♦ e checkiamo entrambi.

Al turn cade A♦, lui checka e io punto mezzo piatto trovando ancora una volta il call. Al river scende un 3♦ e qui punto di nuovo, lui ci ha pensato tantissimo prima di chiamare con T♣J♠.

scholes84_vs_briotti.png

Dopo questa mano non mi sono più fermato: ho eliminato il giocatore più skillato del tavolo finale, quella mano se l'è segnata pure lui, e di questo posso essere orgoglioso, perché mi sono arrivati i complimenti da un top player del suo calibro, ciò non può che farmi piacere. La sua chiamata al river mi ha reso super felice, ero sicuro che non avesse colore".

scholes84_briotti.jpg

Dopo aver chiuso un deal sul podio, ha trovato l'amara eliminazione, ma può consolarsi con un ottimo bottino: "Ero felice a prescindere, avevo esultato già un paio di mani prima. Ero già contento di ciò che avevo fatto, avevo perso AQ vs A7 dove avrei eliminato "KILLUCK".

scholes84_aq_killuck_a7.jpg

Poi c'è stato quel 3-way dove ho settato i 4 al flop ma lui ha chiuso scala runner-runner.

Mi sarebbe piaciuto giocare l'heads up ma quando perdi vincendo quasi €70.000 non fa niente, non stiamo parlando di noccioline quindi va bene così".

Qualcuno preferisce che i tornei più importanti siano svolti in modalità freezout ma "Scholes84" non è di questo avviso: "Mi piace la modalità Knockout, soprattutto applicata al Sunday Million dove, altrimenti, ci sarebbero stati premi che avrebbero spostato nettamente l'equilibrio. Nella formula freezeout c'era più differenza fra le monete in palio, così invece la distribuzione dei premi mi è sembrata più equa. In alcuni tratti del torneo le taglie spostavano gli equilibri di call e fold, alla fine invece anche se le taglie erano importanti, era più importante arrivare in fondo". E adesso si festeggia: "Sicuramente metterò gran parte della vincita da parte, anche perché per il lavoro che faccio mi è facile. Parte sarà impiegata nei viaggi, e ovviamente nel week-end festeggerò con tanti amici, un paio di cene mi toccherà offrirle, ma con piacere!".

amici_scholes84.jpgUpdate: "Foto fresca fresca post festeggiamento con gli amici"

Uno sguardo al futuro: "Pokeristicamente non posso chiedere tanto, il mio sogno era partecipare alle WSOP e l'ho realizzato nel 2012. Mi piacerebbe togliermi una bella soddisfazione nei live, come ci sono riuscito online con questo risultato al Sunday Million. Extra poker, vorrei affermarmi con la scuola calcio che sto seguendo, magari piazzando qualche ragazzino nel professionismo. Infine nella vita, sia per quanto riguarda il lavoro che la famiglia, vorrei ottenere sempre il massimo perché i miei genitori mi hanno spronato a fare questo, dandomi la possibilità di laurearmi e di conseguire un master. Adesso lavoro con mio padre, con lui sono a contatto diretto ogni giorno e porterò avanti la sua attività". Alla fatidica domanda, "Cos'è il poker per te?", risponde da vero sportivo: "Un divertimento, puro divertimento".

Gianvito Rubino per PokerStars.it

Archivio