pokerstars.it

Mauro "fischio63" Fischietti, commerciante 54enne vincitore dell'Ultradeep da €300mila grazie ai "pini"

Lo stereotipo del giocatore di poker online è quello di un giovane le cui giornate vengono rischiarate dal tenue bagliore di un monitor. Ma è così? Mauro "fischio63" Fischietti dà prova che la realtà è un'altra perché anche un commerciante di 54 anni può imporsi ai tavoli virtuali di un evento da €315.000 di montepremi.

IMG_1523.JPG

"fischio63" è infatti il vincitore dell'ambito appuntamento ICOOP NLH Ultradeep: a frapporsi tra lui e la prima moneta da circa €40.000 c'erano 3.509 avversari, ingolositi da un garantito da €300.000. Quello di Mauro non è il colpo di fortuna di un neofita, gioca a poker da 10 anni sia online che live, anche se "ultimamente gioco meno per ragioni di lavoro", ma può comunque vantare una vittoria al Sunday Special nel 2010 che gli è valsa €39.700.

Ma com'è arrivato a quello che è il suo miglior risultato in carriera? Come approccio generale ha scelto un gioco "abbastanza tight". Una delle mani più significative che hanno contraddistinto la sua avanzata verso la conquista del titolo è stata l'ultima della prima giornata.

"Sono di BB e ho i 'pini' come li chiamo io, ovvero AA. Il bottone, rimasto corto, pusha per 30.000 chip. Il piccolo buio, big stack, si limita a vedere. Mi gioco tutto lo stack di circa 280.000. Il piccolo buio folda, i 'pini' reggono e chiudo il Day 1 in 43esima posizione su 666 giocatori".

Nella seconda giornata invece c'è stata una mano cruciale per l'accesso al tavolo finale, ecco come sono andate le cose: "con coppia di 8 chiudo una scala al river, non ci speravo più in quel magico 9! Grazie a questo colpo faccio un double up strategico per il prosieguo del torneo".

L'approdo all'ultimo dei tavoli virtuali è stato "una immensa soddisfazione". Tra i finalisti "fischio63" è uno dei più corti eppure mano dopo mano recupera terreno fino a quando, rimasti solo in tre, viene discusso un deal. La trattativa va in fumo per l'opposizione di "wanzi7".

L'eliminazione di "DjDave_em" conduce al testa a testa, un heads-up definito da Mauro "abbastanza giocabile, con 50 milioni di gettoni a testa ed è stato molto lungo". E dopo un duro confronto si è arrivati all'accordo: "alle nove della mattina "wanzi7", vedendo che non mollavo neanche di una chip, ha proposto un deal alla pari. Senza esitazione ho accettato".

Poco dopo l'accordo giunge la mano conclusiva del torneo. "È un'altra mano con i 'pini', ero in posizione di big blind. "wanzi7" rilancia per due volte il grande buio. Con gli assi lo 3betto, lui pusha tutto il suo stack. Scontato il mio call. Vinco così il torneo, lui aveva AK".

Archivio