pokerstars.it

Quando foldare diventa un'arte: alcuni dei laydown più belli

Spesso la differenza tra un buon giocatore di poker ed un campione sta nella capacità di foldare anche quando si ha un punto forte in mano. Avere la lucidità per leggere la mano e il coraggio di passare quando si ha un full o un colore sono doti che pochissimi giocatori possono vantare.

Vediamo insieme alcuni degli "hero fold" più belli.


roberto_romanello_big_fold.jpg
Roberto Romanello ha vinto l'EPT di Praga

Roberto Romanello - World Series of Poker 2008

Questo è probabilmente uno dei fold più belli di sempre. Lo scenario del Main Event delle WSOP rende l'impresa del player gallese (ma di chiare origini italiane) Roberto Romanello ancora più eclatante.

La mano inizia con Matusow che limpa con una coppia di 9 e Romanello si limita al call con J♥J♦. Geller rilancia in maniera decisa, forte dei suoi Kings. I 3 checkano fino al Turn con un board incredibile: A♠J♠K♥T♣[10d].

Sia Romanello che Geller hanno full house. Matusow checka ancora, Romanello esce puntando circa metà piatto, trovando ancora una volta il raise di Geller che induce al fold Matusow. A quel punto Romanello cerca qualche tell nell'avversaro con il classico "Se foldo mi fai vedere le carte?", lui risponde di no, ma dopo qualche minuto ci ripensa e appena comunica a Roberto che gli mostrerà la mano, quest'ultimo passa. Geller mostra i due Re e sono applausi per il gallese che solo a quel punto gira i suoi Jack.

Bertrand "ElkY" Grospellier - APPT 2007

Il player francese è uno dei migliori a livello mondiale, come dimostra la sua "Triple Crown", ovvero la cosiddetta "tripla corona" che spetta ai giocatori riusciti a vincere un titolo nelle WSOP, uno nel WPT e uno nell'EPT. Elky sfoggia le sue capacità di lettura dell'avversario in questa mano giocata durante la prima edizione dell'Asian Pacific Poker Tour. Tan apre A♦Q♥ ed ElkY rilancia con Q♦J♦, trovando il call del giocatore asiatico. Al flop cadono 8♥5♥Q♠ ed il francese opta per un check, mentre Tan decide di puntare metà piatto. Grospellier studia l'avversario e decide di foldare la top pair.



Joe Hachem e Brandon Sampson - EPT Copenhagen 2006

In questa mano possiamo vedere in azione ben 4 giocatori e due grandi fold. Fagerli apre da early position una coppia di 7, trovando il call di 3 giocatori: Sampson con [10s][10d], Hachem con 7♣5♥ e Jensen con 8♥6♥

Il flop 5♠9♦7♠ mette ognuno dei giocatori nelle condizioni di pensare di essere il più forte, con Sampson che ha over pair, Hachem doppia coppia, Jensen scala e Fagerli che trova il tris di 7. Il primo a puntare è Fagerli che trova il call di Sampson e il rilancio di Jensen, seguito dal re-raise di Hachem.

Fagerli ci pensa e chiama la puntata di Hachem, instant fold di Sampson e all-in di Jensen. Hachem tanka ma alla fine decide di foldare. Anche Fagerli si prende qualche momento per pensare ma non riesce a passare il suo tris: ad aggiudicarsi il ricco piatto è la scala di Jensen.



Mikhail Smirnov - $1.000.000 Big One for One Drop

Quella che vi stiamo per raccontare è una mano entrata ormai nella leggenda, sia per la posta in palio sia per il punto che è stato foldato. All'inizio si è anche parlato di un "fake" ma alla fine la vicenda è stata confermata da testimoni oculari. Se poi si sia trattato del più grande "hero fold" della storia o del più grande errore mai commesso questo è ancora oggi un mistero. Protagonista assoluto di questa vicenda è l'uomo d'affari russo Mikhail Smirnov, che inizia la sua mano callando con 8♥8♦ la puntata di Tom Dwan. Oltre a loro nel piatto c'è un altro ricco finanziere, John Morgan, che si limita al call.

Flop J♠8♣7♠. Sulla puntata di Smirnov, Dwan folda e Morgan vede. Turn 8♠, quads per Smirnov ed altro giro di puntate da 200.000. Si arriva cosi al river che è K♠. A questo punto l'unica cosa che può spaventare Smirnov è una scala colore. Lui punta 700.000, ma Morgan va all-in per 3 milioni.

Cosa passa per la mente di Smirnov in quel momento? La cosa più probabile sembra essere che Morgan abbia "semplicemente" chiuso colore al river o forse un full house nel caso in cui avesse avuto una coppia di Re. Ma probabilmente Smirnov crede di più all'ipotesi che il suo avversario abbia clamorosamente [10s]9♠. Quindi folda fiero e mostra la sua coppia di 8. Il tavolo diventa una bolgia e i media impazziscono.

Se Morgan avesse o meno scala colore è soltanto un dettaglio.

Archivio