pokerstars.it

Giovani leve: i record dei più giovani campioni di poker

Se guardate le foto dei primissimi tornei di poker, non solo ogni giocatore è un uomo bianco, ma ogni giocatore è un anziano uomo bianco. Nei primi tempi, dovevi fare molta gavetta prima di essere accettato ai tavoli più importanti.

Ma verso la fine del 20° secolo, e sicuramente dall'avvento del poker online e dal conseguente boom degli anni 2000, i tornei di poker sono stati dominati da giovani brillanti. Nell'era del boom, i giovani potevano guardare il poker in TV, aprire un account online appena erano maggiorenni, e poi affinare rapidamente le proprie abilità e padroneggiare la strategia del poker.

L'unico ostacolo all'ingresso nei principali tornei dal vivo era il limite di età imposto dalla giurisdizione locale. Ma una volta superato anche questo ultimo limite, i ragazzini magici si sono seduti e hanno subito iniziato a vincere.

Ecco uno sguardo ad alcuni dei risultati più importanti raggiunti dai più giovani giocatori nel mondo del poker.

Main.jpg

Joe Cada, Mike McDonald, Annette Obrestad e Jake Cody hanno stabilito record giovanissimi

WSOP MAIN EVENT

Hellmuth.jpg

Il record di Phil Hellmuth è durato per vent'anni

Quando Johnny Moss vinse la prima edizione di quello che sarebbe diventato noto come il Main Event delle World Series of Poker (WSOP), aveva 63 anni. L'anno era il 1970 e Moss era l'archetipo del giocatore di poker dell'epoca. Non molti giovani riuscivano a trovare 10.000 dollari con cui iscriversi ad un torneo di poker negli anni '70. Nonostante ciò, Moss fu rapidamente spodestato nel 1972 da un vivace 43enne di nome Thomas "Amarillo Slim" Preston, che divenne subito il più giovane vincitore del titolo. Nei sei anni successivi nessun giocatore più giovane riuscì a vincere il titolo.

Fino al 1978, quando il 28enne appassionato di strategia Bobby Baldwin stabiliì il nuovo record vincendo il Main Event delle WSOP, superato a sua volta da Stu "The Kid" Ungar nel 1980, quando aveva solo 26 anni. Nel 1989 anche il record di Ungar è caduto: Phil "The Poker Brat" Hellmuth, nato nel 1964, è diventato il più giovane campione WSOP a 24 anni.

Il record di Hellmuth ha resistito molto tempo, nonostante le WSOP siano cresciute notevolmente tra gli anni '90 e l'inizio degli anni 2000. Poi, quando la serie è passata al casinò Rio e sono stati introdotti i November Nine, un giocatore danese con la faccia da bambino di nome Peter Eastgate ha strappato la corona di Hellmuth. Eastgate aveva 22 anni.

Considerando che l'età legale per il gioco d'azzardo in Nevada è fissata a 21 anni, sarebbe stato ragionevole aspettarsi che il record di Eastgate durasse almeno quanto quello di Hellmuth. Ma in realtà è bastato un anno per batterlo. Nel novembre 2009, Joe Cada ha vinto il Main Event delle WSOP all'età di 21 anni, 11 mesi e 24 giorni - 340 giorni in meno di Eastgate.

Cada.jpg

Joe Cada: tuttora il più giovane campione del WSOP Main Event

Il record di Cada resiste ancora oggi, ma con il torneo che ha abbandonato il formato November Nine, gli aspiranti sfidanti hanno adesso un vantaggio di tre mesi su Cada. Aveva solo 21 anni, sette mesi e 16 giorni quando il torneo è iniziato, ma ha dovuto aspettare parecchio tempo per chiuderlo. Questo ora non succede più.

WSOP ALTROVE

Annette.jpg

Annette Obrestad ha vinto le WSOP a 18 anni

Per i primi 37 anni, le World Series of Poker si sono prese un po 'di libertà con il proprio nome. Il "mondo" si estendeva solo fino a Las Vegas, Nevada - e questo significava che i giocatori più giovani avrebbero dovuto avere almeno 21 anni, l'età legale per il gioco d'azzardo nello stato (e, in effetti, negli Stati Uniti), per partecipare.

Ma quando le WSOP si sono espanse in Europa, in particolare a Londra nel 2007, i giocatori dovevano solo avere 18 anni per potersi iscrivere. Ciò ha attirato tutta una serie di fenomeni dell'online, il più sorprendente dei quali è arrivato fino al titolo.

Nel 2007, Annette Obrestad era ancora meglio conosciuta con il suo soprannome online "Annette_15". Dopotutto, era il nome con cui aveva terrorizzato migliaia di avversari su PokerStars. La norvegese ha dimostrato rapidamente di essere altrettanto formidabile anche dal vivo, battendo un field di 362 giocatori in un evento dal buy-in di 10.000 sterline. Quando ha ottenuto la vittoria, battendo John Tabatabai all'heads-up, è diventata più ricca di 1 milione di sterline - un giorno prima di compiere 19 anni.

Nel 2020, Obrestad è ancora l'unica giocatrice ad aver vinto un braccialetto WSOP a soli 18 anni.

LO EUROPEAN POKER TOUR

McDonald.jpg

Il fantastico Mike McDonald

Non sono state solo le bellissime location, la superlativa organizzazione dei tornei e gli enormi montepremi che hanno reso fin dall'inizio lo European Poker Tour (EPT) un evento enormemente popolare. In Europa quasi tutti i Paesi richiedono un'età legale di 18 anni per il gioco d'azzardo, il che significa che i giocatori di poker online del Nord America hanno potuto mettere alla prova il loro coraggio nei tornei dal vivo andando all'EPT, anticipando di tre anni il debutto nei casinò più vicini a casa. Il facile percorso di qualificazione attraverso i satelliti online di PokerStars ha reso il viaggio ancora più fluido.

Il primo americano a vincere l'EPT Grand Final, il georgiano Jeff Williams, rimane ancora il più giovane vincitore di quel particolare evento. L'uomo conosciuto all'epoca come "yellowsub86" aveva solo 19 anni quando vinse a Monte Carlo nel 2006, guadagnando quasi 1,1 milioni di dollari.

Tuttavia, il più giovane vincitore in assoluto di un Main Event dell'EPT ha ottenuto risultati ancora più grandi di Williams. Mike "Tîmex" McDonald aveva solo 18 anni, quattro mesi e 23 giorni quando vinse l'EPT di Dortmund nel febbraio 2008, incassando un assegno del valore di 933.600 dollari. Allora McDonald aveva un sorriso giovanile e l'apparecchio per i denti, ma anche un gioco più sofisticato di chiunque altro. Una cosa forse ancora più notevole è che quello non era nemmeno il suo primo premio EPT. Il dicembre precedente, a soli tre mesi da quando aveva compiuto 18 anni, era arrivato 14 ° al Main Event dell'EPT di Praga.

McDonald è stato una presenza fissa nel poker di alto livello per il decennio successivo, con guadagni in carriera dal vivo che superano i 13 milioni di dollari. Sebbene giochi molto meno in questi giorni a causa delle sue altre attività, McDonald è il brillante "più giovane di sempre" dell'EPT.

IL WORLD POKER TOUR (WPT)

Beglund.jpg

Lukas Berglund: tuttora il più giovane vincitore del WPT

Per le prime stagioni - e similmente alle WSOP - la definizione di "mondo" del World Poker Tour (WPT) non andava oltre i confini degli Stati Uniti. Significava che i vincitori più giovani avrebbero avuto almeno 21 anni. Ma quando il WPT ha iniziato a viaggiare anche all'estero, in giurisdizioni che consentivano il poker a 18 anni, i giovani hanno improvvisamente iniziato a prendere il sopravvento.

Ecco i quattro momenti di svolta nella storia del WPT che ci hanno regalato i campioni più giovani d'età (si ringrazia Matt Clarke dell'ufficio stampa del WPT per i dati forniti). Date uno sguardo al risultato di Ryan Van Sandford, in particolare. È diventato un campione del WPT solo quattro giorni dopo il suo 21esimo compleanno.

Negli Stati Uniti:

Nick Schulman

Ha vinto le finali del WPT World Poker a Foxwoods (stagione 4) il 18 novembre 2005 all'età di 21 anni, due mesi e un giorno.

Ryan Van Sanford

Ha vinto il WPT bestbet Bounty Scramble (stagione 13) l'11 novembre 2014 all'età di 21 anni e quattro giorni.

Negli altri Paesi:

Randall Flowers

Ha vinto il WPT Barcelona il 30 giugno 2009 nella stagione 8 all'età di 20, 10 mesi e 23 giorni.

Lukas Berglund

Ha vinto il WPT Barcelona il 29 maggio 2011 nella stagione 10 all'età di 18 anni, 10 mesi e sei giorni.

Il "TRIPLE CROWN" DEL POKER

Solo nove giocatori hanno vinto la cosiddetta "Triple Crown" di poker - un Main Event EPT, un WPT e un braccialetto WSOP - e ci sono controversie sul fatto che un paio di questi debbano essere inclusi nel conteggio. Ma è un club esclusivo, nel quale inseriamo anche Davidi Kitai che ha vinto un WPT ad invito, e Roberto Romanello, la cui vittoria alle WSOP è arrivata durante le serie online del 2020. La stragrande maggioranza dei giocatori non si è neppure avvicinata a questo traguardo.

Non si può contestare il dominio di Jake Cody, tuttavia, quando si esaminano i record della Triple Crown. Ha vinto un enorme e prestigioso EPT a Deauville nel gennaio 2010, seguito da un torneo WPT con buy-in da 5.000 sterline a Londra sette mesi dopo, e ha terminato il lavoro al torneo heads-up delle WSOP con buy-in da 25.000 dollari nel giugno 2011. Gli ci sono voluti un anno, quattro mesi e 11 giorni, che è di gran lunga la Triple Crown più veloce di sempre.

Cody.jpg

Jake Cody

Cody è stato anche il giocatore più giovane a concludere tutto, battendo Gavin Griffin in questo particolare record. Griffin è stato il primo giocatore a completare la Triple Crown, vincendo un braccialetto WSOP nel 2004, un titolo EPT nel 2007 e un evento WPT nel 2008, ma aveva 27 anni quando vinse il terzo di questi. Cody ha iniziato la sua ascesa quando aveva 21 anni e sei mesi, e ha ottenuto l'ultimo pezzo a 22 anni e 11 mesi.

Di tutti i "più giovani di sempre" di questo articolo, il successo della Triple Crown di Cody sarà probabilmente il più difficile da battere.

DA NON DIMENTICARE...

Daniel Negreanu è stato il giocatore più giovane a vincere un braccialetto delle World Series. A 23 anni e appena uscito dai club underground della sua nativa Toronto, Negreanu ha vinto il primo evento WSOP a cui abbia mai giocato, un torneo di pot limit Hold'em da 2.000 dollari nel 1998.

Il record però adesso appartiene a Steve Billirakis, che si è imposto in un hold'em mix da 5.000 dollari nel 2007 a soli 10 giorni dal suo 21° compleanno.

Adrian Mateos ha vinto un Main Event WSOP-E a 19 anni e ha vinto l'EPT Grand Final a 20 anni, ma non è stato il giocatore più giovane a farlo. Tuttavia, è il giocatore più giovane ad aver vinto tre braccialetti WSOP.

Archivio