pokerstars.it

Andrea "andryguen" Panarese: "Il MS-27 l'ho giocato per caso"

Andrea Panarese ha cominciato la sua carriera al contrario: nel 2012 ha portato a casa la prima moneta da €40.000 al Monday Special di PokerStars.it, poi ha deciso di studiare il gioco in maniera più approfondita chiedendo consiglio anche a Rocco Palumbo, infine ha vinto un evento delle Micro Series.


andryguen-andrea-panarese.jpg

Un torneo del genere non rientrerebbe neanche nel suo schedule: "andryguen" gioca regolarmente tornei ABI 50 da oltre due anni: "Parto dai 5+5+5 fino ai 250 euro, escluso The Bigger serale che di tanto in tanto tolgo dal programma poiché non ha un ottimo rapporto fish/reg". Eppure domenica il destino ha voluto che lui partecipasse all'evento 27, dove è risultato primo su un field di ben 3.146 giocatori: "È stato emozionante vincere il Sunday Million", esordisce ironicamente in questa intervista. In effetti, una prestazione del genere in un evento dal buy-in più costoso avrebbe fruttato una cifra da capogiro.

Come mai hai scelto di giocare il MS-27?
Essendo domenica, ho aggiunto tutti i tornei che potevo, ero addirittura tentato dal Rebuy Madness ma alla fine, non avendo lo schermo adatto e con i tavoli cash aperti, ho preferito evitare gli eventi dal buy-in più basso e qualche 6-max per non perdere il focus sui 15 tornei che avevo già aperto. Il mio schedule serale prevede fra i 15 e i 20 tornei fissi più 10 tornei che si aggiungono come sostituti man mano che perdo qualcosa. Vivendo a Milano non porto con me gli schermi e "l'attrezzatura" adatta per le sessioni estreme, e a dire il vero non grindo quasi mai da Lecce ma la febbre mi ha rinchiuso a casa per qualche giorno. Come si dice? Non tutti i mali vengono per nuocere.

Com'è andato l'evento Micro Series che hai vinto?

Il field del torneo, essendo un low stake, l'ho trovato abbastanza facile. Rimasti in 10 c'era un tavolo particolarmente aggressivo ma sono riuscito comunque a gestire bene ogni spot. Nel torneo di ieri ho messo molta pressione al tavolo quando ho notato un paio di ragazzi che facevano fatica ad adattare i range al 4-max e foldavano veramente tanto alle mie aperture e alle mie 3bet, quindi fare chips uncontested è stato abbastanza semplice.

Come si è evoluta la tua carriera pokeristica?

Da circa due anni gioco MTT, ho iniziato con un big shot del tutto casuale. Mi son ritrovato con 4.000 FPP nel conto il 2 gennaio del 2012 in concomitanza con il Monday Special da €300.000 garantiti che PokerStars.it aveva organizzato in occasione delle feste natalizie.

Per qualificarmi all'evento ho provato a giocare i sit and go 9-max che mettevano in palio un ticket per il primo classificato, dopo 3 tentativi sono riuscito a vincerlo. Avevo chiuso il Day 1 con 20 bui, ma alla fine sono riuscito a incassare €40.000 di primo premio dopo il deal.

Non male come inizio...

C'è da dire che in quell'occasione sono stato veramente molto fortunato, avevo solo letto alcuni libri teorici e giocato circa 500 tornei online in tutta la mia vita.

Che cosa è successo dopo quella vittoria?
Volevo studiare meglio il gioco, così ho contattato Rocco Palumbo su Facebook per chiedergli delle linee guida e sotto suo consiglio ho cominciato a consultare il materiale disponibile sui forum. Da lì a poco ho preso Emiliano "Ifac2Gud2Win" Conti come coach, sono ormai due anni che gioco MTT quattro giorni su sette.


andryguen-grafico.png

Il grafico MTT di "andryguen": niente male!
Il poker è il tuo lavoro?

Per il momento non mi reputo un Professionista al 100% perché sono iscritto all'Università Cattolica e devo ancora terminare gli studi.

Cosa studi?

Economia e gestione Aziendale. Se ritrovo gli stimoli giusti farò subito la specialistica in Finanza altrimenti prenderò un anno libero per imparare le lingue e poi valuterò il da farsi.

Per il momento l'unico obiettivo rimane la laurea e l'auto-sostentamento tramite il Poker Online.

Riesci a conciliare i tavoli virtuali con la tua facoltà?

Vista l'imminente laurea, ho pensato di giocare un po' cash game 6-max Zoom NL50 e Full Ring NL100 da circa 1mese e mezzo a questa parte. Credo che cosi facendo dovrei avere più tempo a disposizione per frequentare le lezioni e raggiungere questo traguardo. Appena finita l'università valuterò l'offerta del mercato del lavoro, nel caso di esito non soddisfacente farò un'esperienza fuori dall'Italia anche per imparare altre lingue.


andryguen-girlfriend.jpg

Quanto tempo giochi a poker ogni settimana?

Gioco Lunedi-Martedi-Giovedi-Domenica per circa 8 ore a sessione, e tutti i pomeriggi faccio coaching dalle 14 alle 16/17 a dei ragazzi che seguo da qualche mese. Le sere libere le dedico alla ragazza con cui convivo da ormai 3anni (che ringrazio per la pazienza), palestra, università e da circa un anno seguo con costanza la politica nazionale.

I tavoli cash sono più flessibili e ti permettono una migliore organizzazione?

Si, con il cash game riesco a gestire meglio il tempo e soprattutto posso ritrovare il giusto ritmo che purtroppo con gli MTT non è possibile avere, in quanto le sessioni spesso finiscono dopo le 03:30. Non vivendo la metà della giornata diventa molto difficile studiare per la laurea, a questo si aggiungono le lezioni di coaching che tengo nel primo pomeriggio. Con il cash game farei invece sessioni di 2 ore con pause di 2 ore tra una sessione e l'altra che riempirei studiando gli esami rimanenti, avrei anche tempo per seguire i miei allievi, frequentare la palestra con regolarità e curare tutto il resto. Per il momento non ho ancora diminuito la mole di gioco ma da gennaio, in vista delle sessioni d'esame, mi toccherà tagliare drasticamente le serate di grinding fino a metà febbraio.

Hai in già in programma di partecipare ad altri eventi delle Micro Series?

Non ho schedulato nulla semplicemente perché non son sicuro dei giorni che avrò a disposizione per giocare, ma sicuramente quando sarò al PC aggiungerò tutti gli eventi che partono, considerato che con la vittoria di ieri potrei essere in corsa per la classifica.


Vuoi aggiungere qualcosa?

Vorrei ringraziare Emiliano Conti, Paolo Ciuffi, Antonio Smeraglia, Alessandro Borsa, Rino Fusco, Danilo Pianeta ed Enrico Camosci che sono le persone con le quali mi confronto con costanza.

Gianvito Rubino per PokerStars.it

Archivio