pokerstars.it

JJ vs KQ: quale mano è favorita?

Mi piace pensare al conteggio degli outs come una scienza quando lo showdown è avvenuto, invece la ricollego all'arte quanto la mano dell'avversario non e' svelata.



Nel nostro caso, avendo il nostro avversario JJ senza cuori, il conteggio è un po' più complicato del solito ma con la dovuta attenzione non si può sbagliare: 8 out per la scala, 9 per il flush dai quali dobbiamo togliere però qualche out finto e qualche carta "ripetuta". Il 2 di cuori ci darebbe flush, ma trasformerebbe in full house la mano dell'avversario. L'asso di cuori ed il nove di cuori sono conteggiati sia tra gli out a scala che quelli a flush, quindi dobbiamo fare attenzione a non includerli due volte. Il totale delle carte da sottrarre è 3, portando il nostro numero di outs a 14. Su 44 carte rimanenti nel mazzo i 14 outs ci danno il 31.8% di chance di superare il set di Jacks del nostro avversario.

Percentuale di tutto rispetto ma forse considerando la "bellezza" della nostra mano forse neanche così entusiasmante. Giocare contro una coppia di Jacks è una delle situazioni peggiori per la nostra mano. Se il nostro avversario avesse in mano una doppia coppia, magari JT senza cuori, avremmo addirittura il 50% di chance, 22 outs esatti.

Era questo che intendevo come arte: il conteggio degli outs senza sapere la mano dell'avversario. A volte avremo 9 out a flush disponibili, altre volte il nostro avversario avrà delle carte del nostro stesso seme levandoci qualche possibilità. Altre volte il nostro avversario avrà un flush draw più alto del nostro levandoceli tutti, ma magari avremmo possibilità di vincere anche con solo una coppia.

Gli Outs possono essere sfuggenti, e spesso dobbiamo considerare l'ipotesi che si trasformino in Douts, un concetto un po' più avanzato che tiene conto dell'incertezza delle percentuale data dall'elemento che rende questo gioco cosi`affascinante: l'informazione incompleta.



Archivio