pokerstars.it

L'intuizione nel poker

Home Page

Qual è il ruolo dell'intuizione nel poker?

L'intuizione è una forma di previsione, che permette di raggiungere un risultato in maniera inconsapevole. Nel gioco del poker questo si traduce nel prendere una decisione senza un percorso logico, ma "sapendo" che sarà quella giusta. Da questo inizio avrete già capito che ci stiamo infilando in un argomento forse più filosofico che di tecnica...

Splash.jpg

Perché l'inutizione è importante nel poker e perché ne parliamo così spesso? La risposta è semplice: il poker è una serie di decisioni. Anche senza multitablare, un giocatore dove prendere una decisione circa ogni 30 secondi. Con 8-10 tavoli aperti contemporaneamente, le decisioni diventano 15-20 ogni minuto, il che significa che ci sono 3-4 secondi per ogni situazione. Nel poker online, quindi, bisogna saper decidere in fretta: non c'è tempo sufficiente per analizzare ogni singolo dettaglio e in certe situazioni bisogna usare l'istinto che, quando diventa una guida affidabile, consente di avere un grande vantaggio sugli avversari.

Le cose da non fare

Prima di tutto, non bisogna forzare l'intuizione, la quale o viene da sola, o non viene affatto. Ci sono giocatori particolarmente intuitivi che spesso preferiscono quel tipo di decisioni rispetto a quelle prese sulla base di elementi statistici o per routine. Al contrario di chi, sprovvisto di intuizione, deve fare affidamento sull'esperienza e sulle conoscenze acquisite.

D'altra parte, non dobbiamo aspettarci di avere un'intuizione su un fatto del tutto casuale, ma solo su elementi dei quali abbiamo un minimo di esperienza. C'è qualche giocatore che dice di fidarsi quasi sempre del proprio istinto quando deve prendere una decisione. Attenzione però a non estremizzare questo atteggiamento e trasformarlo in fantasia: non possiamo giocare due carte dello stesso seme solo perché "sentiamo che chiuderemo colore"!

L'intuizione funziona bene soprattutto quando si tratta di valutare se l'avversario sia in bluff o invece abbia una mano molto forte. Possiamo intuire di essere avanti allo showdown con la nostra mano marginale, ma di certo non immaginare come usciranno le carte dal mazzo solo perché ci "sentiamo fortunati".

Quando affidarsi all'istinto

Facciamo un esempio, abbastanza comune. Siamo al river, con in mano top pair ma kicker debole. Il nostro avversario overbetta all-in. Il primo istinto suggerisce che ci sia qualcosa di sbagliato, ma scoprirlo potrebbe risultare molto costoso. Una serie di pensieri si formano in testa:

- Foldare?

- Chiamare?

- Mi è già capitata una situazione simile in precedenza?

- In quel caso, cosa aveva l'avversario al river?

- O forse l'avversario ha già fatto un'azione simile prima?

- Cosa può vincere o perdere con questa mano?

- E cosa posso perdere io se prendo la decisione sbagliata?

- Ho qualche dato statistico su situazioni simili contro questo avversario?

- No, e questo è un bene o un male?

- Che idea si è fatto di me come giocatore?

- Su che range di mani potrebbe mettermi?

Dal momento che il time bank sta per scadere, bisogna prendere una decisione in fretta. Allora chiamiamo ed è la scelta giusta perché l'avversario mostra un bluff e ci regala un piatto enorme.

Di fatto, cosa è successo? Non è stato possibile ragionare su ogni piccolo dettaglio e per questo ci sfuggono i motivi per i quali abbiamo preso quella decisione. Ma era quella giusta. Né il tempo a disposizione né le informazioni disponibili erano sufficienti per essere certi della mossa corretta. A guidarci è stata la sensazione che l'avversario potesse bluffare abbastanza spesso in quel determinato spot, e questo ha reso +EV il call.

La prima impressione

La vera intuizione è quella che ci illumina in meno di un secondo. Quella che arriva quando ancora non abbiamo pensato a niente, ma la sensazione è già forte. E' la "prima impressione". La morale di questo articolo è proprio questa: dobbiamo fidarci della prima impressione. Potremmo dire che nel 75% dei casi si rivelerà quella giusta. Alcuni giocatori potrebbero anche avere una corretta prima impressione il 90-95% delle volte.

Naturalmente quando ci sono altri elementi a supporto della decisione che dobbiamo prendere, usiamoli! L'importante però è non allontanarsi troppo dalla prima impressione, a meno che non ci sia una ragione più che buona per farlo.

Per ogni domanda scrivi nel nostro canale Discord .

Torna agli articoli »

Archivio