pokerstars.it

Stai commettendo uno di questi cinque errori comuni nel poker?

di Jack Stanton per PokerStarsblog.com

Il gioco del poker online è cambiato parecchio nel corso degli anni, specialmente per quanto riguarda la strategia e i metodi di studio. Alcune cose però non cambiano mai, perciò spesso vi ritroverete al tavolo giocatori amatoriali che commettono gli stessi errori che i principianti commettevano già parecchio tempo fa.

Se state cercando di migliorare il vostro gioco online, o se volete qualche consiglio per battere i vostri amici nelle partitelle del fine settimana, ecco gli errori più comuni commessi giocando a poker che dovreste cercare di sradicare dalle vostre abitudini.

chips_004_1920x1080px.png

Sottovalutare la posizione

La vostra posizione al tavolo rispetto agli avversari è uno dei fattori più importanti quando dovete decidere se giocare una mano o no, eppure molti la sottovalutano, in particolare i giocatori alle prime armi.

Per esempio, ricevere una coppia di 4 da late position e aprire rilanciando è una giocata piuttosto standard. Se lo fate da under the gun, tuttavia, e con altri otto giocatori dopo di voi, probabilmente verrete chiamati o subirete una three-bet prima del flop. Al flop, senza un 4, difficilmente vi piacerà quel che vedrete. Infine, probabilmente sarete anche fuori posizione.

Avere posizione sugli avversari vi permette un po' di flessibilità e di essere più aggressivi. Quando decidete di controrilanciare da fuori posizione pre-flop, da small blind contro l'apertura del cutoff per esempio, meglio rilanciare più del solito per dare all'avversario odds peggiori.

Pessima gestione del bankroll

Prima di registrarvi a un torneo o sedervi a un tavolo cash sui siti di poker online, chiedetevi se vi potete permettere di perdere quei soldi.

Perché ok, può essere divertente ed eccitante ogni tanto provare un tavolo con limiti più alti di quelli a cui siete abituati, ma persino il giocatore che la settimana scorsa ha vinto il Sunday Million da $109 (incassandone $110.000), Vinicius Perri, ci ha rivelato che in media spende $35 per il buy-in. Insomma, meglio non mettere tutte le uova nello stesso cestino. Affidare le vostre speranze al risultato di una singola partita, per di più dove non potete permettervi di giocare, influenzerà la vostra capacità di giudizio e vi impedirà di giocare al meglio.

Assicuratevi di sentirvi sempre tranquilli dal punto di vista finanziario, in qualsiasi partita giochiate.

Giocare troppo tight o troppo loose

A differenza del poker che si gioca nei casinò, il poker online si sviluppa velocemente e permette a tutti di vedere molte più mani, visto che per ogni azione è previsto un tempo limitato. Tuttavia, non sedetevi sugli allori. Aspettare una coppia alta e A-K va bene, ma se siete ridotti ad uno short stack, quando finalmente vedrete una mano del genere e raddoppierete, probabilmente non vi troverete in una posizione comoda.

Se guardate giocatori come Lex Veldhuis, Fintan Hand o Benjamin Spragg giocare in streaming su Twitch, li vedrete mixare il loro gameplay aprendo con mani come suited connector da mid-late position, di tanto in tanto. Questo non solo vi garantisce maggiori probabilità di ingrandire il vostro stack, ma vi rende anche meno prevedibili.

Ovviamente, non esagerate iniziando ad aprire con qualsiasi mano da qualsiasi posizione. Nel breve periodo potreste anche guadagnare qualche chip (come fa Lex Veldhuis nel torneo "all-in ogni mano", dove spesso si ritrova uno stack enorme prima di perderlo tutto) - ma nel lungo periodo questo modo di giocare vi si ritorcerà contro.

Perdere valore e sbagliare l'importo delle puntate

Il mini-raise è una mossa che si vede spesso nelle partite tra amici. Qualcosa tipo "vedo i tuoi dieci e rilancio di altri dieci".

Anche se a volte il mini-raise è una giocata ragionevole, farlo spesso significa perdere infinito valore. Se avete una mano forte, puntate forte e sperate di ricevere un call!

Quando vedete il flop, cercate di stabilire un piano d'azione che riguardi anche cosa farete al turn e al river. Se avete una mano molto forte, potreste calcolare le vostre puntate così da arrivare al river e poter andare all-in, ottenendo il massimo valore.

D'altro canto, se la vostra mano è pessima non c'è bisogno di puntare tutto il piatto. Provateci, sicuramente, ma rendetevi la vita più facile puntando di meno. In questo modo, se il vostro avversario dovesse rilanciare, potrete foldare senza aver danneggiato troppo il vostro stack.

Date un'occhiata alla hand history recente per vedere se avete perso qualche opportunità di estrarre più valore, o di ridurre il rischio puntando meno.

Lasciare che le emozioni prendano il sopravvento

C'è una cosa che ha mandato all'aria più giocatori di poker nella storia di qualsiasi altra. Sapete bene di cosa stiamo parlando. Di quella terribile parola che inizia per "t".

È facile che il tilt prenda il sopravvento quando la vostra coppia d'assi viene distrutta da J-6 offsuit, o quando il vostro avversario centra il mono-out in un piatto che vale il primo posto. Le bad beat sono brutali.

Dovete pensare che avrete sempre la possibilità di giocare ancora il giorno dopo, la settimana dopo, o il mese dopo. Se pensate di non riuscire più a giocare al meglio, allontanatevi dal tavolo e non lasciatevi sopraffare dalle emozioni. Il vostro bankroll vi ringrazierà la mattina successiva.

Archivio