pokerstars.it

Cos'è una 3-bet (e quando dovresti usarla?)

Quando un giocatore apre preflop e tu lo rilanci, in realtà hai 3-bettato su di lui. Una 3-bet è quindi il primo controrilancio (cioè il secondo rilancio) prima del flop.

Main.jpg

Se avessi guardato molto poker in TV durante il boom del gioco, avresti sentito spesso la parola "reraise" o "controrilancio" da parte dei commentatori (e anche dei giocatori stessi quando annunciavano le loro intenzioni). Ma i giocatori di poker e i commentatori raramente dicono "reraise" oggigiorno, poiché questa azione è ora comunemente indicata come una 3-bet.

Sebbene ampiamente utilizzata come termine nel No Limit Hold'em, la 3-bet ha avuto origine nel Limit Hold'em, dove i giocatori possono rilanciare solo con limiti fissi. Quindi l'open iniziale (il doppio del big blind) è chiamato "two-bet", e il controrilancio è quindi il "three-bet".

Questo continua anche con la "four-bet" (il secondo controrilancio, o terzo rilancio preflop), la "five-bet" e così via.

A volte una di queste puntate è un all-in, nel qual caso potresti sentire qualcuno chiamarla "shove a tre puntate" o " a quattro puntate". Questo ti fa sapere che c'è stata una certa quantità di rilanci prima della loro azione.

Clicca questo link o l'immagine qui sotto per vedere un esempio di una 3-bet in azione.

Ivey.jpg

Il grande Phil Ivey apre a 500 con la sua coppia di assi e il giocatore immediatamente alla sua sinistra 3-betta su di lui rilanciando a 1.300. Un altro giocatore chiama la 3-bet, dopodiché Ivey 4-betta a 5.500. Entrambi i giocatori passano e Ivey incassa il piatto.

Quando dovresti usare una 3-bet?

È qui che le cose si fanno più complicate, in quanto le scelte variano in base allo stile dei giocatori.

Una cosa certa è che le three-bet dovrebbero essere parte integrante del tuo gioco di poker. Se ti limiti al call sugli open-raise preflop, non solo permetti agli altri giocatori di chiamare investendo poco, ma non controlli mai il gioco al flop.

Ci sono molti vantaggi nel 3-bettare invece di chiamare:

  • • Puoi vincere il piatto subito, senza vedere il flop
  • • Riduci il numero di avversari e aumenti le probabilità di vincita allo showdown o tramite fold equity post-flop
  • • Puoi costruire un piatto più grande quando hai una mano forte
  • • Puoi vincere grandi piatti con mani marginali quando centri il flop

Ma come decidere con quali mani fare una three-bet? Per prima cosa, dobbiamo costruire un range di 3-bet e questo dipenderà dalla nostra posizione e dalla dimensione del nostro stack.

Pete Clarke di PokerStars School dice che il nostro range di 3-bet dovrebbe essere lineare o polarizzato.

"Fare three-bet con un range lineare significa farlo a partire da AA e poi in giù con tutte le mani più deboli di AA fino a quella che consideriamo troppo debole per una 3-bet. Ad esempio un limite potrebbe essere rappresentato dal gruppo 88+, suited broadway, assi suited, AJo+, KQo+, T9s, 98s. Oppure si può restringere il range ancora di più. Lineare significa essenzialmente "nessun gap". Quando piazziamo 3-bet lineari, non preferiamo mai una mano più debole a una più forte".

Secondo Clarke, ci sono due circostanze in cui facciamo 3-bet con un range lineare:

• Quando non stiamo costruendo un range di call contro l'open. In questo caso, entriamo nel piatto con una 3-bet o non entriamo. Non avrebbe senso scegliere di giocare una mano più debole di quella che stiamo passando, quindi facciamo 3-bet dall'alto verso il basso.

• Quando gli avversari non foldano molto con le 3-bet. In questo caso, vogliamo solo aumentare la dimensione del piatto per il valore e non per la fold equity. Il bluff con 3-bet non è consigliabile e quindi abbiamo 3-bettato tutte e solo quelle mani ritenute abbastanza buone per essere una 3-bet di valore.

last.jpg

Il 3-betting dovrebbe essere una parte integrante del tuo gioco.

Allora, che dire di un range di 3-bet polarizzato?

"Un range di 3-bet polarizzato ha una componente di valore e una componente di bluff", afferma Clarke. "Questi due gruppi di mani sono separati da un range di call. Pertanto, quando abbiamo 3-bettato polarizzato, dobbiamo avere un range di call che funga da cuscinetto tra le value hands e i bluff".

Un intervallo polarizzato potrebbe assomigliare a: JJ+ AQs+ AKo, A2s-A5s T9s 98s 87s, nell'esempio più estremo.

"Se il nostro range è puramente polarizzato, significa che stiamo flattando le mani tra questi due gruppi e foldando tutte le mani più deboli dei nostri bluff con 3-bet", continua Clarke.

"Un'altra opzione moderna è quella di giocare un range polarizzato misto. Questo implica comunque avere una parte di mani molto forti su cui fai sempre una value 3-bet. La differenza con questo range è che alcune delle mani più deboli si mescolano tra 3-bet e call. Questo ha il vantaggio di aumentare il calibro dei bluff, ma lo svantaggio di giocare meno mani in generale. Abbiamo solo una quantità limitata di spazio per bluffare nella nostra strategia prima che diventi troppo pesante e manipolabile. Questo potrebbe andare bene contro i giocatori più deboli che foldano troppo, ma è una problema contro gli avversari più forti. Quindi, quando 3-bettiamo A5 come bluff, abbiamo meno spazio per K3".

Optiamo per un intervallo polarizzato quando:

• Vogliamo avere un range di call

E

• Pensiamo che gli avversari foldino molto spesso davanti a una 3-bet

Archivio