pokerstars.it

8 varianti di poker originali da provare con gli amici

State cercando una variante di poker diversa per la prossima partita con gli amici? Date un'occhiata alle nostre proposte: non le troverete al casinò!

UNIQUE-POKER-GAMES.jpeg

Phil Ivey ha cominciato a giocare al Five-Card Stud con il nonno. Daniel Negreanu è cresciuto a Toronto giocando a Vanunu. Il primo piazzamento a premio di Phil Hellmuth alle World Series of Poker arrivò in un evento di Seven Card Stud Split.

Le generazioni più giovani dei giocatori si buttano direttamente nel No-Limit Texas Hold'em, la variante di poker più famosa, ma così facendo spesso trascurano i mixed games e altre varianti interessanti. Ne esistono tantissime.

Perché allora limitare le vostre partite con gli amici al Texas Hold'em, quando là fuori c'è una moltitudine di tipi di poker divertenti da provare?

In questo articolo troverete le regole di otto varianti di poker originali che voi e i vostri amici potete imparare in poco tempo. E che, soprattutto, non troverete né a Las Vegas né su PokerStars.


LAZY PINEAPPLE (a.k.a. TAHOE PINEAPPLE)

Qualità unica: si comincia e si finisce a puntare con tre carte, non due

Il Pineapple è una variante del Texas hold'em, in cui i giocatori ricevono tre carte private invece di due, per poi scartarne una prima del primo giro di puntate. Non vi piace? Allora tenetevi tutte e tre le carte e giocate al Lazy Pineapple (a.k.a. Tahoe Pineapple).

Come giocare al Lazy Pineapple

Il gioco essenzialmente è lo stesso del Texas hold'em, ad eccezione delle tre carte private invece di due. L'obiettivo è chiudere la miglior mano di poker a cinque carte usando flop, turn e river, combinandole con un massimo di due delle tre carte private.

Questo significa che alla fine i giocatori avranno mani di poker variegate. Terminato l'ultimo giro di puntate, chi è ancora attivo mostra la mano migliore (usando una o due carte private, o nessuna se gioca il board).


IRISH POKER

Qualità unica: si comincia a PLO e si finisce a NLHE

Come il Pineapple, l'Irish è un'altra versione del Texas hold'em con una spruzzatina di Pot Limit Omaha.

Come giocare ad Irish Poker

I giocatori ricevono quattro carte private all'inizio di ciascuna mano, e il primo giro di puntate si sviluppa come una tipica mano di Pot Limit Omaha. I giocatori alla sinistra del dealer pagano small e big blind, e l'azione si svolge in senso orario dalla sinistra del grande buio.

Il dealer gira un flop di tre carte e parte un altro giro di puntate. Una volta completato, tutti i giocatori ancora in corsa devono scartare due carte private, rimanendo con due.

Il resto della mano si gioca come a Texas hold'em: turn, puntate, river, puntate, showdown.


SIMULTANEOUS (a.k.a. HOLDEMAHA)

Qualità unica: ci gioca il team di PokerStars Blog

Questo gioco è tra i preferiti del team di PokerStars Blog: quante ore ci abbiamo passato, giocando nelle stanze di hotel e in aeroporto, durante gli eventi di poker.

Come giocare a Simulatenous

Rispetto ad altri formati di poker di cui abbiamo parlato in questo articolo, Simultaneous (o Holdemaha, come ci piace definirlo) è relativamente più semplice. Tutti i giocatori ricevono sei carte private e devono separarle in due mani: una di No Limit Hold'em (NLHE, due carte) e una di Pot Limit Omaha (PLO, quattro carte). Una volta che le mani sono sistemate a carte coperte sul tavolo, non possono essere modificate.

L'azione procede come una normale mano di PLO (si può giocare sia pot limit sia no limit, ma dato che ciascuna mano crea molta azione, forse è meglio il pot limit). Ci sono giri di puntate pre-flop, al flop, al turn e al river.

I giocatori giocano simultaneamente (da qui il nome) entrambe le mani. Se si arriva allo showdown, il giocatore con la mano migliore di NLHE vince metà del piatto, e quello con la mano migliore di PLO vince l'altra metà. Se un giocatore ha entrambe le mani migliori, si porta a casa tutto il piatto.

Il divertimento sta nel capire se l'avversario abbia solo una buona mano (e magari sta puntando per cercare di farvi uscire dal piatto) o se invece sia forte in entrambe. Oppure chissà, può darsi che entrambe le sue mani siano pessime.

Che ne dite? Provate a giocarci a casa con gli amici e poi venite a sfidarci. Ci serve carne fresca.


VANUNU

Qualità unica: richiede capacità di lettura simili alla morra cinese

Come detto, l'ex ambasciatore di PokerStars, Daniel Negreanu, in passato ha spesso citato il suo amore per il Vanunu, maturato quando era ragazzo a Toronto. Secondo il Kid Poker, il Vanunu lo ha aiutato ad affinare il suo talento nel poker e visto che questa variante combina diversi formati di gioco, la cosa non ci sorprende affatto.

Come giocare a Vanunu

Ciascun giocatore riceve sette carte coperte, che non può guardare. Poi ognuno ne rivela una alla volta: dopo ogni carta c'è un giro di puntate, con i giocatori che scommettono di avere la miglior mano high o low. Si continua così fin quando non ci sono cinque carte scoperte e due coperte.

A questo punto, i giocatori possono scartare una delle loro carte in cambio di un'altra. Un privilegio che però si paga: chi vuole cambiare una carta scoperta deve investire una cifra predeterminata, che raddoppia in caso di carta coperta.

Stabilite le mani (cinque scoperte e due coperte), ciascun giocatore deve dichiarare se gioca per l'high, per il low o per entrambi. Per farlo, i giocatori devono lanciare nel piatto delle chip (o delle monete) contemporaneamente, così che non si possa barare (come nella morra cinese): una per il low, due per l'high, tre per entrambe.

Se vi dichiarate per entrambe le mani e non le vincete, non vi spetta nulla del piatto. Se nessuno ha una mano high, la miglior mano low vince tutto il piatto. Lo stesso vale al contrario: se non ci sono mani low, la miglior mano high vince tutto il piatto. Altrimenti, la miglior mano low e la miglior mano high dividono il piatto.

Ci sono elementi di seven-card stud, razz, giochi draw, letture live: insomma, tutto ciò che occorre per rendere frizzante la vostra prossima partita a casa tra amici. Chi lo sa? Potrebbe aiutarvi a migliorare il vostro poker, come è successo a Negreanu.

Negreanu.jpg

Negreanu ama il Vanunu (e i peperoni)

DEATH WHEEL

Qualità unica: le carte comuni da usare devono essere adiacenti

Come il Vanunu, il Death Wheel (bellissimo nome, va detto) si gioca di solito hi/lo, anche se si può giocare solo high. Ma c'è un elemento in particolare che lo rende tanto divertente quanto frustrante.

Come giocare a Death Wheel

Ogni giocatore riceve quattro carte private, mentre al centro del tavolo vengono posizionate sei carte comuni, disposte a cerchio. L'idea è formare la miglior mano a cinque carte, usando solo due delle vostre e tre delle sei comuni (come nel Pot Limit Omaha). Tuttavia, le tre carte comuni che usate devono essere adiacenti (da qui Death Wheel, la Ruota della Morte).

È previsto un giro di puntate dopo la distribuzione delle carte private. A seguire viene esposta una carta comune e si punta ancora, così fino a quando tutte e sei le carte comuni vengono scoperte. Tuttavia, non vengono mai girate le carte adiacenti: va esposta solo la carta opposta a una già scoperta. In questo modo i giocatori non sanno fino alla fine quali delle tre carte potranno usare.

Ci sono sei combinazioni da tre carte possibili, che potete usare per creare la vostra mano, e dato che avete quattro carte private, di solito la mano vincente è molto forte. Perciò, se non avete qualcosa di concreto potete foldare tranquillamente molto presto.

Perché abbiamo detto che il Death Wheel è frustrante? Be', potreste chiudere una scala reale, ma se le carte che vi servono non sono adiacenti... non potrete usarle!


FIVE AND TWO

Qualità unica: il board a due carte deve essere utilizzato nella sua interezza, oppure non usato del tutto

Questa variazione del Five-Card Draw ha talmente tanti elementi unici che è assolutamente da provare con gli amici.

Come giocare al Five and Two

Il Five and Two è un gioco hi/lo split-pot, cioè ci possono essere due mani vincenti: una high e una low. La mano low viene vinta dal giocatore con la mano peggiore (ad esempio 7, 5, 4, 3, 2). Gli assi sono carte di valore alto e sta a voi decidere se volete utilizzare delle regole sulla formazione di una mano low (nell'Omaha 8-or-Better, una mano low deve essere formata da cinque carte di valore 8 o inferiore).

L'obiettivo è chiudere la migliore (e peggiore) mano a cinque carte possibile. Ma ci sono due modi per giocare.

Tutti i giocatori ricevono cinque carte private, poi vengono girate due carte comuni scoperte, immediatamente. C'è un giro iniziale di puntate prima che i giocatori possano pescare alcune carte (potete cambiare quante carte volete delle vostre cinque private).

Una volta che tutti i giocatori hanno cambiato le carte, c'è un ultimo giro di puntate, seguito dallo showdown.

A questo punto, ci sono due modi per giocare a Five and Two (da decidere ovviamente prima di iniziare la partita).

Potete giocare in modo che ciascun giocatore possa partecipare con una sola mano (high o low). Allo showdown, occorre annunciare se si sta giocando per la mano high o low, prima di mostrare le carte. Si può vincere solo la parte del piatto per la quale ci si "candida".

Ricordate: se le carte comuni sono entrambe high, c'è una buona probabilità che i vostri avversari provino a vincere mani high. Perciò, ha più senso provarci con la mano low. Allo stesso modo, se le carte comuni sono low, probabilmente i vostri avversari inseguiranno mani low, il che significa che le vostre mani high potrebbero non aver bisogno di tanta forza per vincere metà piatto.


ANACONDA

Qualità unica: passare le carte agli altri giocatori

Innervosire l'avversario dandogli tre carte spazzatura? Sembra divertente. L'unico problema è che qualcun altro farà lo stesso con voi.

Come giocare ad Anaconda

Anaconda è una versione divertente del poker, in cui ciascun giocatore riceve sette carte private. Dopo aver esaminato la propria mano, cercando la miglior combinazione di cinque carte possibile, i giocatori devono poi passare tre delle proprie carte al giocatore alla propria sinistra. Segue un giro di puntate.

I giocatori devono poi liberarsi di due carte, stavolta passandole al giocatore alla loro destra. C'è un altro giro di puntate, prima che ciascun giocatore passi un'ultima carta all'avversario alla sua sinistra. Dopo un terzo e ultimo giro di puntate, si procede allo showdown. Chi, tra i giocatori rimasti, ha la miglior mano a cinque carte possibile, vince il piatto.

Sappiamo che al tavolo da poker non ci sono amici. Ma in un gioco come Anaconda, la vostra posizione è più importante che mai. Chi volete far innervosire di più?


SPIT IN THE OCEAN

Qualità unica: ci sono tante carte jolly, inclusa l'unica carta comune

Se avete giocato alle varianti draw, allora imparerete lo Spit in the Ocean molto velocemente. In ogni caso, non impiegherete molto a capire come funziona questa variante particolare che utilizza carte jolly per aumentare l'azione.

Come giocare a Spit in the Ocean

L'obiettivo del gioco è creare la miglior mano a cinque carte, usando le vostre quattro carte private e una comune. Ma c'è di più.

Tutti i giocatori pagano un'ante nel piatto, prima che il dealer distribuisca quattro carte coperte ciascuno. Dopodiché, il dealer gira un'altra carta scoperta e la posiziona in mezzo al tavolo. Questa è l'unica carta comune ed è anche un jolly, cioè può essere usata come qualsiasi carta del mazzo.

Tutte le carte dello stesso valore di quella comune diventano automaticamente dei jolly. Perciò, se la carta comune è un 6, anche gli altri tre 6 diventano jolly. Se un giocatore possiede uno o più 6, può usarli (insieme alla carta comune) come meglio crede, per formare la miglior mano possibile.

C'è un giro di puntate (si gioca limit), dopo il quale è prevista l'unica fase draw del gioco. I giocatori possono cambiare quante carte desiderano, e quando tutti hanno di nuovo quattro carte a testa, viene effettuato l'ultimo giro di puntate.

La presenza dei jolly permette di creare facilmente mani molto forti, perciò raramente arriverete allo showdown con una coppia o una doppia coppia. Che l'azione abbia inizio!


Archivio