pokerstars.it

La gestione del bankroll nel cash game

Home Page

Il poker è fondamentalmente un gioco "gestionale", ma in un duplice significato.

Il primo, e forse più immediato, ci dice che il modo in cui "ci prendiamo cura" delle nostre chips è la chiave del successo, sia nei tornei/sit&go che nelle sessioni di cash game. E' quello che in gergo si chiama gestione dello stack.

Il secondo, invece, risulta meno visibile quando ci si accosta al poker ma di fatto è più importante del primo, perché determina la nostra possibilità di progredire nel gioco. Il più delle volte ce ne rendiamo conto quando è troppo tardi e, in ogni caso, lo facciamo sempre a nostre spese. Parliamo della gestione del bankroll, una skill indispensabile che è bene apprendere subito sia per diventare giocatori vincenti sia per evitare di "farsi male" quando le cose non funzionano al tavolo.

Questi i consigli della PokerStars School per un buon bankroll management nell'ambito del cash game.

chips_011_1920x1080px.jpg

Quando le cose vanno bene ai tavoli di cash game può essere molto allettante salire immediatamente di livello e mettersi alla prova in un contesto più impegnativo. Dopotutto, a ogni level up è possibile ipotizzare vincite più alte. È però vero anche il contrario, poiché più alta è la posta in gioco, maggiori possono essere le perdite. Nel poker è fondamentale giocare sempre ai limiti che possiamo sostenere economicamente, anche quando le cose al tavolo non vanno bene, e avere una strategia di gestione del bankroll ben precisa che ci consenta di adattarci facilmente alle salite (in caso di risultati positivi) e alle discese (in caso di fase negativa), mantenendo sempre un po' di denaro di riserva per limitare l'impatto della bad run.

Dall'infografica che si vede qui di seguito è possibile ricavare molte informazioni utili da usare come guida per decidere quando fare un level up oppure scendere di livello e per valutare quando - cosa altrettanto importante - effettuare un cash out con il quale gratificarci!

Senza titolo1.jpg

Dando uno sguardo è possibile notare un approccio abbastanza conservativo - cioè prudente - che prevede sempre almeno 60 buy-in per ogni livello. C'è però una buona ragione. Grazie a una strategia prudente come questa, fintanto che il nostro gioco è abbastanza competitivo per il livello che stiamo affrontando, in teoria non dovremmo mai andare broke. Questo ci terrà al riparo qualora incontrassimo una sfortunata serie di bad beats.

Un altro motivo importante per scegliere una solida gestione del bankroll è che questa ci permette di continuare a giocare il nostro miglior poker anche nel bel mezzo di una fase negativa. Quando sappiamo di avere molti buy-in di riserva, non ci sentiamo troppo condizionati se si tratta di provare un bluff audace o di fare un hero call. Potrebbe non essere lo stesso quando giochiamo spaventati all'idea di commettere errori, perché stiamo giocando fuori dalla nostra zona di comfort.

Per tutte queste ragioni, segui i consigli della nostra infografica sul bankroll e lasciati guidare al successo sui tavoli di PokerStars. In bocca al lupo!

Puoi trovare molti altri articoli e i corsi della scuola di poker a questo indirizzo: https://www.pokerstars.it/it/blog/2016/benvenuti-alla-pokerstars-school-182815.shtml o cliccando direttamente qui.

« Articolo precedente Prossimo articolo »

Archivio