pokerstars.it

I migliori libri di Strategia sul Poker: le nostre 5 scelte

I giocatori di poker cercano sempre di prendersi ogni minimo vantaggio. Per anni, il miglior modo di ricevere consigli di strategia nel poker è stato quello di leggere libri su questo argomento. Questo genere di testi di solito sono fatti per esser letti e riletti affinché i giocatori entrino in possesso di un bagaglio di conoscenze superiore a quello dei propri avversari.

Più recentemente sono emersi altri metodi di studio. Così come il poker online è cresciuto negli ultimi due decenni, sono cresciuti anche i forum di discussione, gli articoli online, i video di strategia, gli streaming live, il coaching (incluso da remoto) e altri modi di accedere a consigli strategici.

download.jpeg

Nonostante ciò, esistono ancora libri di strategia di poker - alcuni scritti molti decenni fa - da cui i giocatori contemporanei possono trarre enorme beneficio, nonostante l'evoluzione costante degli stili di gioco e la scoperta di nuovi concetti applicati al cash game e ai tornei.

Ecco una lista che, secondo noi, comprende i cinque migliori libri di strategia di poker. Sebbene alcuni elementi di ciascun libro siano ormai superati, rimangono comunque significativi non solo per la loro importanza storica, ma anche dal punto di vista pratico. Abbiamo creato l'elenco in ordine cronologico; ciascuno dei cinque libri fornisce qualcosa di unico per migliorare il vostro gioco.

Doyle Brunson, Super/System

Pubblicato per la prima volta nel 1978 con l'accattivante titolo Come Ho Vinto $1.000.000 Giocando a Poker, il libro di Doyle Brunson raccoglie contribuiti di diversi autori, ciascuno dei quali si è concentrato su una variante diversa. Lo stesso Brunson ha contribuito alla sezione più lunga, dedicata ad un gioco allora relativamente nuovo per molti, il no-limit hold'em.

Brunson reclutò Mike Caro per una sezione sul five-card draw, Chip Reese per il seven-card stud, Joey Hawthorne per i giochi lowball (inclusi ace-to-five, deuce-to-seven e razz), David Sklansky per il seven-card stud hi-lo e Bobby Baldwin per il limit hold'em.

Brunson stesso scrisse il capitolo sulla famosa "Cadillac del poker", il no-limit Texas hold'em. Doyle consigliava uno stile aggressivo, definito "power poker", atto a mettere gli avversari sulla difensiva. All'epoca fu rivoluzionario, e rimane efficace oggi come introduzione alle tecniche per mettere pressione agli avversari, facendogli commettere errori quando devono prendere decisioni difficili.

Senza titolo.jpg

Mike Caro, Book of Tells

Quando uscì il libro di Brunson, il target fu quello dei giocatori di poker professionisti, come indicava anche il prezzo dell'originale: $100! Sull'onda di questo scritto uscirono altri libri di strategia, dedicati ad un pubblico più ampio, uno dei quali fu il classico di Mike Caro Book of Tells.

Sottointitolato "Il Linguaggio del Corpo nel Poker", il libro di Caro categorizzava ogni tipo di comportamento al tavolo per aiutare il lettore a interpretare i vari modi in cui i giocatori potevano lasciar trapelare la forza della loro mano e, cosa altrettanto importante, per aiutare il lettore a non dare lui stesso quel genere di informazioni agli avversari.

Sebbene alcuni dei consigli di Caro siano datati - e tutte le foto lo sono, con quel loro fantastico stile inizio anni ottanta - molte delle idee chiave sono ancora utili per i giocatori principianti, specialmente quelli abituati al poker online che si stanno avvicinando al poker live.

Tells.jpg

David Sklansky, The Theory of Poker

The Theory of Poker di David Sklansky non si concentra sul no-limit hold'em, che oggi è la variante più popolare. Nonostante ciò, il libro di Sklansky è forse il più "immortale" di questa lista, nonostante sia stato pubblicato per la prima volta oltre trent'anni fa.

Questo perché - come suggerisce il titolo - Sklansky adotta un approccio al gioco più teorico, concentrandosi su molte situazioni comuni affrontate dai giocatori di poker a prescindere dalla variante a cui giochino. Molti dei capitoli hanno un focus su concetti particolari (come il semi-bluff, lo slow play e la posizione), di cui forniscono una discussione accurata.

Molti giocatori di poker hanno attribuito a The Theory of Poker l'aver imparato "come ragionare" al tavolo, e non ci viene in mente uno slogan più breve ed efficace per consigliare il libro. (Quest'anno, Sklansky ha rivisitato il libro, producendo una versione aggiornata dal titolo The Theory of Poker: Applied to No-Limit).

Theory.jpg

Richard D. Harroch e Lou Krieger, Poker for Dummies

Ok, meglio non farsi vedere nei paraggi di un casinò o di una poker room con sotto braccio un libro intitolato "Poker per Principianti". Ma per un novizio che vuole un'introduzione generale alle regole del poker, qualche consiglio strategico per iniziare, e un'introduzione alla storia e alla terminologia del gioco, questo libro di Richard D. Harroch e Lou Krieger è ancora oggi un buon punto di partenza.

Va detto che alcune sezioni di Poker for Dummies sono diventate ormai obsolete, in particolare quelle che parlano di poker online, all'epoca una nuova modalità di gioco,. Anche alcuni dei consigli strategici non si applicano benissimo al gioco di oggi, anche se possono essere utili in qualche modo quando si affronta una partita tra amici con giocatori inesperti o particolarmente "loose".

Parlando di partite tra amici, c'è persino un capitolo dedicato a come organizzarne una. Si parla poi di gestione del bankroll, delle differenze tra cash game e tornei, della "psicologia del poker" e di altri argomenti che restano validi. Chi ha una qualche familiarità con il gioco e la strategia del poker può anche saltare questo libro, consigliato invece ai giocatori alle prime armi a caccia di una lettura semplice che funga un po' da introduzione al gioco.

Dummies.jpg

Dan Harrington e Bill Robertie, Harrington on Hold'em

Chi si avvicina solo oggi al poker forse non sa che i tornei sono uno sviluppo relativamente recente nella storia del gioco, e che sono diventati popolari tra la fine degli anni novanta e gli inizi del 2000 (quando è arrivato il poker online).

Prima della serie in tre volumi Harrington on Hold'em di Dan Harrington e Bill Robertie sono usciti altri libri di strategia da torneo, ma nessuno così influente. Non a caso il primo volume è il libro di strategia di poker più venduto di tutti i tempi.

Gli autori coprono praticamente tutti gli argomenti relativi alla strategia da torneo, in questi tre libri. Mentre il primo volume si concentra più su consigli relativi alle varie fasi di una mano, il secondo entra nelle situazioni tipiche dei tornei relative alla dimensione degli stack e ai "punti di inflessione", così come al gioco short-handed ed heads-up. Il terzo volume è una sorta di eserciziario formato da 50 "problemi" da risolvere - un ottimo modo per applicare e rinforzare i concetti.

Harrington.jpg

Altri titoli consigliati

Guardando ad altri libri di strategia (compresi gli ebook) spesso consigliati dai giocatori - in particolare negli ultimi 10-15 anni - i giocatori da torneo potrebbero apprezzare ancora oggi Every Hand Revealed di Gus Hansen, uno dei primi esempi di strategia da torneo presentata sotto forma di analisi mano dopo mano.

Power Hold'em Strategy di Daniel Negreanu segue invece il format di Super/System, con il contributo di più autori; la sezione di Negreanu dedicata al suo "small ball" è la ciliegina sulla torta.

Chi cerca una discussione più aggiornata e approfondita sui poker tell può dare un'occhiata ai tre libri di Zachary Elwood, a partire dall'ottimo Reading Poker Tells. Invece, Elements of Poker di Tommy Angelo e i due volumi The Mental Game of Poker di Jared Tendler e Berry Carter hanno ricevuto parecchi elogi per le loro discussioni sulla "psicologia del poker".

Tra le pubblicazioni più recenti, Mastering Small Stakes No-Limit Hold'em di Jonathan Little ha riscosso un ottimo successo e compare anche nella nostra lista dei migliori audiolibri sul poker.

Se vi interessano la teoria del poker e la strategia più avanzata, Applications of No-Limit Hold'em di Matthew Janda, Modern Poker Theory di Michael Acevedo e Play Optimal Poker di Andrew Brokos hanno ricevuto parecchia attenzione e il riconoscimento di molti giocatori quali migliori libri di poker da leggere.

Come suggeriscono gli ultimi titoli, i libri di strategia del poker continuano ad avere rilevanza ancora oggi, offrendo ai giocatori molti consigli solidi nonché una pausa necessaria dai loro laptop e schermi.

Ma ora basta leggere online di libri di poker... compratene uno! Sarete sorpresi da quante cose imparerete.

Archivio