pokerstars.it

Pier Paolo Fabretti: "Buone nuove dall'Italia"

Sto scrivendo sull'onda di alcune novità che provengono dall'Italia, dove il poker non è mai stato così popolare. Ho giocato recentemente alcuni tornei live qui, e adesso mi sto divertendo molto anche con il gioco online.

I miei tornei live più recenti li ho disputati all'Italian Poker Tour (IPT). Ho giocato nella tappa di Sanremo a Settembre, e poi a Nova Gorica, Slovenia - ai confini con l'Italia - nel mese di ottobre. Le cose non sono andate troppo bene a Sanremo, sono inciampato in un cooler al Day 1 per poi essere eliminato dal Main Event nelle prime fasi di gioco. A Nova Gorica invece il torneo è andato meglio. Ho raggiunto il Day 3 e sono andato a premio, chiudendo al 25esimo posto su 47 player ITM.


pier_paolo_fabretti_blog_26nov14.jpg

A proposito dei tornei, ci sono importanti news giuridiche relative ai player azzurri che, come me, amano viaggiare all'estero per giocare. La Corte ha stabilito che le vincite nei casinò di altri Paesi non sono più tassabili in Italia. Si è trattato di un importante sviluppo, la legge precedente aveva avuto degli effetti negativi nei confronti dei giocatori italiani che andavano all'estero per disputare eventi come l'European Poker Tour.

Adesso molti player parteciperanno più volentieri a questi tornei, e prevedo un mio maggiore impegno nei prossimi EPT, inclusa forse la tappa di Praga, in calendario a dicembre. Nel frattempo, su PokerStars.it, si è svolto l'Italian Championship of Online Poker (ICOOP), una delle mie rassegne preferite. Non tutti forse sanno che in Italia abbiamo l'ICOOP, una sorta di WCOOP con molti eventi simili. Una kermesse ormai giunta alla sesta edizione.

Nel 2011 vinsi un braccialetto nel primo evento ICOOP, un torneo €200 NLHE che mi è valso circa €65.000. Sono ancora alla ricerca del mio secondo braccialetto ICOOP, ma nel festival di quest'anno non sono riuscito nell'impresa quindi dovrò rifarmi l'anno prossimo.

Abbiamo anche lanciato i nuovi Spin & Go. Siamo il secondo Paese ad aver introdotto questa novità, dopo la Spagna. Ho iniziato a giocarli per fare esperienza con il formato, mi sono divertito così tanto da averne giocati circa 3.000 (un bel banco di prova). Mi piace che siano giocabili su dispositivi mobili e ottimi per i giocatori occasionali che vogliono entrare velocemente in partita.

Ci sono molti eventi pokeristici qui nel Sud Europa, con tanta azione sia ai tavoli virtuali che quelli live.

Pier Paolo Fabretti, Team PokerStars Pro.

Archivio