pokerstars.it

Bertrand Grospellier: "In visita nella nuova capitale del poker"

Dopo il tradizionale EPT di Londra, ho avuto la fortuna di andare a Macao anche quest'anno per le Asian Championship of Poker Series (ACOP). Le ACOP sono la più grande rassegna di poker annuale che si tiene a Macao. Questa località è certamente la capitale del gambling a livello mondiale, e anche se il poker non è ancora paragonabile a quello offerto da Las Vegas, ha un indubbio potenziale. La nuova poker room del casinò "Città dei sogni" è una delle più confortevoli che abbia mai provato. È tutto nuovo, dalle spaziose poltrone da ufficio in pelle alle shuffling machine fino ai tavoli PokerPro. Il PokerPro è il poker elettronico condotto contro avversari umani, dal mio punto di vista un'ottima soluzione di gioco. I deal sono immediati e privi di errori, un aspetto da considerare visto che nonostante i dealer siano eccellenti in tutti i tornei PokerStars, lunghe sessioni e giornate di lavoro portano purtroppo a qualche svista, una cosa che può capitare a chiunque. Mi piacerebbe giocare un intero torneo su questi tavoli.


grospellier-macao.jpg

Macao è una città molto moderna, in costante crescita. Anche se il poker non fa effettivamente parte della cultura cinese, quando scopri la passione di questo popolo per il gambling, capisci che è solo una questione di tempo. Basti pensare alla crescita costante dei tornei (il Main Event delle ACOP è cresciuto del 40% rispetto all'edizione precedente) in termini di buy-in e player, e a field composti da molti principianti, un fenomeno raro al giorno d'oggi al di fuori dei confini asiatici.

Il team PokerStars Asia guidato da Danny McDonagh ha fatto un ottimo lavoro, e il suo successo è più che meritato!

La principale differenza con Las Vegas, al di là del fatto che lo sviluppo del poker è ancora ai suoi esordi, è la grande attenzione presente a Macao per il gaming e il gambling. Durante la mia prima visita alla "Città dei sogni", ho cercato di vedere l'unico spettacolo rimasto in città e sono riuscito a ottenere facilmente i biglietti, ma purtroppo è stato cancellato per un problema alla macchina del fumo. Anche questa volta ho cercato di vedere lo show, ma non era in programma in quel periodo. La vita notturna e i party impallidiscono se confrontati con Sin City, e presto capisci che la sola cosa che attrae la maggior parte dei turisti cinesi è il gambling e solo il gambling. Ciononostante ho scoperto con sorpresa un'esperienza culinaria allo stesso livello di Las Vegas, con il vantaggio di avere la maggior parte dei ristoranti (nonostante siano di prim'ordine) sempre aperti e con posti quasi sempre disponibili. Trovare un tavolo premiato dalla guida Michelin alle 20:30 del sabato? La prenotazione è un optional.

Personalmente apprezzo il fatto di non avere troppe distrazioni e di potermi concentrare sul poker. Credo sarebbe difficile restare per alcuni mesi come accade a Las Vegas ogni estate, anche se le mie ultime due settimane sono volate. Se vi annoiate e cercate un diversivo, avete sempre la possibilità di visitare Hong Kong, distante appena un'ora di nave, una città straordinaria che non mi stanco mai di visitare. Ci sono attività adatte a chiunque, non importa cosa stiate cercando!

Il solo aspetto negativo di Macao è probabilmente l'inquinamento, e posso capire che alcuni player non la amino per questo. Lo smog è visibile ogni giorno e arriva persino a oscurare la luce solare. A me non interessa molto, anche perché la maggior parte delle attività di Macao sono indoor, fatta eccezione di alcuni siti turistici e il più alto bungee jump del mondo.

Dovete sapere a cosa andate incontro, ma Macao è un'esperienza unica e una città da scoprire, e probabilmente il futuro del poker!

Bertrand "ElkY" Grospellier, Team PokerStars Pro

Archivio