pokerstars.it

Cosa si può imparare dal poker?

Spesso ci è stato consigliato di non mischiare il poker, gioco o lavoro che sia, con la nostra vita reale. Questo è vero per tanti aspetti, ad esempio non dovremmo mai lasciare che una bad run nel poker ci porti a devastare il bankroll della nostra "real life", cioè i soldi che usiamo per vivere. Allo stesso modo, gli insuccessi spesso hanno ripercussioni emozionali, e dovremmo cercare di non prendercela con chi ci sta intorno se siamo vittima di un tilt o di una bad run. La vita reale e il poker sono due cose diverse.


mindset-poker.jpg

Tuttavia, è anche vero che il poker insegna tanto. Molte cose che si imparano dal poker possono tornare utili se applicate alla vita reale, perché per alcuni concetti c'è un'analogia con ciò che viviamo tutti i giorni, e la visione metodica e razionale che nel poker ci consente di prendere le decisioni giuste al momento giusto può essere applicata in quelle che sono le nostre scelte quotidiane.

"Cosa si può imparare dal poker?" è il titolo di uno degli ultimi paragrafi di Poker Mindset, il libro di Matthew Hilger che ormai è un cult della biblioteca pokeristica, e che non smetterò mai di consigliare a chi ancora non l'ha letto. Questa parte del libro ci spiega come applicare ciò che abbiamo imparato nel poker alla nostra vita di tutti i giorni. Cito testualmente una parte del paragrafo che sintetizza l'idea:

"Il poker è una versione più aspra e crudele del mondo reale, senza gli atterraggi morbidi che la società ci fornisce di solito. Ogni decisione non ottimale, ogni errore, ogni ragionamento non lucido e tutte le incomprensioni fondamentali ci costano care al tavolo da gioco. E' come cominciare un lavoro in cui ogni volta che fate un errore, anche il primo giorno, vi tolgono soldi dalla busta paga. E quegli errori e incomprensioni sono sempre per colpa vostra. Non potete mentire, perché mentireste soltanto a voi stessi. Non potete dare la colpa all'altro, perché non gliene importa niente, è troppo occupato a impilare le vostre chip. Non potete lamentarvi dicendo che non è giusto, non cambierà niente perché il poker non ha la pretesa di essere giusto."

Il poker e la vita reale hanno in comune il concetto con cui sono affrontati: ogni giorno ci troviamo di fronte a problemi e ostacoli, e siamo portati a prendere una decisione. Le decisioni che prendiamo avranno conseguenze, ma come possiamo migliorare la nostra strategia nell'affrontare la vita con ciò che abbiamo imparato nel poker? Poker Mindset ci dà qualche consiglio.

poker-mindset-copertina-ita.jpg

Capire e accettare la realtà della gente e del mondo
Conoscere, comprendere e capire il mondo in cui viviamo, è importante nella vita quanto lo è studiare i nostri avversari in una partita di poker. Dovremmo sempre farci delle domande sui comportamenti di chi ci circonda, cercare di trovare il filo logico nelle loro decisioni e razionalizzare ciò che vediamo. "Evitate di scivolare in un mondo di fantasia in cui vedere qualcosa o qualcuno come vorreste che sia e non come è veramente".

Vivere per il lungo periodo
Le nostre scelte devono essere ragionate in termini di aspettativa nel lungo periodo: "Rome wasn't built in a day", e per realizzare progetti ambiziosi ci vuole tempo. Pensiamo in termini di aspettativa e lavoriamo per realizzare ciò che vogliamo, ricordandoci sempre che nel breve periodo, prima o poi, le cose vanno male, ma è alla lunga che si vedono i grandi risultati.

Concentratevi nel prendere le giuste decisioni
Ragionare per il lungo periodo significa prendere le giuste decisioni, e dobbiamo stare attenti a non essere "result oriented" anche nella vita: una strategia elaborata e vincente non dovrebbe essere modificata da conseguenze sconfortanti nel breve termine, perché le decisioni giuste portano risultati nel lungo termine.


alberto-russo-poker-mindset.jpg
Alberto Russo è la voce italiana degli eventi PokerStars

Non temere il rischio calcolato
E' importante che, quando ci assumiamo il rischio, il gioco valga sempre la candela: non giochiamo fuori bankroll e non investiamo più di quanto possiamo permetterci. Dobbiamo assumerci rischi che possiamo sopportare. Se rischiamo, significa che siamo disposti a perdere ciò che abbiamo investito, altrimenti stiamo giocando fuori bankroll. E' importante mettere sempre in preventivo che le cose vadano per il peggio nelle scelte di tutti i giorni, per questo motivo una persona non dovrebbe mai essere "scared" nella sua azione. Assumiamo rischi nei limiti delle nostre possibilità, con l'aspettativa di ottenere risultati nel lungo termine e la preparazione psicologica alla possibilità di perdere nel breve termine.

Mettere da parte il vostro ego
"Non lasciate che il vostro ego sia un fattore che interagisca con le vostre decisioni importanti". Dobbiamo pensare al risultato che vogliamo ottenere quando intraprendiamo un'azione. Nella vita, a volte, si propende a perdere qualcosa per mostrarsi forti piuttosto che ottenere il risultato giusto, pur di non mostrarci deboli. Nel lungo termine ce ne pentiremo.

Agire per logica e non per emozione
Anche nella vita reale si tilta, e rischiamo di prendere decisioni sbagliate sull'onda delle nostre emozioni che ci offuscano la mente: ragioniamo prima di prendere qualsiasi decisione, pensiamo razionalmente a ciò che è logico. Spesso abbiamo a disposizione un timebank che ci consente di far sfumare i nostri impulsi: usiamolo, altrimenti rischiamo di prendere una decisione di cui ci pentiremo, e prendiamo in considerazione chi ci dice che sbagliamo, è una buona occasione per riflettere.

Dedicatevi a un ciclo continuo di miglioramento
Non si finisce mai di imparare, come nel poker così nella vita. Quando abbiamo prefissato il nostro traguardo, tracciamo di conseguenza un percorso da seguire: atteniamoci agli obiettivi che abbiamo tracciato. Parte di questo percorso dovrebbe sempre essere una fase di miglioramento. Nel poker ci dedichiamo ad uno studio del gioco per diventare più forti: non dimentichiamo che anche nella vita di tutti i giorni è importante mettersi in discussioni ed evolversi, imparando dai propri errori e riflettendo sulle proprie scelte.

Ogni giorno della nostra vita dovremmo prendere decisioni. Il risultato della nostra vita, nel lungo periodo, dipenderà dalle nostre decisioni.

"Noi siamo determinati dalle scelte che abbiamo fatto, siamo in effetti la somma totale delle nostre scelte." (Woody Allen)

Scritto da Alberto Russo per PokerStars.it

Archivio