pokerstars.it

Matthias de Meulder: "Campanello d'allarme"

Mi è successo qualcosa di particolare alle WSOP di quest'anno.

È suonato un campanello d'allarme a Las Vegas, dove ho disputato diverse giornate di gioco di fila e bevuto molti caffè per tenermi sveglio, senza prestare molta attenzione alla mia salute. Un giorno, nel bel mezzo di un torneo, mi sono sentito un po' strano. Ero sudato e avevo il battito cardiaco accelerato. Mi sono detto: "ok, adesso basta", e sono tornato alla mia routine sino alla fine della trasferta.


Matthias_De_Meulder_wake_up_call.jpg

Adesso sono tornato a Londra e corro all'aperto praticamente ogni mattina, anche grazie al bel tempo faccio fino a qualche miglio al giorno, e sto tornando in forma. Gioco ogni settimana una partita di calcio con gli impiegati PokerStars, ci divertiamo molto ed è anche un ottimo esercizio.

Non ho mai dedicato molto tempo a tenermi in forma prima d'ora, ma adesso che gli allenamenti fanno parte della mia routine, è strano passare una giornata senza un po' di attività fisica. Non mi sento soddisfatto se non corro o faccio un po' di sport, e mi diverto molto a uscire ed essere attivo.

Non sono probabilmente coincidenze i successi di poker che ho raggiunto in seguito. Ho vinto un Sunday six-max e stanno andando piuttosto bene anche i cash game online. Non sono il primo ad aver notato che essere in forma può tradursi in maggiore concertazione e performance al tavolo.

In altre parole, non importa come andrà il WCOOP, l'unica cosa che so di sicuro è che continuerò a mantenermi in forma.

Matthias de Meulder fa parte del Team PokerStars Pro

Archivio