pokerstars.it

Vito "w1llyss" Barone: "Il mio Sunday Special"

Ricordo ben poco di quello che è successo :D. Il Day1 grindavo praticamente cash, stavo 20x e avevo aperto anche il Sunday Special, che quindi ho giocato molto tranquillo, con pazienza, entrando in azione solo con carte buone ed evitando situazioni marginali. Quando si è fatta l'una e mezza ho tolto il cash e mi sono concentrato di più sul torneo, ma senza cambiare strategia. Ho rubato dove pensavo di potere perché il tavolo era comunque abbastanza chiuso, poi ovviamente ci sono stati i colpi giusti, quelli che hanno retto, però mi sembra di non aver mai messo da sotto, nel peggiore dei casi era un flip.

Il Day 2 ho giocato solo il Sunday Special. Cominciavamo ad essere in pochi partecipanti e avevo circa 50 bui. Un conto è quando grindi a inizio torneo, quando i bui sono bassi, dopo conta molto come giocano gli avversari, quindi devi osservare attentamente gli spot per capire il loro stile di gioco. In pratica mi sono dovuto prendere mezza giornata libera, perché io ho un plan giornaliero di VPP da accumulare e il giorno del Sunday Special ne ho fatti la metà... ma ne è valsa la pena :D.


vito-barone-sunday-special.jpg
Vito "w1llyss" Barone

In queste fasi avanzate del torneo ho spesso 3bettato falso perché gli avversari giocavano solo vero. Il fatto che non fossero aggressivi mi ha avvantaggiato quando eravamo 60 giocatori, tanto che dopo l'ennesima mia 3bet qualcuno non m'ha creduto e le ha messe da morto e avevo le bombe. Eravamo deep, oltre 100x, avevo una image da 3bettor molto loose visto l'history degli ultimi 10 minuti, quindi arriva l amano che mi porta alla chiplead dell'MTT contro un altro deep stack: c'è un raise da CO, lui 3betta da SB e io mini4betto da BB (stavolta però ho AA), baby board al flop, cubetto e lui call, al turn mette altri 45BB con JJ sull'ennesima carta bassa. Precedentemente aveva foldato, all'ennesimo attacco non mi ha creduto, così me le ha date tutte. Ho sfruttato la mia immagine. Quindi divento chipleader, e lo sono stato per parecchie ore. Poi ho orbitato tra il primo e il quarto posto fino alla fine.

Al Final Table le cose andavano un po' male, ero circa sesto, però ho avuto pazienza a non giocarmi dei colpi che in altri momenti, dove ero meno stabile psicologicamente, avrei giocato sentendomi corto. Poi hanno continuato a reggere i cooler e qualche flip vinto. Solo a 4 left ho vinto un colpo contro il chipleader partendo da sotto, in pratica lui apriva ATC da bottone, io ero SB e l'ho pushato varie volte, stavolta avevo AT, lui AK e mi è uscito il dieci al turn. Questa è stato l'unico colpo di fortuna in tutto il torneo, che mi ha permesso di arrivare terzo. Contro lo stesso avversario mi ha fatto prima raddoppiare, avevo KK e lui A6. Infine io A9, lui A8. È stata la mia ultima mano. Lui apriva molto, io lo repushavo una volta su 3. Non si è fidato per l'ennesima volta e ha fatto colore runner runner. Il vero peccato è stato che il giocatore più weak al tavolo ha visto più volte il flop ma non ha beccato mai il cooler che lo avesse eliminato. Giocava molto loose, ma post flop era debole. E quindi la sfortuna è stata che nonostante i tanti colpi, le varie volte che l'altro apriva e lui callava, non ha mai trovato l'eliminazione. E io aspettavo. Repushavo, cercavo di evitare gli spot marginali perché aspettavo che fosse eliminato prima di me, o comunque evitavo di giocare colpi contro il chipleader.

Ciò non è avvenuto, il colpo l'ho giocato col chipleader, le ho messe da sopra, non è andata bene ma diciamo che comunque ho dovuto runnare bene per arrivare fino in a questo punto. Non sono tra quelli che dice "mai una gioia", sono contentissimo lo stesso. Per la carriera da torneista, per il premio, e anche perché io di MTT non ne gioco molti, quindi non ho avuto tante occasioni di ambire a risultati del genere. Quella da torneista non è una vita che sono disposto a fare, ma l'emozione che danno i tornei è davvero forte.

Ho preso una bad beat da €20.000 ma so che in quel momento è giusto così, che comunque se non pushavo lì non avevo la possibilità di arrivare primo. Ero sopra al suo range, e se foldi sempre poi lo stack diventa piccolo e non arrivi lo stesso. Bisogna sfruttare le occasioni dove la giocata è più EV.

C'è un piccolo rammarico perché io e il chipleader abbiamo provato a chiedere un deal, ma gli altri due non hanno proprio risposto. Uno giocava dal cellulare quindi forse non ha neanche letto la chat. Così abbiamo proseguito.

Non c'è stato un momento in particolare in cui ho sentito il peso dell'evento, sono stato testo tutta la sera, anche quando non ero ancora al tavolo finale, perché inizi a pensare "che bello sarebbe arrivarci", poi quando sei lì l'emozione rimane perché comunque vuoi andare più avanti possibile. E diciamo che mi ero già giocato molti colpi e un po' mi ero abituato, dopo tutte quelle botte di adrenalina, ero un po' saturo. Paradossalmente è il colpo che mi ha eliminato è stato quello meno sofferto.

Vito "w1llyss" Barone è un Team PokerStars Online

Archivio