pokerstars.it

EPT Praga Main Event: uno strepitoso Luigi Shehadeh guida 29 azzurri al Day2!

Con 745 entry e 268 qualificati alla seconda fase, anche il Day1B dell'EPT Main Event di Praga 2019 è alle spalle. Grazie alle 391 entry del Day1A, il numero complessivo dei buy-in pagati sale in questo modo a quota 1.136, un ottimo risultato anche se non sufficiente a scalzare dal primo posto quello ottenuto nel 2016 (1.192). Anche la seconda piazza rimane lontana, per ora controllata dal ME dell'anno scorso (1.174), ma il sorpasso è ancora possibile dal momento che le iscrizioni sono aperte fino all'inizio del Day2 (oggi alle ore 12:00).

ba8c78dce01.jpgLuigi Shehadeh, in azione al centro della foto

Restando in tema di Day2, i qualificati sono finora 396, tutti a caccia - questo è già certo - di una prima moneta a sei cifre. Davanti a tutti partirà il chipleader del Day1A, Pierre Calamusa, con 457.000 chip, poiché il migliore del Day1B, il belga Bart Lybaert, si è fermato a 333.400 gettoni. Tra i big del secondo flight avanzano al Day2 anche Jonathan Therme (256.400), Sebastian Malec (154.600), Ole Schemion (31.300), Jussi Nevanlinna (155.800), Patrik Antonius (155.100), Henrik Hecklen (158.000), Davidi Kitai, (115.500) e Dominik Panka (140.000). Out invece i PokerStars Ambassador Ramon Colillas e Fatima Moreira de Melo, accompagnati dal vincitore della passata stagione, il tedesco Paul Michailis.

Bart_Lybaert.jpegBart Libaert

Ma il Day1B ha avuto un sapore particolarmente dolce per i giocatori italiani. Nella top 10 troviamo, infatti, un fantastico Luigi Shehadeh, 8° con un solidissimo stack di 203.300 chip, mentre hanno chiuso con 180.000 pezzi ciascuno Giuseppe Zarbo e Daniel Habib, per un 17° posto ex aequo. E ancora, poco più sotto, ci sono Dario Sammartino, 23° con 168.000 chip e Gianluca Speranza (135.700).

dario_sammartino.jpegDario Sammartino

Ma l'"onda azzurra" non finisce qui: altri 18 giocatori hanno tagliato il traguardo del Day1B, per un totale di 23 rappresentanti del nostro Paese qualificati al Day2 (29 contando quelli promossi dal Day1A). Questo l'elenco di ieri:

Luigi ShehadehItaly203300
Giuseppe ZarboItaly180000
Daniel HabibItaly180000
Dario SammartinoItaly168000
Gianluca SperanzaItaly135700
Francesco CandelariItaly127100
Alessio Di CesareItaly111100
Eugenio PeraltaItaly103100
Tiziano Di RomualdoItaly85000
Giuseppe CarboneItaly72000
Alessandro ToninelloItaly70900
Davor LaniniItaly69300
Giuliano BendinelliItaly64600
Alessio CasiraghiItaly58100
Antonio SmeragliaItaly53500
Ivan GabrieliItaly51100
Claudio Di GiacomoItaly47800
Mario LlapiItaly46000
Carlo BelliItaly45300
Francesco DelfocoItaly43000
Dario MarinelliItaly30800
Alessandro SienaItaly28700
Marco RegonaschiItaly12100

Il Day1B è stato piuttosto movimentato, sia dal punto di vista dei continui cambi al vertice della classifica, sia di quello delle discussioni al tavolo. Proprio in una di questa è rimasto coinvolto il nostro Giuseppe Zarbo. Purtroppo l'azione non è stata presa in diretta, ma solo ricostruita attraverso le dichiarazioni dei giocatori presenti al tavolo. In sostanza, il francese Gregory Armand avrebbe mostrato A♣2♣ su un board al river contenente un [2x], battendo per kicker più alto il 3♥2♥ dell'italiano. Il dealer, tuttavia, avrebbe consegnato ugualmente il pot a Zarbo. E qui nasce il problema: Armand si rende conto dell'errore solo due mani dopo. A quel punto chiama il tournament director Toby Stone, il quale non può far altro che affidarsi alla ricostruzione dei giocatori, perché utilizzare le registrazioni delle camere del casinò avrebbe infatti richiesto troppo tempo. Mentre la discussione si accende - Armand ci va giù pesante esclamando all'indirizzo di Zarbo "Mi ha rubato le chip, è un ladro!" - tutti i testimoni confermano l'errore del dealer e, dopo 10 minuti necessari per calmare le acque, Zarbo restuisce 16.000 gettoni al francese.

NEIL8544_EPTPrague2019_Giuseppe_Zarbo_Peter_Hedlund_Neil Stoddart.jpgGiuseppe Zarbo (sx) con Peter Hedlund per un finale a "tarallucci e vino" (o forse birra)

Per chi invece ama i colpi clamorosi (che non capitano solo online...), eccone uno che i protagonisti di sicuro non dimenticheranno. L'azione è al river, quando tre giocatori vanno allo showdown:

Antoine Vranken: 6♥4♥

Florian Ribouchon: 7♦7♥

Lukasz Grossmann: 5♦5♥

La parte interessante è naturalmente il board: 6♠6♦7♣5♣5♠. In sostanza, full vs full superiore floppato vs quads runner-runner. Lasciamo a voi il commento di quella che potrebbe essere la bad beat dell'anno.

A noi rimane il compito di ricordarvi che oggi alle 12:00 inizia il Day2; che si giocheranno 5 livelli da 90 minuti ognuno, a partire da 800/1600 big blind ante 1600; che queste sono le prime 20 posizioni del chipcount:

Pierre CalamusaFrance457000
Bart LybaertBelgium333400
Stefan EgermannGermany285600
Niklas Lehnert-RappelAustria267300
Alex KulevBulgaria266800
Jonathan ThermeFrance256400
Roland ChassingFrance248600
Jakub KrawinskiPoland236600
Krasimir YankovBulgaria226000
Gab Yong KimSouth Korea220800
Yehuda CohenIsrael213700
Steve O'DwyerIreland206400
Luigi ShehadehItaly203300
Bhavin KhatriUKPokerStars qualifier199600
Raphael WimmerAustriaPokerStars qualifier199200
Yake WuChina197200
Lin RuidaChina196800
Yehia SaidEgypt195000
Przemyslaw GlanerPoland194700
Xiaqing JiChina194000

Infine, da oggi fino al final table in programma martedì 17, ci sarà lo streaming cards up sul canale Twitch di PokerStars, raggiungibile direttamente da qui. Commento in inglese e differita di 30 minuti, come al solito.

Appuntamento a domani, con il nostro report sull'EPT Main Event di Praga, Season 2019!

Archivio