pokerstars.it

EPT Praga ME: Herold e Ji in testa dopo il Day2, Kenney 3°. 12 italiani al Day3, con Zarbo a tirare la volata

La nebbia - metaforicamente parlando, poiché in sala non si può fumare - inizia a diradare sullo European Poker Tour Main Event di Praga e i 141 left intravedono all'orizzonte una prima moneta di €1.005.600.

Sono questi i dati principali al termine del Day2 del torneo, una giornata cominciata con 414 giocatori al via su un totale di 1.154 entry (niente record, quindi, ma terzo miglior field di sempre nella capitale ceca), per un prizepool definitivo di €5.596.900.

NEIL9511_EPTPrague2019_Bryn_Kenney_NEIL_STODDART.jpgBryn Kenney

Terminato il conteggio delle chip, al comando è sbucato il nome del tedesco Roman Herold che ha messo da parte per il Day3 769.000 gettoni; lo segue a sole 1.000 chip di distanza il cinese Xiaqing Ji, mentre la terza piazza è saldamente nelle mani del pro americano Bryn Kenney che ha chiuso la giornata a quota 656.000. Bene anche il chipleader dei Day1A e Day2, il francese Pierre Calamusa, 6° nel chipcount provvisorio con una dotazione di 601.000 pezzi colorati. Questa la top 10 al termine del Day2:

Roman HeroldGermanyPokerStars qualifier769000
Xiaqing JiChina768000
Bryn KenneyUSA656000
Giorgiy SkhulukhiyaRussia634000
Luke MarshUK625000
Pierre CalamusaFrance601000
Teun MulderNetherlands573000
Laurent MichotFrance550000
Fidan ZahitiSweden543000
Akin TunaGermany536000

Tra i 141 che tornano oggi per il Day3 (inizio alle 12:00) c'è anche un nutrito lotto di campioni che ambiscono a realizzare la storica doppietta, finora riuscita solo a Victoria Coren Mitchell: Dominik Panka, Ognyan Dimov, Aliaksei Boika, Hossein Ensan, Mikalai Pobal, Martin Finger, Steve O'Dwyer, Davidi Kitai, Sebastian Sorensson. A questi nomi aggiungiamo quello del PokerStars Ambassador Kalidou Sow, anche se nel suo palmares il titolo in questione è il PokerStars Championship vinto a Praga nel 2017.

Parliamo di giocatori italiani. Dei 30 presenti ad inizio giornata, 12 sono stati promossi al Day3. Il migliore è Giuseppe Zarbo con 429.000 chip imbustate, seguito da Francesco Candelari (421.000), Gianluca Speranza (417.000) e Giuseppe Carbone (411.000). Proprio su quest'ultimo giocatore è necessario fare un chiarimento: nel nostro report di ieri non lo avevamo indicato tra gli italiani qualificati al Day2 (29 era stato il numero riportato) perché accanto al suo nome appariva "Germania", ma nella lista di oggi - quella ufficiale fornita dall'organizzazione del torneo - è stato a tutti gli effetti ripristinato come player italiano. Su Hendonmob, invece, continua a essere considerato francese. Sembra una barzelletta ma noi, fino a quando non ci verrà indicato diversamente, lo inseriamo tra i player azzurri.

Schermata 2019-12-14 alle 11.08.20.pngGiuseppe Carbone: italiano, tedesco o francese? 

Proseguendo nel chipcount azzurro, troviamo Dario Sammartino (364.000), Claudio Di Giacomo (310.000), Alessio Di Cesare (237.000), Renato Hysenbelli (210.000), Francesco Delfoco (172.000), Luigi Shehadeh (160.000), Andrea Dato (117.000) e Antonio Smeraglia (58.000).

Il momento clou della giornata è arrivato a quota 168 left, ovvero allo "scoppio della bolla". Il bubble-man è lo svizzero Sami Shokry che mette in mezzo le ultime 21.000 chip con J♦6♥ contro tre avversari: Max Deveson, Johann Zeitoun e Yehuda Cohen. E' quest'ultimo ad aggiudicarsi la mano con A♠A♥ su questo board 6♦5♣2♦K♠2♠ e a decretare l'eliminazione a mani vuote di Shokry.

4086f47687.jpgIl momento della bolla

Da quel momento in poi, fioccano 26 eliminazioni, comprese quelle di Tiziano Di Romualdo (165°, eliminato da Carbone), Eugenio Peralta (156°) e Christian Alessi, tutti a premio per €8.960 ciascuno.

L'ultima nota di cronaca per oggi parla di Platinum Pass. Un ticket per il PSPC di Barcellona 2020 era in palio per tutti coloro che si fossero qualificati attraverso un satellite online di PokerStars e avessero raggiunto il Day2. Con 8 giocatori in grado di rispettare questi criteri, ad inizio giornata la direzione del torneo ha dato il via ad una singola mano di Crazy Pineapple che ha consegnato il Platinum Pass (valore di oltre 26.000 euro) al russo Evgenii Shibaldin.

NEIL8942_EPTPrague2019_Evgenii_Shibaldin_Neil_Stoddart.jpg

Evgenii Shibaldin con in mano il ticket metallico che lo porterà a Barcellona l'anno prossimo!

L'azione al Casino Atrium di Praga riprende oggi alle 12:00 (ora locale, la stessa per dell'Italia), con il Day3 che prevede 5 livelli da 90 minuti ognuno, a partire da 2.000-5.000 big blind ante 5.000, e che sarà possibile seguire sul canale Twitch di PokerStars con 30 minuti di differita per consentire la visione a hole cards scoperte. Come ormai da tempo, il commento è in inglese.

L'appuntamento con il blog di PokerStars.it è per domani, più o meno alla stessa ora di oggi, quando sapremo i nomi dei qualificati al Day4.

Archivio