pokerstars.it

EPT di Deauville: riprendiamo da dove avevamo interrotto

Sono molte le attrazioni che portano i viaggiatori in terra francese. Le strade pittoresche fanno solo da sfondo all'annuale festival del cinema e Deauville è anche uno dei centri delle corse dei cavalli in Francia.

Al termine di questa settimana potremo anche aggiungere che Deauville sarà riconosciuta ancora una volta come il centro del miglior poker francese, dopo tre anni di dolorosa assenza dalla scena pokeristica. Il Casino Barriere di Deauville è il centro più prestigioso per i giocatori di tutto il paese e un centro di spicco del poker mondiale. Oggi l'abbiamo vista risplendere sotto la luce che senza dubbio merita.

_MG_3571_Neil Stoddart.jpg

Ecco la sala del torneo gremita di giocatori sotto la luce scintillante degli eleganti lampadari. Da un lato le spiagge dorate, dall'altro la verde campagna. Questo splendido paesaggio fa da cornice ai migliori giocatori del mondo che, incuranti della fatica di raggiungere la cittadina del nord lontana dagli aeroporti internazionali, si sono radunati per cercare di aggiudicarsi una fetta del montepremi da €3 milioni.

Circa la metà di loro ha giocato oggi, 302 giocatori che si sono affrontati ai tavoli per otto livelli di gioco mostrando un grande poker. Alle nove di sera erano rimasti 125. Sembra che il Tour non abbia mai lasciato la città.

Vicky Coren, Vanessa Rousso, Alex Kravchenko, Bertrand "ElkY" Grospellier e Isabelle Mercier hanno rappresentato oggi il Team PokerStars Pro con sorti alterne. Sembrava che solo Kravchenko dovesse lasciare la competizione, ma verso il termine della giornata il torneo ha perso anche Vicky Coren.

_MG_8267_Neil Stoddart.jpg
Vicky Coren

E mentre la Coren con il suo particolare cappello lasciava la sala, il compagno di squadra ElkY raddoppiava restando in gioco. Ma il campione dell'high roller a pochi minuti dal termine ha concluso anche lui la sua corsa e dopo aver superato diversi momenti difficili alla fine ha dovuto arrendersi.

_MG_8297_Elky_EPT5Dea_Neil_Stoddart.jpg
Bertrand "ElkY" Grospellier
_MG_8321_Neil Stoddart.jpg
Vanessa Rousso

dall'altra parte della sala, Vanessa Rousso ha fatto un percorso simile ma invece di essere eliminata Lady Maverick ha trovato il raddoppio trasformando il suo esiguo stack da 5.500 in quasi 20.000. Il percorso della Mercier è stato invece in salita e alla fine ha raccolto ben 46.000 chips, portandosi avanti fino alla fine dopo un raddoppio nel primo pomeriggio.

Il miglior giocatore di oggi è Jonathan Abdellatif, che ha conquistato la chip lead mantenendola per la maggior parte della giornata. Uno dei suoi avversari al tavolo verso la fine gli ha detto: "Hai floppato prima un full poi una scala. Vuoi floppare qualcos'altro?" Questa frase rende al meglio la giornata del giocatore belga che ha raccolto 105.000 chips e si godrà domani il meritato riposo dopo la fortunata giornata.

Anche se la Normandia ha riservato a molti un caloroso benvenuto ad altri ha riservato solo una fredda accoglienza, parlo di coloro che sono stati eliminati, tra loro Carter Gill, seguito dal finalista PCA Benny Spindler, il temuto finlandese Jani Sointula, e i precedenti vincitori Pascal Perrault e Arnaud Mattern. Anche la PokerStars ShootingStar Sebastian Ruthenberg ha subito la stessa sorte.

Non è stata comunque una giornata negativa per gli ex campioni, il vincitore di Varsavia Joao Barbosa è rimasto in gioco con un discreto stack da 38.000.

Il conteggio delle chips vede ancora in gioco numerosi italiani, tra loro il migliore è Stefano Busino con 51.600 chips e hanno concluso al meglio anche due dei qualificati italiani di PokerStars Alessandro Cavalieri (46.500) e Amerigo Santoro (38.100).

Con 15.900 chips resiste alle fatiche di questa prima giornata anche Gino 'Diablo' Alacqua. Eccolo nell'intervista pre torneo.


Per oggi da Deauville è tutto.

_MG_4352_Neil Stoddart.jpg

Il blog di PokerStars vi porterà altre novità domani. Se invece volete un assaggio dell'atmosfera di Deauville in video, potete trovare tutto quello che vi occorre su PokerStars.tv.


Fotografie (c) Neil Stoddart

Archivio