pokerstars.it

LAPT San Jose: Fee si aggiudica il torneo inaugurale in Costa Rica

Se non fosse per la sua evidente bravura nel poker, Ryan Fee potrebbe sembrare il più fortunato del Costa Rica. Il ventenne di Philadelphia ha impiegato meno di quattro ore per aggiudicarsi la vittoria del LAPT di San Jose Seconda Stagione e i $200.000 del primo premio.


_IJ23451.jpg

Fee era tra i 219 giocatori provenienti da tutto il mondo che si sono radunati a Ramada Herradura in Costa Rica per tentare di aggiudicarsi una fetta del montepremi da $1 milione garantito. L'evento di tre giorni è cominciato con l'eliminazione dell'83% dei partecipanti al Day 1 in 12 ore di gioco. Il Day 2 ha richiesto ancora più tempo per arrivare a determinare gli otto finalisti e tutti si chiedevano quanto sarebbe durato questo tavolo finale dell'evento di San Jose che inaugura la seconda stagione del LAPT.

Il tavolo finale è stato un divertente misto di giocatori con esperienze diverse, dai giovani pro di poker online alla costaricana vincitrice di un braccialetto World Series. Ecco come appariva questa finale alle telecamere di Pokerstars.tv.


La favorita del pubblico locale non era difficile da individuare. Maria Stern è tra i giocatori più conosciuti in Costa Rica e gioca in casa. Insieme al marito Max è arrivata in fondo al torneo, ma mentre Max è stato eliminato poco prima dei premi, Maria ha continuato a lottare fino a raggiungere il tavolo finale. Maria Stern è stata short-stack per due giorni e potrebbe tranquillamente tenere un corso su come resistere alle avversità da short. Alla fine non poteva optare per un rilancio standard senza trovarsi completamente pot committed, e ha investito le sue 116.000 chips in uno scontro con Jeff Petronack che aveva Q-Q. Il board 4h-5c-3d-Td-6c ha determinato l'uscita della Stern, che era arrivata a premio anche nella Stagione 1, all'8° posto. Con questo piazzamento Maria si è aggiudicata $24.425.

_IJG0548.jpg

Al danese Claus Rasmussen è toccata ieri una decisione molto difficile che gli ha richiesto parecchio tempo, oggi invece la sua mano finale ha richiesto molto meno tempo. Con i blinds a 6.000/12.000 e 1.000 di ante, un giro gli sarebbe costato ben 25.000 e dal momento che aveva davanti meno di 100.000 chips, ha deciso di andare all in con Qd-7d e ha trovato una coppia di K in mano a Joel Micka. Nonostante la Q al flop, Rasmussen non è riuscito a migliorare la sua mano ulteriormente ed è stato eliminato al settimo posto.


_IJG0562.jpg

Claus Rasmussen

Il più fortunato della serata è stato il campione Ryan Fee, che è andato all in con A-K di picche contro A-K di cuori di Jeff Petronack. Se pensate di poter immaginare come è andata, dovrete ricredervi perchè è una mano davvero incredibile. Per prima cosa Fee ha floppato colore nut. Quindi il suo colore si è trasformato in una scala reale al turn. Infine per aggiungere il sale alle ferite inferte a Petronack, sul board è arrivata una scala colore dall'otto alla Q che non è bastata contro la scala reale di Fee. Petronack per il suo sesto posto si è aggiudicato più di $43.000.

_IJ23404.jpg

Jeff Petronack (a sinistra) sorride nel vedere la mano miracolosa di Fee

La fortuna di Fee non si è limitata a questa mano dopo la quale nessuno si è sorpreso nel vederlo andare all in con coppia di 8 contro Q-Q di Andre Chen e trovare un board 6c-4h-5s-7d-x che gli ha dato una scala. Chen ha vinto $61.000 dopo la sua eliminazione al quinto posto che lo ha lasciato letteralmente gelato.

_IJG0571.jpg

Dopo questa mano Fee ha superato il milione di chips e ha detto "Sono davvero bravo a scoppiare".

Ancora una mano fortunata lo porta a eliminare Jesus Bertoli che era rimasto short-stack. Questa volta Fee ha K-Q di picche, e Bertoli A-3. Ancora una volta nessuno si è stupito nel vederlo floppare doppia ed eliminare il venezuelano che per il suo quarto posto si è aggiudicato $80.603.

_IJG0584.jpg

Jesus Bertoli

A questo punto Fee si è preso una pausa, lasciando la successiva eliminazione al ventenne americano Joel Micka. Quando Brett Sheribon, rimasto short, è andato all in dal bottone con Q-10 di quadri, Micka dal big blind ha visto con coppia di due. Sheirbon non ha trovato sul board nessuna delle sue due carte e ha lasciato il torneo al terzo posto, aggiudicandosi $109.913.

_IJG0593.jpg

Joel Micka e Ryan Fee si sono quindi presi una breve pausa per accordarsi e nonostante i termini esatti dell'accordo non siano stati rivelati i due hanno diviso il montepremi lasciandone una parte da giocare insieme al titolo. Non ci è voluto molto per avere un vincitore. Nella mano finale i giocatori tra rilanci e controrilanci sono finiti all in con 4-4 per Micka e A-10 per Fee.

_IJG0603.jpg

Joel Micka

Se avete fatto attenzione alle mani precedenti dovreste sapere che per Fee non era importante aver mancato le prime 4 carte del board perchè aveva ancora a disposizione il river e anche in questo caso è una carta in suo favore, un asso che gli concede la vittoria nel primo evento della seconda stagione del LAPT.

_IJG0613.jpg


La prossima tappa del LAPT sarà in Messico il mese prossimo, i satelliti per partecipare sono già disponibili su PokerStars.


All photography by Joe Giron/IMPDI

Archivio