pokerstars.it

PCA 2010: Dario Minieri in testa nel torneo High Roller

Cosa posso dirvi di Dario Minieri che già non sapete. Chiunque abbia a che fare con il poker da qulache anno conosce il suo talento che è l'orgoglio italiano del Team PokerStars Pro. Con il suo aspetto Minieri sembra un simpatico e inoffensivo studente, ma dietro l'apparenza si cela uno dei più pericolosi e aggressivi giocatori di poker di livello mondiale il cui talento non ha bisogno di ulteriori conferme.

Oggi Minieri ci ha regalato una altra grande prestazione chiudendo la giornata da chip leader in uno degli eventi dal field più duro da battere. Si sono sfidati in questo torneo punta di diamante della PCA 84 giocatori tra i migliori del mondo, ognuno dei quali ha investito per il suo posto al tavolo $25.000. Per il nostro Dario Minieri è sembrato quasi un gioco, nonostante abbia giocato al tavolo più difficile della giornata è riuscito a dominarlo completamente raccogliendo 218.600 chips ed evendo la meglio su una serie di incredibili talenti.

dazzamhiro1.JPG

Dario Minieri

In sette livelli di gioco Minieri ha diviso il tavolo con i Team PokerStars Pro ElkY, Alex Gomes e William Thorson, e insieme a loro anche Bennie Spindler, Kevin Saul e Hafiz Khan. Di questo gruppo Gomes, Spindler e Khan hanno lasciato la gara mentre ElkY, che ha vinto questo torneo lo scorso anno è rimasto con 7.200 chips. Ottima invece la prestazione di William Thorson, che ha concluso la sua giornata con 70.400.

Ancora più vicino a Minieri è arrivato il Team PokerStars Pro olandese Lex Veldhuis con 214.500 e il campione del mondo WSOP Joe Cada a 164.000. Tra gli eliminati ci sono invece i Team Pro John Duthie, Humberto Brenes, Leo Fernandez, Barry Greenstein e Jason Mercier. Mentre nella lista dei sopravvissuti ci sono Greg Raymer, Daniel Negreanu, Sandra Naujoks (anche lei ospite del tavolo di Minieri in chiusura di giornata), Chad Brown ed Andre Akkari. Tutti questi giocatori saranno impegnati nel day 2 e torneranno a sfidarsi a mezzogiorno ora locale, le 18.00 italiane.

Archivio