Come affrontare i momenti difficili in un MTT

PokerStarsSchool | MTT

È estremamente raro per un vincitore di un torneo arrivare al successo senza problemi. La stragrande maggioranza delle volte quando si gioca in tornei multi tavolo, i giocatori sperimenteranno battute d’arresto e perdite di porzioni significative del loro stack. Questo è così comune, infatti, che come giocatore di tornei dovresti essere preparato per questa eventualità. Il modo in cui rispondi alle avversità avrà un impatto diretto sui tuoi risultati a lungo termine. Quindi cosa dovresti fare quando un brutto colpo colpisce il tuo stack?

Smetti subito di pensarci

Come hai perso tutte quelle fiches? Era un cooler? Una bad beat contro un giocatore debole? Un errore o una cattiva giocata? Ecco la domanda pertinente: chi se ne frega? Credimi, a nessuno importa. I tuoi amici di poker, la tua dolce metà, i forum di poker che frequenti, a nessuno importa, soprattutto perché siamo stati tutti nella stessa situazione, abbiamo tutti preso brutte battute d’arresto e commesso degli errori. Neanche a te dovrebbe importare, almeno non adesso. Anche se credi di aver commesso un errore, preoccupatene in seguito. Il torneo non aspetterà che tu risolva i tuoi dubbi o che il tuo tilt passi. C’è un’altra mano in arrivo proprio ora. Smetti subito di pensarci e passa alla mano successiva. Puoi fare un’analisi più tardi.

Non mollare

Nei tornei dal vivo e online si vedono spesso giocatori subire una bad beat e paralizzarsi fino a far ridurre drasticamente il loro stack, semplicemente si arrendono. Spesso i giocatori si arrendono mentalmente, ma a volte lo fanno anche fisicamente, mettendo nel piatto le loro fiches nella mano successiva con mani spazzatura. Tutto ciò deriva dal fatto che nella loro mente hanno perso questo torneo prima di essere effettivamente eliminati. Tuttavia, c’è un grosso problema con questa mentalità, se hai ancora chips, non è vero che hai perso il torneo. Paralizzarti nel gioco porta a una grande riduzione delle tue possibilità di vincere l’evento. Per quanto sia negativo avere pochi big blind rimasti nel tuo stack, è significativamente meglio che averne zero.

Prendi una decisione alla volta

Quando non pensi più al colpo subito e hai deciso di non arrenderti, ora la missione è concentrarsi solo su una decisione alla volta. So che le cose sembrano terribili, come si possono massimizzare le possibilità di ritornare ad avere un buono stack? Ecco come, prendendo ogni decisione utilizzando al meglio delle tue capacità è probabile che produca risultati migliori rispetto al call in tilt con 93o nella mano successiva.Ci stavo pensando perché mi è successo in un torneo dal vivo l’altra settimana. Aveva un buy-in di €350 con oltre 1000 partecipanti, e dopo aver perso un colpo, mi sono ritrovato con 5 big blind. Non condividerò i dettagli di quella mano perché, chi se ne frega. Mi sono scrollato di dosso mentalmente quello che è successo e ho valutato la mia situazione. Sono venuto qui per sprecare un giorno? No. Mi interessa non perdere il mio buy-in? Certo che mi importa. Sono venuto per gareggiare e voglio farlo al meglio delle mie capacità, nonostante ciò che ho appena subito. Questo torneo utilizzava la formula big blind ante, dove la posizione big blind mette l’ante per l’intero tavolo, pari a 1 big blind. I bui erano 300/600/600 ante, avevo 3K in chips e 5 mani prima che venissi obbligato a mettere il 40% del mio stack nella posizione di big blind. Ok, se non avessi ricevuto una mano ragionevole, sarei stato probabilmente costretto a chiamare con ogni mano dal big blind, dopo aver messo 1200 con solo 1800 dietro. Ho pensato che avrei preferito di gran lunga spingere le mie chips in mezzo prima che ciò accadesse, poiché forse avevo ancora un po’ di fold equity. Ma ho ricevuto 93o, 73o, T5o, J2o e infine da UTG l’incredibile 42o.

Credo che sia stata la decisione migliore che potessi prendere foldare quelle mani e sfruttare le mie possibilità nella posizione BB, con molti soldi nel piatto e presumibilmente una mano migliore di 4 high che avevo appena scartato da UTG. Dopo un rilancio a 3x e un call, ho ricevuto J9s da BB. Sono stato sollevato di avere effettivamente una mano ragionevole e ho messo il resto del mio stack. Entrambi i giocatori hanno chiamato. Il flop è stato 772 con il mio progetto di colore ed entrambi hanno fatto check. Quando entrambi hanno fatto di nuovo check al turn è uscito un, mi sono sentito ancora meglio per aver centrato la top pair. Il river è stato ininfluente e ho battuto gli assi alti dei miei avversari. La mano successiva, c’è stato un mini-raise e 2 call, e ho ricevuto AQo dallo small blind. Vado all-in, e dopo il fold dell’original raiser, uno degli altri due dice “Devo chiamarti” e gira 77. Ho floppato la Q e ho più che raddoppiato nuovamente. Non avevo ancora uno stack enorme, ma sicuramente ero tornato in gioco. Sono arrivato al giorno 2 di questo evento e ho chiuso 33° per €1830. Se avessi rinunciato a giocare dopo quel brutto colpo, è improbabile che avrei raggiunto un risultato così buono.

Se questo non è abbastanza convincente, ti racconto la storia del campione del Main Event delle WSOP 2012 Greg Merson, che il quinto giorno era rimasto con meno di 2 big blind. Li ha buttati via? Si è arreso mentalmente? Sembra di no, diversi giorni dopo stava issando quell’ambito braccialetto d’oro sopra un enorme mucchio di soldi, era il nuovo campione del Main Event.

Lo scopo di questo articolo è farti pensare, e stimolarti ad essere mentalmente pronto, prima di giocare il tuo prossimo torneo. Subirai battute d’arresto. Forse no, ma di solito alla maggior parte dei giocatori succede, quindi sii preparato mentalmente. E quando arriva un brutto colpo, devi dire a te stesso di dare il massimo fino a quando l’ultima chip non sarà sparita. Potrebbe non fare la differenza nell’immediato, ma se ti approcci a tutti i tornei con questa mentalità, i tuoi risultati a lungo termine ne gioveranno.

Master Leaderboard €1,500 in palio ogni mese >> Vai
Rookie Leaderboard €500 in palio ogni mese >> Vai

Loading more content...