Il poker è un gioco d’azzardo?

PokerStarsSchool | 5 giorni fa in Le basi del Poker

Il poker è un gioco d’azzardo?  Questa è una domanda da sempre ricorrente. È da molto tempo che stavo pensando di scrivere questo articolo, e dopo che questo tema è riemerso di recente, ho pensato che ora sarebbe stato un buon momento per condividere i miei pensieri.

Innanzitutto, dovremmo definire la parola gioco d’azzardo. Il dizionario Merriam-Webster fornisce la seguente definizione:

1A: giocare una partita con denaro.

1B: scommettere su un risultato incerto.

Chiaramente secondo questa definizione il poker è, in effetti, un gioco d’azzardo. Ma quando qualcuno fa un commento come “il poker non è azzardo nel modo in cui lo gioco io”, in realtà sta dicendo: “il poker è un gioco di abilità per come lo gioco io, non è fortuna”.  C’è un fondo di verità in questa affermazione? Sì, chiaramente l’abilità conta nel poker. Alcune persone giocano a poker per vivere. Confrontalo con un puro gioco d’azzardo come la roulette. Il banco impone i payout, che sono leggermente inferiori alle probabilità di vincere realmente una determinata puntata, quindi non esiste un elemento di abilità che può consentire di vincere a lungo termine. Ci sono giocatori di poker professionisti e scommettitori sportivi professionisti, ma non ci sono giocatori di roulette professionisti.

Dove le persone si confondono, specialmente quelle che non capiscono il poker, è che in realtà c’è anche un elemento di fortuna nel poker. Indipendentemente da quanto sia grande il tuo vantaggio in termini di abilità, puoi sempre perdere una singola mano, una singola sessione, ecc. Confronta questo con un gioco di abilità puro come gli scacchi. Se un giocatore di scacchi alle prime armi dovesse giocare 100 partite contro un Gran Maestro, le perderebbe tutte e 100. Non possiede le abilità per battere un giocatore di così alto livello. Se un giocatore di poker alle prime armi dovesse giocare 100 mani contro un giocatore di poker esperto, non le perderebbe tutte e 100… ne vincerebbe alcune per pura fortuna. Ma il giocatore esperto vincerebbe più di 50 partite grazie al suo vantaggio in termini di abilità.

Userò un semplice esempio per spiegarlo. Questo è il modo in cui l’ho spiegato alla mia attuale moglie, prima che ci sposassimo, per aiutarla a capire. Non è assolutamente una giocatrice e sebbene esitasse a intraprendere una relazione a lungo termine con un giocatore d’azzardo, aveva visto i frutti dei miei risultati di poker e sapeva che qualcosa funzionava, ma nella sua mente continuava a pensare che fosse un gioco d’azzardo, quindi come si poteva conciliare questo?

Ok, quindi diciamo che ti propongo la seguente scommessa. Lanceremo una moneta per soldi. È una moneta, le probabilità sono 50/50. Quando la moneta esce testa, mi paghi €1, ma quando la moneta esce croce ti pagherò €5. Sarebbe una puntata intelligente da accettare? Certo che lo sarebbe! Vieni pagato ad un tasso di 5-1 su un tiro 1-1 (50/50).

Ora, questo è gioco d’azzardo? Quando lo ho chiesto alla mia allora fidanzata, ha pensato brevemente e ha detto “no, immagino di no quando la metti così”. “Certo che lo è”, ho risposto, “Quella moneta potrebbe uscire testa 10 volte di seguito e tu avresti perso €10. Questo è l’elemento fortuna a breve termine. Ma, se sono disposto a continuare a lanciare monete con te e pagarti al tasso folle di 5-1 per ogni volta che vinci, alla fine supererai quella fortuna a breve termine (la chiamiamo varianza nel poker) e, dopo un numero abbastanza grande di lanci , riuscirai ad avere tutti i miei soldi perché il tuo vantaggio è troppo grande.” In forma semplificata, questo è ciò che faccio come giocatore di poker. Posso scegliere quando voglio puntare le mie chips. Cerco situazioni per puntarle quando credo di avere un vantaggio. Non vincerò ogni singola puntata, ma se mantengo un vantaggio di abilità sui miei avversari e lo sto esercitando bene, a lungo andare supererò la varianza della fortuna a breve termine e risulterò vincente.

Il poker è un gioco d’azzardo? Sì, dalla definizione tecnica della parola lo è sicuro. Il poker è un puro gioco d’azzardo? No, assolutamente no. Se alcune persone sono in grado di fare abbastanza soldi giocando a poker per sostenersi economicamente per periodi di anni, dovrebbe essere ovvio che questo non è un gioco di pura fortuna.  Se lo fosse, ciò non sarebbe possibile. C’è sicuramente un elemento di fortuna nel poker… non importa quanto bene hai giocato una mano, non puoi controllare l’ultima carta che arriva alla fine. Potresti aver intrappolato magistralmente il tuo avversario nel mettere a rischio tutte le sue fiches mentre era in svantaggio con solo 1 carta in grado di fargli vincere la mano al river… ma una volta ogni tanto quella carta scenderà e non puoi farci nulla. Se tuttavia utilizzi il tuo vantaggio di abilità per continuare a convincere il tuo avversario a puntare le sue chips quando è in svantaggio, vincerai molto nel lungo termine, nonostante non vincerai ogni singola mano.

Pertanto, il poker è chiaramente un gioco di abilità, con un elemento di fortuna a breve termine che mantiene il gioco divertente ed emozionante, un vero spasso per giocatori dilettanti e giocatori di tutti i livelli.  Anche se il giocatore di poker professionista potrebbe dirti che il poker “non è azzardo nel modo in cui lo faccio”, quello che stanno veramente dicendo è che hanno lavorato a lungo e duramente per sviluppare le abilità che danno loro un vantaggio e gli permettono di essere vincenti a lungo termine, nonostante il fatto che ci sarà sempre una varianza a breve termine in ogni mano o sessione.

Comprendilo bene e lavora sodo per sviluppare le tue capacità, e anche tu un giorno potresti essere in grado di dire onestamente che il poker non è più azzardo per te.

Galactic Series – Oltre €1.000 in ticket in palio con la PokerStars School
Visita il nostro canale Discord. Vai su Discord.

Loading Comments

Loading more content...