La brutta bestia chiamata Tilt (Parte 2)

PokerStarsSchool | Poker Mindset

Iniziamo parlando del tilt più comune, del quale ogni giocatore è stato vittima, e che è anche abbastanza semplice da individuare: il tilt del perdente.

Il Tilt del perdente

Questa tipologia di tilt si verifica quando succede qualcosa di simile descritta nella prima parte dell’articolo. Nella mano siamo stra-favoriti, ma l’avversario riesce a prendere la carta (o le carte) del miracolo. Le reazioni più comuni sono rabbia e disgusto – ed entrambe queste reazioni ci porteranno verosimilmente a giocare peggio. Sentiamo il bisogno di riprenderci i NOSTRI soldi il prima possibile, ma nel farlo ci predisponiamo a perdere ancora di più. Lo facciamo nel seguente modo: allargando i nostri range di apertura, raisando/chiamando raise con mani marginali, non tenendo conto di posizione/statistiche/read durante una mano, diventando troppo aggressivi in generale.

È probabilmente una situazione che conosciamo tutti molto bene.

Il Tilt del vincitore

La seconda tipologia di tilt, alla quale non avevo nemmeno mai pensato finché non è stata portata alla mia attenzione, è quella del tilt del vincitore. Potremmo pensare: “Ma come è possibile tiltare se stiamo vincendo?” Prendiamo il seguente esempio: siamo in good run, e stiamo giocando bene. Stiamo ricevendo buone mani, e tutte hittano bene. Siamo sopra di 150bb, e guardiamo tutti con disprezzo dall’alto in basso.

È adesso che si presenta il tilt del vincente – ma la cosa tremenda è che, quando arriva, spesso non siamo nemmeno in grado di accorgercene. Ci ritroviamo a giocare mani marginali ed a spingere anche con un’edge minima perché “Tanto sto vincendo, e posso permettermi di fare questo call. Tra l’altro sto runnando benissimo!” Quindi, se non hittiamo per un po’ (ma non dobbiamo preoccuparci: probabilmente eravamo dietro durante tutto il corso della mano) il nostro stack inizia a scendere. Ma questo non ci preoccupa, siamo comunque in positivo: la nostra sessione è comunque vincente, giusto?

No. Commettendo questi errori, prendendo queste decisioni sbagliate e perdendo questi “piccoli” piatti, stiamo fondamentalmente buttando soldi. Avere uno stack più grosso dovrebbe poterci permettere di allargare leggermente i nostri range, non di razionalizzare le decisioni -EV.

Durante la terza ed ultima parte dell’articolo, dopo aver visto queste due tipologie di tilt, parleremo di uno dei modi per affrontarlo/prevenirlo prima che sia troppo tardi.

Visita il nostro canale Discord. Vai su Discord.

Loading Comments

Loading more content...