Il cambio di mentalità va oltre la lamentela/il whine. Se volete trasformarvi da un giocatore weak/tight ad uno loose/aggressive, dovete innanzitutto cambiare la vostra mentalità. Non importa quanto duramente provite a cambiare qualcosa. Se non programmate i cambiamenti nella vostra testa, NON RIUSCIRETE AD EFFETTUARLI!

Dovete iniziare a pensare aggressivamente prima ancora di sedervi ai tavoli ed iniziare la vostra sessione. Pensare all’opportunità di raisare e re-raisare per vincere il piatto. Dovete avere l’immagine di un giocatore che vuole sempre aggredire il piatto e mettere paura nei vostri avversari.

Non effettuate bet e raise da “femminucce”. Ogni volta che puntate o raisate, fatelo per bene. Utilizzate size come 2/3 o 3/4 di piatto per costruire grossi piatti o far foldare i vostri avversari.

Per i giocatori mid-stakes di oggi, questa è la norma. Per molti giocatori che stanno iniziando a giocare adesso, è invece un concetto assolutamente nuovo, da implementare. Non voglio entrare nei dettagli del postflop perché sarebbe un argomento troppo vasto, ma ecco alcuni esempi.

1) Aprite JTs da BTN, ed un fish seduto prima di voi limp-calla il vostro raise. Al flop scendono 48Kr, ed il vostro avversario gaybetta. Cosa dovete fare? RAISARLO!
2) Aprite A5s da MP ed al flop scendono 2s3sQx. Continuate la vostra aggressione con una c-bet, e subite un miniraise. Cosa dovete fare? ANDARE IN ALL-IN! Avete 12 succosissime outs e tanta fold equity.
3) Aprite 89s da BTN, ed un avversario sui blind decide di chiamarvi. Al flop scendono 78T, ed il vostro aversario punta. Cosa dovete fare? Dovreste già averlo capito.

I risultati finali di queste mani non dovrebbero interessarvi. Non importa che abbiate perso dopo aver messo al 40%, perché in queste mani avete giocando utilizzando il concetto di fold equity.

Questi sono solo alcuni esempi di cosa significhi avere una mentalità aggressiva. Questi esempi non sono la bibbia in ogni singolo caso, è soltanto la mentalità dietro questi esempi che vi serve. Una volta cambiata la vostra mentalità ad una adatta al poker, molte decisioni postflop vi verranno più semplici, garantito!

Nella prossima parte dell’articolo parleremo dell’immagine che vi serve avere contro i vostri avversari al tavolo, e dei vantaggi che porterà l’aggressività alla vostra winrate.

Sull’immagine

Dunque, qual è l’immagine che abbiamo bisogno di avere? Ci serve un’immagine tale che i nostri avversari abbiano paura di giocarci contro. E, soprattutto ai microlimiti, ci sono tanti weak tight che hanno paura di giocare contro gli avversari più aggressivi. Il vostro compito è quello di alimentare questa paura! Giocate un poker solido e sfruttate molto la posizione. Cercate gli spot corretti per raisare e re-raisare draw, mani marginali ecc.

Non potrete mai avere questa immagine se non credete di poterla possedere. Ciò che pensate di voi stessi si riflette in ciò che gli altri penseranno di voi. Quindi, ancora una volta, dipende tutto dalla vostra mentalità.

Questo tipo di immagine vi porterà anche a farvi dare molta azione. Volete costruire piatti più grandi, ed i vostri avversari ve lo permetteranno. Sfruttando il vantaggio della posizione, questo fattore costituirà per voi un enorme vantaggio. E, se riuscite ad evitare di arrivare allo showdown con mani marginali, guadagnerete anche il rispetto del tavolo.

Tuttavia, dovrete anche stare molto attenti. Siete stati catturati in bluff, o vi hanno visto giocare molti piatti grossi nelle ultime mani. In questo caso, inizieranno a togliervi un po’ di rispetto ed a giocare più apertamente contro di voi. Questo è il momento di chiudere un po’ il vostro gioco. Potete iniziare ad evitare qualche c-bet, se pensate che i vostri avversari vi seguiranno con qualsiasi carta. E potete anche iniziare ad aprire meno da UTG ed MP.

Una volta che pensate di aver raggiunto di nuovo un’immagine tight, magari dopo aver vinto qualche grosso piatto mostrando delle mani molto forti, potrete iniziare di nuovo a spingere sull’acceleratore e giocare mani marginali/bluff. Questo significa cambiare marcia. Adattarsi alla propria immagine e giocare di conseguenza, in base a come siete visti al tavolo in quel preciso momento.

Conclusione

Quanto detto finora costituisce solo la base del nostro discorso. Continuate a cercare articoli ed a postare, discutere e osservare mani. Alla fine di una sessione, studiate il vostro gioco e quello dei vostri avversari. Questo è ciò che serve per migliorare, ed in molti lo fanno ogni giorno. Cercate di non rimanere indietro.

Parte 1 >>

Master Leaderboard €1,500 in palio ogni mese >> Vai
Rookie Leaderboard €500 in palio ogni mese >> Vai

Loading more content...