Puntare piccolo su flop monotone

PokerStarsSchool | 1 mese fa in Cash Games

Esatto, hai capito bene.

Se stai pensando “wow, sembrerebbe davvero il contrario”, beh, preparati, perché stiamo per sfatare un enorme mito del poker.

Alcuni dei flop dove si commettono più errori nel No Limit Holdem sono quelli in cui ogni carta è dello stesso seme. In inglese li chiamiamo three-flush o monotone, che significano tutto dello stesso colore (questo ha ancora più senso se giochi con il mazzo a 4 colori!). I principianti reagiscono in modo abbastanza emotivo a queste texture particolari del board. Ci sono giocatori che iniziano a fare puntate enormi con top pair e overpair, cercando disperatamente di impedire al loro avversario di completare il temuto colore. Ma ci sono anche giocatori che iniziano a check-callare. Sebbene nessuna di queste strategie sia ottimale, la prima è pessima. Vediamo perché.

L’errore nel puntare grande

Se siedi in un tavolo cash live, praticamente ovunque ascolterai vari commenti quando scende un flop del genere, tuttavia sono un mucchio di pensieri illogici fuorvianti. La maggior parte dei giocatori live è molto lontana dell’essere un esperto di poker e alcuni di loro sono il tipo di giocatori che vorremmo sempre al nostro tavolo.

Tra le varie perle di saggezza ci sono classiche frasi tipo: “devi puntare davvero grande quando il flop è tutto di quadri – potrebbe completare il colore”.

La ragione per cui questi giocatori sostengono di dover piazzare enormi puntate nel mezzo con A♥A♣ in un piatto a tre su 8♦6♦4♦ è che hanno una visione limitata. Stanno pensando solamente che:

1.    Hanno attualmente la mano migliore.

E

2.    Uno o più avversari ha una carta di quadri.

Il caso 1 da solo non è nemmeno estremamente probabile su un simile board contro due avversari. Anche le possibilità che un avversario abbia esattamente una carta di quadri sono piuttosto basse. Le mani contro cui si ha la mano migliore dovrebbero essere composte da due carte grandi che non hanno fatto una 3-Bet pre-flop o una pocket pair che non sia 88, 66 o 44 e non abbastanza grande per fare una 3-Bet pre-flop. Anche il caso 2 è improbabile. Quando si moltiplicano due cose improbabili insieme si ottiene una cosa ancora meno probabile, proprio come i punti 1 e 2.

I giocatori ossessionati dal fare grandi puntate stanno trascurando tutti i vari casi, inventandone solo uno specifico in cui una grande puntata sembra la cosa migliore. Non analizzano bene il range, per loro sembra esistere solo un tipo di mano nei range dei loro avversari.

Perché puntare piccolo è teoricamente corretto

Ricorda che la strategia di puntare grande con una coppia funziona solo se un avversario ha una mano con esattamente un quadri e abbiamo la mano migliore. Se una di queste condizioni è falsa, una piccola puntata in realtà si comporta molto meglio. Contro una mano come 9♠8♠, per esempio, è probabile che una piccola puntata sia l’unica dimensione che l’avversario chiamerà con regolarità. Ci sono molte mani come questa nel range dell’avversario che non sono abbastanza forti da investire troppi soldi ma che chiamerebbero invece una bet piccola. Quando questo è il caso, diciamo che stiamo facendo una thin value bet. Quando facciamo una thin value bet, una dimensione più piccola assicura di ricevere un call dalla maggior parte delle mani peggiori che vogliamo chiamino e limita le perdite contro una mano migliore.

Poiché i giocatori in genere preferiscono giocare pre-flop mani mani dello stesso seme (suited), i colori e le mani senza alcun quadri sono in realtà molto comuni. Non è assolutamente necessario puntare molto contro J♥10♥, ma farlo contro J♦10♦ è chiaramente molto dannoso per la nostra win-rate.

Le puntate più piccole sono corrette sui flop monotone perché ci consentono di ottenere thin value assicurandoci di non perdere troppo contro un range che ci batte. Se finiamo per puntare troppo, spesso avremo poca equity quando veniamo chiamati.

Se ci pensi, nessuno folderà una mano come A♦J♥ contro una puntata al flop. Se arriva il quarto quadri, avremmo preferito puntare più piccolo al flop, non più grande! Puntare grande va bene solo quando il turn non è un quadri.

Eccezioni exploitative

Quando è corretto fare puntate più grandi su un board monotone?

Quando hai una mano o un progetto molto forte e stai cercando di approfittare di un avversario calling station. Se l’avversario è il tipo che chiama un mucchio di mani spazzatura off-suited pre-flop, allora il suo range conterrà molte più mani con una carta di quadri di quante ne dovrebbe avere sul flop 8♦6♦4♦. Non solo, è anche probabile che una calling station paghi più puntate anche con pessimi progetti. Dovremmo puntare di più qui con mani come A♦7♦ e 4♣4♠.

Cerchiamo di capire bene allora, non stiamo dicendo che devi sempre usare piccole puntate o fare check su board monotone – vogliamo farti solo capire che in teoria è corretto farlo. La cosa meravigliosa del poker è che ci sono molti tipi di giocatori contro i quali possiamo semplicemente ignorare le regole e fare ciò che massimizza la nostra win rate modificando la nostra strategia in ogni situazione.

Visita il nostro canale Discord. Vai su Discord.

Loading Comments

Loading more content...