Dopo il pareggio poco esaltante di Crotone, la Juventus fa il suo esordio in Champions League. I bianconeri sono di scena a Kiev, ospiti della Dinamo, in una trasferta che nasconde sempre tante insidie. Andrea Pirlo, al debutto in panchina in campo europeo, affronta Mircea Lucescu, uno dei primi allenatori nella sua carriera da giocatore.

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Martedì 20 ottobre 2020

Ora del calcio d’inizio? 18:55

Dove si gioca? NSC Olimpiyskiy Stadium (Kiev)

Dove si vede in TV? Sky Sport 1

Dinamo Kiev-Juventus: presentazione della partita e pronostico

Il pareggio di Crotone, solo in parte giustificato con le tante assenze a cui ha dovuto fare fronte Andrea Pirlo, ha tolto altre certezze alla Juventus, che dopo l’esordio convincente in campionato contro la Sampdoria non ha offerto prestazioni altrettanto buone nelle due successive trasferte, quelle con la Roma e con il Crotone, portando a casa due pareggi con ben poco da recriminare, anzi. In entrambe le partite i bianconeri si sono ritrovati a dovere sempre inseguire l’avversario e hanno chiuso in inferiorità numerica. Se all’Olimpico era stato Rabiot a finire sotto la doccia anzitempo, la stessa sorte allo Scida è toccata al nuovo arrivato Federico Chiesa, che ha così vanificato una prova tutto sommato non da buttare, con all’attivo anche l’assist confezionato per il gol di Morata. La vittoria a tavolino con il Napoli, sportivamente parlando, è oro colato per una squadra che è ancora in fase di costruzione e sta facendo fatica. Serve tempo a Pirlo, anche per prendere confidenza con una dimensione per lui completamente nuova e anche improvvisata.

Adesso il tecnico bresciano deve preparare l’esordio in Champions League, sul campo non semplice di Kiev dove ad attendere i 9 volte campioni d’Italia c’è la Dinamo, che si è qualificata alla fase a gironi superando i turni preliminari. Il girone, che comprende anche Barcellona e Ferencvaros, è tutt’altro che impossibile considerando che i posti a disposizione per gli ottavi sono due, ma serve partire con il piede giusto per evitare di iniziare il cammino in salita. In Ucraina non ci sarà ancora Cristiano Ronaldo, che sta scontando il periodo di quarantena e spera di esserci almeno l’altra settimana per l’appuntamento imperdibile contro il Barcellona e contro Messi. Senza il portoghese la Juve fa meno paura e considerando che nemmeno Dybala è al top ecco che tocca ad Alvaro Morata caricarsi sulle spalle il peso dell’attacco. A Crotone l’attaccante spagnolo è stato una delle poche note positive, segnando un gol, vedendosene annullare un altro per un fuorigioco millimetrico e colpendo pure un palo con uno splendido colpo di testa.

Ecco il nostro pronostico per le scommesse di questa sfida. Abbiamo anche molte altre opzioni su cui puntare.

La partita nel dettaglio

La Dinamo Kiev arriva a questa partita da prima in classifica nel campionato ucraino con 14 punti all’attivo, 2 in più dei rivali di sempre dello Shakhtar Donetsk, e senza aver ancora perso nelle prime 6 giornate. Una bella iniezione di fiducia indubbiamente per la formazione allenata da Mircea Lucescu, vecchia conoscenza del campionato italiano, che dovrebbe proporre un coraggioso 4-3-3 con Bushchan tra i pali, la linea difensiva composta da destra e sinistra da Kedziora, Zabarnyi, Popov e Mykolenko. A Buyalskyi, Sydorchuk e Shaparenko verranno affidate le chiavi del caentrocampo mentre Tsygankov, capocannoniere del club in campionato con 3 gol, Supryaga e de Pena si preoccuperanno di creare i pericoli per la retroguardia bianconera.

Una difesa che è apparsa tutt’altro che irreprensibile nelle ultime uscite. L’assenza di de Ligt, il cui rientro si sta tuttavia avvicinando, si sta facendo indubbiamente sentire. Sczeszny e Chiellini sono pronti a riprendere il proprio posto rispettivamente in porta e nelle difesa a tre con Danilo e Bonucci. A centrocampo torna titolare Rabiot, con Arthur e Bentancur che si contendono l’altra maglia disponibile a meno che Pirlo non decida di optare per un 3-5-2 con Chiesa e Cuadrado sugli esterni e Kulusevski che verrebbe affiancato a Morata. Dybala andrà nuovamente in panchina e, al contrario di Crotone, dove non è nemmeno entrato, stavolta dovrebbe giocare almeno uno spezzone in attesa di recuperare la forma migliore.

Author Image

Prossimo articolo

Loading...