La vittoria del Barcellona contro il Valladolid obbliga il Real Madrid a rispondere ai catalani: con una vittoria contro il Granada, le merengues si avvicinerebbero non di poco alla conquista della Liga. Andiamo a vedere l’avvicinamento al match con i risultati recenti di Real e Granada

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Lunedì 13 luglio 2020

Ora del calcio d’inizio? 22:00

Dove si gioca? Nuevo Los Cármenes (Granada)

Canale TV: Dazn

Granada-Real Madrid: presentazione della partita e pronostico

A tre giornate dalla fine del campionato, il Granada è ancora in corsa per un posto in Europa: la formazione allenata dal 39enne Diego Martinez, infatti, è stata una delle rivelazioni della Liga 2019-2020 e l’ottavo posto attuale con 50 punti a referto ne è la conferma più fulgida. I Rojiblancos non sono distanti dal settimo posto, per ora occupato dalla Real Sociedad con 51 punti, mentre per il sesto posto, che eviterebbe i preliminari di Europa League, c’è da recuperare tre punti al Getafe da qui alla fine. Il Granada è una squadra in salute e lo dimostrano le due vittorie maturate nel giro di una settimana contro Alaves (2-0) e proprio Real Sociedad, battuta 3-2 venerdì dal Granada che si avvicina alla sfida con il Real Madrid nel pieno della forma, con qualche acciaccato che però preoccupa.

In casa Real Madrid, invece, tutto fila per il verso giusto e le otto vittorie consecutive raccolte in altrettante partite dal momento della ripresa del campionato hanno permesso a Zidane di compiere il sorpasso sul Barcellona e di avvicinarsi alla conquista della Liga. I blancos, al momento, hanno un solo punto di vantaggio sul Barça che però ha una partita in più, avendo vinto sabato contro il Valladolid. In caso di successo a Granada, per il Real Madrid sarebbe una pura formalità arrivare all’aritmetica conquista del titolo perché i punti di vantaggio diventerebbero sulla carta 4 ma in verità 5 – le Merengues hanno il vantaggio degli scontri diretti con i blaugrana – e basterebbe ottenere un pareggio nelle restanti due partite contro Villarreal e Leganes per certificare il 34° campionato vinto dopo tre anni dall’ultima volta, interrompendo così la corsa del Barcellona, capace di vincere cinque volte nelle ultime sette stagioni.

Ecco il nostro pronostico per le scommesse di questa sfida. Abbiamo anche molte altre opzioni su cui puntare.

La partita nel dettaglio

Per quanto riguarda le probabili scelte di formazione, il tecnico del Granada Diego Martinez dovrà rinunciare al francese Gonalons in mediana, così come al difensore Marin Ruiz, con Vallejo che invece è in dubbio. Per questo, opzioni obbligate in difesa con German Sanchez, Domingos Duarte e Alejandro Martinez Sanchez in difesa a guarnire la porta difesa dal portoghese Rui Silva. Sulle corsie laterali del centrocampo a quattro dovrebbero viaggiare Victor Diaz e Carlos Neva, mentre in mediana i favoriti retsano Eteki e Herrera, con Fede e Azeez pronti a subentrare a gara in corso. In avanti, gli esterni saranno Puertas e Fernandez, con l’ex Udinese Machis come punta centrale: il colombiano ha segnato 6 gol in 34 partite ed è il secondo miglior bomber della squadra alle spalle di Fernandez, a quota 8. L’alternativa a Machis è Soldado che, nonostante i 35 anni di età, dice ancora la sua, con 6 reti in Liga, 4 delle quali nelle ultime sette giornate.

In casa Real Madrid, invece, Zidane non potrà contare su Jovic e Marcelo, entrambi infortunati ma anche Nacho non sarà a disposizione. In difesa torna dalla squalifica Sergio Ramos, che guiderà la difesa come al solito: al suo fianco ecco Varane, mentre Carvajal e Mendy saranno i due terzini, con Courtois in porta. A centrocampo, ampie possibilità di scelta per Zidane che non dovrebbe badare al turnover, schierando i titolari ossia Modric, Casemiro e Kroos. Nel tridente offensivo, l’unico certo di una maglia da titolare resta Karim Benzema, giunto a 18 gol e 8 assist in Liga. Al fianco dell’ex Lione dovrebbe giocare Junior Vinicius, che però è in ballottaggio con il connazionale Rodrygo. Dietro le punte, possibile la conferma di Asensio che è tornato al gol contro l’Alaves e sta riprendendo la forma dei tempi migliori dopo il lungo infortunio. Ancora panchina per Isco, Bale e soprattutto Hazard, fin qui poco decisivo e dal contributo decisamente inferiore alle attese. Un solo gol e 3 assist per l’ex Chelsea, pagato 100 mln in estate ma non ben integrato in una squadra che però è vicina al titolo.

GUARDA IL PRONOSTICO DI INTER-TORINO

Author Image

Prossimo articolo

Loading...