C’è grande attesa per la sfida tra Porto e Benfica, l’O Clássico di Portogallo che vale tantissimo anche in ottica classifica. Andiamo a vedere l’andamento recente delle due squadre, reduci dallo scontro diretto pre-natalizio in Coppa.

Vince Porto1.83Pareggio3.50Vince Benfica3.90

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Giovedì 30 dicembre 2021

Ora del calcio d’inizio? 22:00

Dove si gioca? Estádio do Dragão (Porto)

Porto-Benfica: presentazione della partita e pronostico

Il Porto di Sergio Conceicao sta volando: in Portogallo, tra campionato e Coppa, sono arrivate 14 vittorie e un KO nelle ultime quindici partite giocate. Nel mezzo, però, ci sono state due sconfitte pesanti in Champions League, che hanno privato i Dragoes della possibilità di approdare agli ottavi di finale, costringendo, dopo il tonfo con l’Atletico Madrid, la squadra a scivolare in Europa League. Il Porto, però, è un’autentica garanzia in patria e non perde in campionato da 44 partite. Sarà un match interessante contro il Benfica, che invece ha ottenuto quattro vittorie nelle ultime cinque con un KO, il 3 dicembre, contro lo Sporting, altra pretendente al titolo. Il Porto e lo Sporting sono primi appaiati a 41 punti, frutto di 13 vittorie e 2 pareggi ciascuno, mentre le Águias inseguono a quota 37 punti nonostante abbiano il miglior attacco del torneo (46 gol contro i 38 del Porto e i ‘soli’ 27 dello Sporting) a fronte di una difesa che concede di più (12 gol incassati, 8 per il Porto, 5 per lo Sporting).

Le due squadre si sono affrontate pochissimi giorni fa: il 23 dicembre, infatti, è andato in scena al Do Dragao l’incontro valevole per gli ottavi di finale di Coppa di Portogallo. Il Porto l’ha sbloccata al 1′ con Evanilson, raddoppiando subito al 7′ con Vitinha. Alla mezz’ora Evanilson ha griffato la doppietta personale, prima di essere espulso nei minuti di recupero della prima frazione per doppia ammonizione. Nella ripresa, la squadra allenata da Jorge Jesus ha preso d’assedio l’area avversaria ma Marchesin ha respinto i 5 tiri verso lo specchio della porta. Nel finale, tra l’altro, non sono mancate le emozioni perché Otamendi si è fatto espellere al 5′ di recupero e l’arbitro aveva annullato due reti, una proprio ad Otamendi e l’altra a Sergio Oliveira, fissando il punteggio sul definitivo 3-0. Una vittoria schiacciante e che ristabilisce le gerarchie ma il Benfica, capace di eliminare il Barcellona e di superare il girone di Champions, punta ad infrangere il tabù biancoblù: l’ultimo successo risale al marzo 2019 con gol di Joao Felix e Rafa Silva, rimontando il gol del Porto griffato Adrian a metà primo tempo. Rafa Silva è rimasto (7 gol e 12 assist in campionato) ma la stella del Benfica e Nunez, capocannoniere della Liga con 13 reti, una in più della stella del Porto, quel Luis Diaz accostato ai grandi club e giustiziere del Milan, a cui ha segnato all’andata e al ritorno.

Ecco il nostro pronostico per le scommesse di questa sfida. Abbiamo anche molte altre opzioni su cui puntare.

Parziale/Finale: Porto/Porto2.95Entrambe segnano1.65Risultato esatto: 2-17.50

La partita nel dettaglio

Sergio Conceicao potrebbe replicare l’undici titolare visto proprio in Coppa di Portogallo con Marchesin (o Diogo Costa) in porta, Joao Mario e Sanusi sulle due corsie laterali di difesa mentre Pepe e Mbemba (Cardoso dovrebbe tornare in panchina per far spazio all’ex Real Madrid) agiranno in mezzo. Davanti alla retroguardia, Vitinha e Otavio sono intoccabili anche se Sergio Oliveira, subentrato nella ripresa nel match giocato il 23 dicembre, potrebbe spuntarla su Uribe. Chi invece è sicuro di una maglia da titolare è Luis Diaz, colombiano classe ’97 capace di segnare 12 gol in campionato, raggiungendo già ora lo score in Liga dei primi due campionati giocati in terra portoghese (6 gol il primo anno, 6 il secondo). Accanto all’ex Junior e Barranquilla spazio a Taremi ed Evanilson, anche se Vieira e Martinez sperano fino all’ultimo in una maglia da titolare.

In casa Benfica, invece, piove sul bagnato perché Jorge Jesus, al centro della contestazione tra tifosi e una parte di dirigenza, non potrà contare su Grimaldo, alle prese con il Covid-19. In porta dovrebbe rivedersi Vlachodimos, dopo che Leite è sceso in campo in Coppa, mentre in difesa spazio ad Almeida, Otamendi e Vertonghen. Gilberto e Lazaro dovrebbero essere i due esterni di centrocampo, mentre Joao Mario, ex Sporting ed Inter, e Weigl agiranno da mezzali con Pizzi che dovrebbe legare il reparto mediano con quello offensivo. In avanti, l’ex Milan Taarabt ha avuto una chance in Coppa ma, per il campionato, dovrebbe toccare a Darwin Nunez e Yaremchuk, con Seferovic ed Everton valide alternative non solo a gara in corso.

Author Image

Prossimo articolo

Loading...