La Francia vuole riscattare la triste sconfitta nella finale dello scorso Europeo giocato in casa, provando a diventare una delle possibile candidate alla vittoria finale

La situazione del gruppo

La Francia arriva in Russia come una delle favorite per la vittoria finale. La giovane e talentuosa squadra di Deschamps ha infatti superato da prima un girone di qualificazione insidioso, che comprendeva la Svezia, giustiziere dell’Italia ai playoff, e l’Olanda, altra illustre assente di questo Mondiale.I francesi nella loro storia non hanno un’ottima tradizione con la Coppa del Mondo, vinta solo una volta nel 1998 proprio nel loro paese. Due anni fa però, sempre in Francia, sono arrivati fino all’atto finale dello scorso Europeo, perdendo però contro la rivelazione Portogallo.

La Danimarca arriva in Russia dopo aver travolto nel playoff l’Irlanda raggiungendo per la quinta volta nella sua storia la fase a gruppi di un Mondiale. Nel girone di qualificazione avevano strappato il secondo posto in un gruppo abbastanza equilibrato con Polonia, Montenegro e Romania.

La favola del Perù è forse una delle più belle dell’anteprima di questo Mondiale, visto che i sudamericani si sono qualificati per la Russia dopo 32 anni di assenza e questa sarà la loro quinta partecipazione nella storia.

L’Australia arriva per la quarta volta consecutiva a un Mondiale, la quinta totale, dopo essere uscita ai gironi in Brasile e Sudafrica ma raggiunto il suo miglior risultato a Germania 2006, quando l’Italia, poi vincitrice del trofeo, la eliminò a fatica agli ottavi di finale. I canguri australiani, nonostante la loro posizione geografica, sono stati inseriti nel girone di qualificazione dell’Asia per equilibrare quello oceanico, stravinto lo stesso dalla Nuova Zelanda, poi eliminata al playoff dal Perù

Quote vittoria Mondiali

Francia vincente: 7.50

Danimarca vincente: 81.00

Perù vincente: 151.00

Australia vincente: 501.00

La risposta alle domande chiave

Francia: è tempo di rivincere la Coppa del Mondo?

Che sia la volta buona per i Francesi di tornare ad alzare il trofeo più importante dopo la vittoria casalinga del ’98? I transalpini dopo il secondo posto di Germania 2006, sono usciti al girone quattro anni più tardi in Sudafrica e nell’ultimo in Brasile si sono fermati ai quarti di finale contro i tedeschi, vincitori poi della coppa.

Certo tra le nazionali presenti a questa edizione non è tra le più titolate, anzi. I francesi però cercano di scacciare le statistiche affidandosi al momento presente. La valutazione dei ragazzi di Deschamps è quella di terzi favoriti, dietro Germania e Brasile. La distanza con queste superpotenze del calcio (5 coppe del mondo per il Brasile, 4 per la Germania) non è molta anche se forse i tedeschi sono più abituati ad arrivare in fondo alle competizione, o meglio mediamente riescono ad essere più competitivi. Il Brasile invece è tutto estro, fantasia e classe. Il suo problema è l’imprevedibilità, che la fa vivere di altissimi picchi e profondissime delusioni. I transalpini sono una squadra mediamente giovane, con ottimi giocatori che però non hanno ancora dimostrato di essere dei campioni assoluti capaci di farsi valere nelle sfide contro i massimi rappresentati del calcio mondiale

La Danimarca rispetterà il pronostico e arriverà seconda?

Delle tre nazioni (Francia esclusa) che compongono il gruppo C dei Mondiali di Russia 2018 la Danimarca è quella che sembra aver maggior possibilità di raggiungere gli ottavi di finale.

Il miglior risultato della Danimarca, quarti di finale, nella fase finale della coppa del mondo è arrivato nell’edizione del 1998. I ragazzi di Hareide, anche se partono nell’ombra, possono essere una mina vagante della competizione grazie alle loro grandi individualità in avanti ma anche a una buona solidità in difesa. La strada sembra quindi scritta e né Australia né Perù dovrebbero riuscire a scalfire le sicurezze dei danesi e, tantomeno, quelle dei francesi.

Prossimo articolo

Loading...