Poker Cash Game: regole e differenze con i tornei

Il tanto agognato cash game approda sui tavoli di PokerStars.it per aumentare l’offerta dei giochi di pokerdella poker room più prestigiosa d’Italia e rendere le sessioni pokeristiche dei players italiani ancor più emozionanti e divertenti.

Definizione di cash game

Prima di tutto può essere utile provare a fornire una definizione di cash game che possa aiutare chi non ha ancora ben chiare le idee sull’argomento che andiamo a trattare. Il cash game è considerato in tutto il mondo la forma base del poker e vive di luce propria, nel senso che ha una ragione di esistere totalmente a se stante rispetto alle dinamiche che fanno capo ai tornei e ai sit & go. In questa particolare modalità di gioco, chi ha intenzione di sedersi ai tavoli dovrà tenere conto che, tralasciando per ora i limiti e i massimi imposti a seconda del livello di gioco, non vi sarà una quota di iscrizione prestabilita come nei tornei MTT o nei sit & go, e il monte chips che verrà consegnato corrisponderà nominalmente alla somma di denaro che vorremo investire. Questo ci pone subito di fronte a una considerazione: non sarà necessario, nell’arco di una sessione, terminare con tutte le chips degli avversari in nostro possesso, ma potremo smettere di giocare quando ci va, e se per nostra sfortuna termineremo le chips che abbiamo in gioco, potremo reinvestire una nuova somma di denaro per poter riprendere il gioco.

Buy in minimi e massimi

Per venire incontro alle esigenze di tutti i tipi di giocatori, PokerStars.it mette a disposizionetavoli cash a partire dai limiti più bassi (0,01-0,02) con un buy in minimo di 0,7 fino ad arrivare ai tavoli 5-10 con un buy in massimo di 1000. Ogni giocatore può quindi trovare il tavolo più adatto al proprio bankroll.

Tipologie di tavoli

I tavoli nei quali si può giocare cash game on line in Italia possono essere suddivisi per tipologia a seconda delle categorie.

1. Tipologia di gioco: PokerStars.it d. il via al cash game in Italia con il fine di accontentare il numero più alto possibile di giocatori e per questo motivo sono disponibili tavoli di Texas Hold’em limit, pot limit e no limit; Omaha nella specialità fixed limit e pot limit, sia nella versione hi che nella versione hi/lo; sono disponibili anche tavoli delle discipline minori come 7 card stud, 7 card stud hi/lo, razz e 5 draw.

2. Numero di giocatori per tavolo: Ogni giocatore potrà scegliere di giocare ai tavoli full ring o short handed. La differenza tra le due tipologie è data dal numero massimo di players che possono sedersi a un determinato tavolo di poker. I tavoli short handed possono ospitare massimo 6 giocatori; il gioco richiede un range di mani molto diverse rispetto a un tavolo con più avversari. La selezione delle mani con cui entrare in gioco . molto meno ampia, mani che possono risultare marginali in un tavolo con 9 persone, acquistano un valore maggiore se giocate in un tavolo short handed. I tavoli full ring invece potranno essere occupati fino a un massimo di 9 o 10 giocatori; il texas hold’em no limit full ring . la disciplina più utilizzata dalle poker room on line di tutto il mondo ed è presumibile che anche in Italia, con l’entrata del cash game, sarà così.

3. Heads up cash: Particolare interesse riscuote anche il cash game tra due sole persone, il cosiddetto Heads up cash. Si tratta di una particolare forma di cash game che viene giocato da un numero massimo di due persone; anche in questo caso vi sar. la possibilit. di fare riferimento a tavoli di diverso buy in a seconda del valore del piccolo e grande buio, e di giocare tutte le specialità descritte in precedenza.

Differenze tra tornei e cash game

Andiamo ora ad analizzare punto per punto quali sono le differenze tra il cash game e il torneo. Dal punto di vista delle regole del poker non cambia tantissimo, se non pochissime cose a livello disciplinare che non possono essere applicate univocamente per entrambe le specialità.

1. Nel cash ogni mano ha una valenza fine a se stessa: La prima differenza che salta subito all’occhio . quella che riguarda l’acquisizione delle chips da parte di un giocatore rispetto al valore degli stack dei suoi avversari. Ogni mano . a se stante e il valore del nostro monte chips non compromette il gioco degli avversari che non verranno influenzati nelle loro scelte e soprattutto la loro eventuale vincita non dipender. dalla vincita altrui.

2. Valore nominale delle chips in gioco: Come già accennato in precedenza, quando ci sediamo in un tavolo cash, le chips che noi acquistiamo hanno un valore meramente nominale, se a un tavolo con livelli 1/2€ , chiediamo al dealer di consegnarci 200 chips, esse avranno un valore corrispondente a 1 ciascuna, per un totale di 200 . Nel torneo questo non avviene in quanto a fronte di un costo di iscrizione pari a una determinata somma di denaro, ci verrà consegnato uno stack pari al monte chips deciso dall’organizzazione del torneo stesso.

3. Stack di partenza: In relazione allo stack che ci viene consegnato all’atto dell’iscrizione a un torneo salta subito all’occhio che il valore delle chips è identico per tutti i giocatori iscritti. Ad esempio, nei tornei che si giocano su PokerStars.it, ogni giocatore paga una quota di iscrizione fissa, a fronte di questo pagamento si acquisisce il diritto alla partecipazione al torneo, in cui tutti i giocatori partiranno con lo stesso stack iniziale. In un tavolo cash game, ogni giocatore inizia la propria partita scegliendo con quale posta sedersi al tavolo, naturalmente rispettando i limiti minimi e massimi di cui abbiamo parlato prima. Questa differenza è, come capirete, molto importante, anche perché, a seconda della nostra scelta, il nostro gioco verrà influenzato con una certa importanza dalle meccaniche che si svilupperanno durante le mani.

4. Le differenze in relazione ai bui: In un torneo il valore dei bui è una discriminante che influenza in maniera decisiva l’andamento del nostro gioco; la ragione è che essi crescono in maniera costante, andando a incidere su quelle che sono le scelte che dobbiamo effettuare; per fare un esempio, qualora in un determinato momento di un torneo o di un sit & go che stiamo giocando, i bui hanno raggiunto un livello tale da incidere pesantemente sul nostro stack, é il momento di agire per non farci estromettere dal torneo stesso, il che spesso ci costringe a compiere mosse azzardate poiché non abbiamo il tempo per poter selezionare le nostre mani come vorremmo. Nel cash game tutto questo non esiste in quanto i bui sono e rimangono fissi durante tutta la durata della nostra sessione. Se decidiamo di sederci a un tavolo con bui 1/2€ (small blind 1, big blind 2), quel valore rimarrà così fino a quando decideremo di alzarci. Come capite bene questo inciderà anche sul nostro modo di giocare in quanto non sarà così determinante “rubare” i bui avversari, e non rischieremo così di uscire dal tavolo a causa di una bad beat o di qualche errore che non avremmo dovuto commettere.

5. Sit out: Se in un torneo un giocatore si mette in sit out, dovrà comunque pagare i bui ed eventuali ante. Nel cash game invece un giocatore può alzarsi dal tavolo in qualsiasi momento e se si trova in sit out nel momento in cui deve pagare i bui verrà saltato il suo turno. Quando il giocatore deciderà di ritornare al tavolo avrà due opzioni: o aspettare di essere il grande buio, oppure pagare direttamente un ammontare pari al grande buio e tornare subito in gioco.

Vai alla prossima pagina...

SEI UN NUOVO GIOCATORE?
SCARICA IL SOFTWARE GRATUITO

Scarica il software gratuito di PokerStars per iniziare a giocare. È semplicissimo.

Play Poker

Impara a scaricare il software per il poker