pokerstars.it

Dopo 12 anni, Daniel Negreanu lascia PokerStars!

Se si trattasse di calcio, dovremmo prendere a prestito dall'indimenticato Sandro Ciotti il suo "clamoroso al Cibali!". Ma, visto che parliamo di poker, ci limitiamo ad un più laconico "Daniel Negreanu lascia PokerStars".

daniel-negreanu-2018-wsop-ev05-day-1-giron-8jg2300.jpg

Daniel "KidPoker"Negreanu

L'annuncio è arrivato pochi giorni fa, affidato ad un video pubblicato su Twitter, nel quale KidPoker conferma la fine dell'idillio con la pokeroom, durato 12 anni.

Il messaggio è chiaro e diretto: "Da oggi non sarò più un PokerStars Ambassador. È stato un periodo bellissimo della mia vita, durato 12 anni, e per questo voglio ringraziare tutte le fantastiche persone con le quali ho lavorato" ha dichiarato nel video il pro canadese, che ha poi concluso augurando a tutti di vivere una love story come quella che - qualche giorno prima - lo ha unito in matrimonio ad Amanda Leatherman.

wedding-negreanu.jpgQuel momento fatidico...

Insomma, love is in the air per Daniel Negreanu e, forse, questa è una delle ragioni che lo hanno portato a concludere il rapporto lavorativo con PokerStars. La pokeroom dell'isola di Man ha affidato la risposta aziendale a Rebecca McAdam, Associate Director di The Stars Group Public Relations: "Daniel è stato uno dei volti più influenti del poker e di PokerStars per 12 anni. È stato magnifico vedere la sua passione, avere il suo supporto e poter contare sulle sue idee. Auguriamo a Daniel il meglio per il futuro, un matrimonio stupendo e un sacco di good run per questa estate".

Un'estate e soprattutto un'edizione WSOP senza la "picca" sul braccio, la prima volta dal 2007.

Sembra un'eternità, ma non possiamo dimenticare che la storia pokeristica del canadese è iniziata molto prima, verso la fine degli anni '90, quando il poker era un gioco di nicchia, con pochissima televisione e senza online.

negreanu_binions-300x200.jpg

Daniel Negreanu ancora "kid"

Perché Daniel Negreanu ha attraversato tutte le fasi del poker moderno, ma è stato soprattutto il simbolo, insieme a PokerStars, di questo gioco a partire dai primi anni duemila. Un binomio che nell'immaginario di tutti gli appassionati equivale al boom del poker a livello mondiale.

Di Daniel Negreanu non diremo molto. Sarebbe lungo e complicato. Ci limitiamo a ricordare alcuni suoi traguardi raggiunti, quali i 6 braccialetti WSOP, la Poker Hall of Fame, il titolo di WSOP Player of The Year, il secondo posto (ad oggi) nella All-Time Money List con circa 40 milioni di dollari vinti in carriera in eventi live; a allo stesso modo quelli solo sfiorati, come il mancato tavolo finale alle WSOP del 2015.

daniel_negreanu_busts_wsop_26feb16.jpg
Out all'11° posto nel Main Event WSOP 2015

Non c'è dubbio che il boom del poker sarebbe arrivato anche senza Daniel Negreanu. Ma è altrettanto evidente che PokerStars ha trovato in lui la risorsa ideale come giocatore, comunicatore, presenza televisiva, testimonial del brand, ambasciatore dell'azienda. In poche parole - non ce ne abbiano gli altri ambassadors passati e presenti - Daniel Negreanu è stato "il pro" di PokerStars.

A volte, anche i grandi amori finiscono.

In ogni caso, e qualunque ne siano le ragioni, il blog di PokerStars.it si unisce al lungo elenco di coloro che dicono:

"grazie di tutto, Daniel Negreanu!"

Archivio