pokerstars.it

Sei Film sul Poker da Non Perdere su Netflix, Prime e YouTube

Nelle pause dalle partite negli home games, in questi giorni molte persone stanno consumando parecchia più televisione del solito, e non c'è dubbio che in tanti siano sempre a caccia di qualche buon film o show dedicato al nostro gioco preferito.

Non dimentichiamoci che PokerStars TV è una risorsa gratuita fantastica, ricca di contenuti di poker, inclusi gli archivi degli stream degli eventi organizzati in tutto il mondo, oltre agli episodi completi di show come The Big Game, alle interviste con i migliori professionisti, e a tutta una serie di contenuti registrati negli ultimi 15 anni.

Volete vedere Kevin Hart correre contro Usain Bolt? Ce l'abbiamo. Volete vedere Miss Finland e il bluff che l'ha resa famosa? Potete farlo. E che ne dite della stella del calcio Neymar che gioca un heads-up con l'attore di Star Wars John Boyega? E non finisce certo qui.

Non dobbiamo dimenticare anche la produzione settimanale di nuovi contenuti, come l'EPT Retro, che aggiunge commenti attuali al poker dei tempi che furono, nello specifico le prime stagioni dello European Poker Tour.

Molly.jpg

Ma permetteteci di dare anche noi il nostro contributo. Durante l'ultimo periodo di vacanze, Martin Harris aveva esaminato alcune delle offerte di Netflix ed Amazon Prime dedicate al gambling. Il suo "10 best poker movies to stream during the holydays" conteneva classici come The Cincinnati Kid, Rounders, Mississippi Grind, Hell or High Water, Stripes, California Split, La Stangata, Un Tram che si chiama Desiderio, La Strana Coppia e House of Games. Sono semplicemente i migliori film sul poker messi a disposizione da Netflix e Prime, con alcune delle migliori scene sul gambling mai impresse su pellicola.

Ma probabilmente li avrete già visti tutti. Nel qual caso, ecco una nuova lista di film sul poker, show di poker e contenuti dedicati al gambling che vi terranno occupati per qualche altra ora.

Molly's Game (2017)

Senza titolo.jpg

Regia: Aaron Sorkin
Protagonisti: Jessica Chastain, Idris Elba, Kevin Costner
Disponibile su: Netflix (US)

Secondo il suo regista/scrittore Aaron Sorkin, "questo non è un film sul poker". Eppure il critico Richard Roeper aveva dichiarato a PokerNews: "Penso che abbia buone possibilità di diventare uno dei migliori film sul poker di sempre". Stavano parlando di Molly's Game, un drammatico ritratto della storia di Molly Bloom, ex sciatrice professionista finita a gestire le partite di poker più ricche di Hollywood. Basato sul libro della stessa Bloom, Molly's Game presenta uno spaccato di queste partite underground, in cui attori di fama mondiale sedevano accanto a vari personaggi coloriti di Los Angeles, giocandosi centinaia di migliaia di dollari. Molti dei personaggi principali sono romanzati, il che significa che non possiamo stabilire con certezza se i vari Matt Damon o Tobey Maguire fossero i modelli, ma la storia è vera. Questo permette allo spettatore di capire davvero quanto possano essere elettrizzanti questo genere di partite, restando però dall'altra parte della barricata. Rendendosi però anche conto di quanto l'FBI potrebbe interessarsi, qualora foste tentati di organizzare una partita high stakes nel vostro seminterrato.

A Big Hand for the Little Lady (1966)

Big hand.jpg

Regia: Fielder Cook
Protagonisti: Henry Fonda, Joanne Woodward
Disponibile su: Amazon Prime

Come tutte le storie più teatrali - e in effetti come molte delle mani di poker più memorabili - il brillante A Big Hand For The Little Lady di Fielder Cook è un concentrato di suspense, momenti shock e colpi di scena. Questa divertente commedia western è incentrata su una singola mano di five-card draw, durante la quale praticamente ogni regola dell'etichetta viene trasgredita, al servizio di una trama contorta ma avvincente. Una su tutte quella che ciascun giocatore può giocare solo una mano per volta, dato che una mite donna di nome Mary è costretta a prendere le redini della situazione durante una partita di poker, dopo che il marito, Meredith, soffre apparentemente di un attacco di cuore. La situazione sfugge ben presto di mano, anche grazie a tutta una serie di personaggi poco raccomandabili pronti a sfruttare la situazione, ma Mary affronta la partita con uno slancio sorprendente. Il film ha molto da dire sul ruolo dei sessi, ma la cosa più importante è che siamo di fronte a un film molto divertente e dalla trama ben congegnata.

Casino Royale (2006)

007.jpg

Regia: Martin Campbell
Protagonisti: Daniel Craig, Eva Green, Mads Mikkelsen
Disponibile su: Amazon Prime

Ok, ok, le scene di poker in Casino Royale hanno la stessa credibilità di un episodio di una soap opera scritta male. Ma stiamo parlando di James Bond, e se cercate del realismo in tutto il franchise dello 007, finirete per rimanere a bocca asciutta. Casino Royale si merita comunque un posto nella lista dei film sul poker, principalmente perché è sempre divertente vedere una partita avere un ruolo così importante in un blockbuster - e il poker viene coreografato con grande stile. Abbiamo uno splendido tavolo da poker, nel mezzo di un opulento casinò, con comode poltrone per gli spettatori. Abbiamo 10 giocatori eppure tantissimo spazio tra l'uno e l'altro. Abbiamo un dealer disposto a mantenere alto il ritmo di gioco (tanto che sgrida Bond, distratto da Vesper Lynd, perché ci sta mettendo troppo a decidere il da farsi), e abbiamo Bond che dimostra il suo acume matematico calcolando le odds mentre legge un tell di Le Chiffre. E anche se nel film l'abilità sembra stare semplicemente nel ritrovarsi dalla parte giusta di un enorme cooler, è bello vedere qualcuno vincere più di $120 milioni con 7♠5♠ -- specialmente ai danni di uno scandinavo, probabilmente il popolo che per primo ha inventato l'idea di giocare con mani spazzatura.

Bet Raise Fold (2013)

Bet raise.jpg

Registi: Ryan Firpo, Jay Rosenkrantz, Taylor Caby
Disponibile su: Amazon Prime

Il mondo del poker online si muoveva con una velocità così alta, agli inizi degli anni 2010, che qualsiasi documentario, o persino articolo di giornale, era destinato a diventare obsoleto prima ancora di venire pubblicato. Ma i produttori di Bet Raise Fold non potevano immaginare quanto il soggetto del loro lavoro avrebbe subito un cambiamento drastico. Quella che era iniziata come un'analisi del fenomeno globale del poker online - i fenomeni che vincevano milioni su internet; la crescente popolarità dei tornei online e live; gli spettacolari passi avanti delle strategie - venne bruscamente interrotta dal Black Friday del poker, che spazzò via tutto. I tre registi furono costretti ad un cambio di rotta, chiedendosi cosa sarebbe successo ora che tutto quel potenziale era svanito nel nulla. Nel film possiamo apprezzare molti cenni storici, probabilmente prodotti prima del necessario cambio di tono, e alcuni personaggi fondamentali che portano avanti la narrativa (Tony Dunst, Danielle Andersen e Martin Bradstreet su tutti). Ovviamente, un solo film non poteva contenere tutto il racconto del poker, ma Bet Raise Fold è ciò che più si avvicina al concetto di documentario completo di un periodo storico molto strano per questo gioco.

Grinders (2011)

Grinders.jpg

Regia: Matt Gallagher
Disponibile su: Amazon Prime

"Sono sempre stato bravo a giocare a poker, ma ora sto cercando di farlo per vivere". Il regista Matt Gallagher si ritrova a provare a trasformare un hobby profittevole nella sua principale fonte di guadagno, giocando a poker non per gloria o trofei, ma per nutrire la sua giovane famiglia. Mentre naviga tra i club di poker underground della sua Toronto - provando a vincere "un paio di grossi piatti" e tornare a casa con circa $500 a serata - Gallagher incontra una serie di personaggi interessanti, giocatori e proprietari di club, tutti con vari livelli di ambizione e illusione. Si imbatte persino in Daniel Negreanu, la cui carriera è iniziata nello stesso modo e nella stessa città, ma la cui attività lo ha portato all'apice del gioco. A parte il cameo di Negreanu, siamo di fronte ad una visione non certo romantica di una nicchia del mondo del poker, che non ha ottenuto grande successo. Ma oggi possiamo vedere il lavoro di Gallagher come una sorta di prodotto insolito: che ci piaccia o no, questo genere di giocatori esisteva davvero in grande numero durante gli anni del boom e questo film ne è la testimonianza.

Nosebleed (2014)

Nose.jpg

Regia: Victor Saumont

Disponibile su: YouTube

A differenza della critica negativa che spesso accoglie i film sul poker, Nosebleed di Victor Saumont fu riempito di lodi quando uscì nel 2014. Si tratta di un documentario indipendente e di basso profilo, creato da chi frequentava il mondo del poker da tempo; la familiarità e la sensibilità di Saumont verso il soggetto gli hanno permesso di spingersi oltre. I personaggi chiave sono i giocatori professionisti francesi Sebastien 'Seb86' Sabic e Alex 'Alexonmoon' Luneau, e la narrativa ruota attorno il loro viaggio a Las Vegas per le World Series of Poker, che rappresenta una sorta di diversivo dalla loro normalità, fatta di cash game online high stakes. Sabic e Luneau si dimenticano presto della telecamera, mentre il loro viaggio prende pieghe inaspettate. Il risultato è uno sguardo autentico sugli alti e i bassi dei giocatori di poker professionisti, catturati in maniera del tutto originale. Sul blog di PokerStars potete leggere un'intervista a Saumont che parla del film, e guardarlo su YouTube.

Archivio