pokerstars.it

Il poker è un eSport?

Nel maggio 2020, quasi 60.000 persone si sono sintonizzate contemporaneamente per guardare una partita giocata su Twitch, la casa non ufficiale degli eSport. Il giocatore ha dovuto combattere contro un gran numero di concorrenti, usando ogni abilità nel proprio arsenale per sopravvivere. I giocatori cadevano a destra e a manca e, ad ogni eliminazione, il nostro eroe si avvicinava alla vittoria e al primo posto di 1 milione di dollari.

Ma il gioco in questione non è League of Legends, Dota 2 o Counter-Strike: Global Offensive (CS:GO) -- i tre eSport più popolari del 2020. Il gioco è il poker, un passatempo che una volta si giocava solo in sale da gioco in mattoni e scarsamente illuminate.

Quel giorno, il giocatore di poker professionista e streamer Twitch Lex Veldhuis ha battuto un record: il suo canale è diventato il più visto sull'intera piattaforma, il primo per uno stream di poker. Il poker è entrato ora in competizione con i più grandi eSport del mondo in termini di pubblico.

Il successo del poker su Twitch (ci sono centinaia di poker streamer, con Veldhuis come capolista) pone la domanda: il poker è un eSport?

Main.jpg

Giochi di abilità e strategia

C'è sempre stato un fascino per il poker che attrae e spinge grandi personaggi di altri giochi a farne il loro nuovo amore. In passato erano i giocatori di scacchi a passare al poker. Chi ha visto La regina degli scacchi su Netflix ricorderà che il personaggio di Benny, il principale rivale di Beth per la supremazia scacchistica negli USA, le dice: "Devo andare a una partita di poker".

Nel frattempo, durante gli anni '90 e 2000, molti dei migliori giocatori di poker, tra cui Gus Hansen ed Erik Seidel, hanno scoperto il poker dopo aver fatto carriera come giocatori professionisti di backgammon.

Polk.jpgDoug Polk

Quando i videogiochi sono comparsi sia su console che su computer, molti grandi giocatori, abbastanza abili da fare questo per guadagnarsi da vivere, sono passati al poker. Bertrand "ElkY" Grospellier, per esempio, era un giocatore professionista di Starcraft in Corea prima di passare al poker e vincere milioni nei suoi primi anni da professionista. Doug "WCGRider" Polk ha giocato a Warcraft 3 in modo competitivo (WCG sta per World Cyber Games, evento esportivo in cui Polk era solito competere) prima di scoprire il poker al college e diventare uno dei migliori giocatori di poker heads-up al mondo.

Cosa ha aiutato questi giocatori ad essere vincenti nel mondo del poker? Il loro amore per i giochi di strategia e la voglia di lavorare per ore per migliorare, ad esempio. Poi c'è la natura competitiva e la volontà di passare ore davanti a un computer. I gamer, come i giocatori di poker, hanno costruito la capacità di analizzare ed elaborare i dati prima di prendere decisioni rapide.

Ma il poker offre anche qualcosa che altri giochi di abilità non offrono: la possibilità di vincere alla grande all'improvviso. Il premio in denaro nel poker è spesso molto più grande di quello di molti eSport, e anche quando i grandi festival non sono in corso, ci sono ancora molti tornei online che si svolgono ogni giorno con enormi montepremi.

ensan.jpg

Hossein Ensan ha vinto 10 milioni di dollari al WSOP 2019

Per quanto riguarda i più grandi eventi del calendario, il poker vince con un ampio margine. Il Main Event delle World Series of Poker 2019 ha avuto un montepremi di 80,5 milioni di dollari, mentre il Dota 2 International del 2019 ha avuto un montepremi di 34,3 milioni di dollari (il più grande di tutti gli eSports). Tuttavia, con gli accordi di sponsorizzazione e i premi degli eSports in continua crescita, potrebbe essere solo questione di tempo prima che si arrivi ad un equilibrio.

Forse la più grande differenza tra il poker e altri giochi di abilità, come gli eSport, è il ruolo che la fortuna gioca nel risultato. Potresti vedere un principiante inesperto battere il miglior giocatore di poker del mondo in heads-up in una singola partita, cosa che non accadrebbe mai negli scacchi o in CS:GO. Ma poi, non è questo ciò che rende il poker così affascinante?

Dati demografici dei giocatori

Se chiedessi a una persona per strada di descrivere l'aspetto di un giocatore di poker, potrebbe tirar fuori vecchi cliché come occhiali da sole, cappelli da cowboy e sigari che pendono dalle labbra. Chiedi alla stessa persona di descrivere un giocatore di eSports e la loro descrizione potrebbe includere cuffie, felpe e pallore a causa delle ore trascorse al computer.

Secondo questo rapporto, negli Stati Uniti, il 62% degli spettatori di eSport ha un'età compresa tra i 18 e i 34 anni, il che non sorprende se si considera l'era digitale in cui sono cresciuti. Tuttavia, secondo thegamehaus, la maggior parte dei giocatori di poker è quella di età compresa tra i 35 e i 44 anni, forse perché hanno più entrate disponibili da spendere per il poker. Quel gruppo di età preferisce giocare a poker dal vivo, mentre i giocatori di età compresa tra 18 e 34 anni tendono a preferire il poker online.

È interessante notare che un rapporto di Activate ha scoperto che i ragazzi della Generazione Z (di età compresa tra 13 e 21 anni) sono più ricettivi agli sport non tradizionali come gli eSport rispetto agli sport tradizionali. In effetti, il 56% degli uomini della Generazione Z ha affermato che gli sport non tradizionali sono "rilevanti per la mia generazione", mentre solo il 44% ha affermato lo stesso per gli sport tradizionali.

Il poker è quasi certamente uno sport non tradizionale, ammesso che sia uno sport (il dibattito "gioco contro sport" è per un altro articolo). Ma ci sono due fattori molto importanti che influenzano l'accessibilità del poker ai giocatori:

• I giocatori devono avere almeno 18 anni;

• I giochi con soldi veri implicano che il giocatore metta soldi per giocare.

Negli eSports, i giocatori devono semplicemente acquistare il gioco a cui desiderano giocare (diciamo per 20-50 dollari). Ma neanche il poker richiede un grande budget. Si consiglia ai nuovi giocatori di età superiore ai 18 anni di iniziare in modo molto ridotto ($0.01/$0.02 cash game o $0.10 tornei) e di accumulare un bankroll man mano che aumentano le puntate.

Il crossover

Veldhuis.jpg

Lex Veldhuis è un membro di Team Liquid

La commistione tra poker ed eSport diventerà sempre più importante in futuro. Succede già da anni.

Lex Veldhuis è un membro di lunga data del Team Liquid, un'organizzazione di gioco professionale di fama mondiale fondata nel 2000, dai suoi giorni pre-poker con Starcraft. Il giocatore professionista di poker high stakes Stefan Schillhabel ha fondato No Limit Gaming, un'organizzazione europea di eSports con atleti professionisti attivi su CS:GO, WC3 e poker.

Molti streamer Twitch di eSports, come Froste, stanno ora ponendo una maggiore enfasi sul poker, mentre popolari streamer di scacchi come Gotham Chess e le sorelle Botez stanno mettendo in evidenza il poker sui loro canali con migliaia di spettatori.

Quindi, il poker è un eSport? Tutto dipende dalla tua definizione di sport.


Sport: un'attività che comporta sforzo fisico e abilità in cui un individuo o una squadra compete contro un altro o altri per divertimento.


I giocatori di poker si esercitano meno fisicamente rispetto ai giocatori di CS:GO? I grandi giocatori di poker sono abili quanto i grandi giocatori di Dota? Non saremo noi a dare la risposta, ma una cosa è certa: l'aumento di popolarità del poker, come quello degli eSports, non mostra segni di rallentamento.

Archivio