pokerstars.it

In che modo i film di Hollywood hanno influenzato l'industria del poker?

Nel corso della lunga storia del poker, le rappresentazioni del gioco nella cultura popolare ne hanno ovviamente sia influenzato la popolarità che modellato le opinioni al riguardo.

Il cinema è entrato completamente nell'era del suono durante gli anni '30 e presto è emerso il "sistema degli studi" durante il quale l'industria cinematografica di Hollywood era dominata da un piccolo numero di società di produzione. Queste società controllavano infatti la produzione e la distribuzione di circa il 95% di tutti i lungometraggi negli anni '30 e '40.

Alcune delle maggiori case cinematografiche si identificarono con generi particolari. Ad esempio, la Warner Bros. è stata associata ai film di gangster e la Universal con l'horror. Tuttavia, nel tempo tutte le case cinematografiche sono diventate sempre più interessate ai western e, verso la metà del secolo, i film che ritraggono il Vecchio West erano tra i tipi di lungometraggi più realizzati e visti.

Main.jpg

Non è una sorpresa trovare il poker in risalto in molti di questi vecchi film western. Aveva senso che le storie con un'ambientazione del genere presentassero il gioco di carte caratteristico dell'epoca. Alcune delle migliori scene di film sul poker di quest'epoca arrivano in western come Destry Rides Again, Sunset Trail, Romanzo del West, My Darling Clementine, Winchester '73, Il diario di un condannato e Mississippi Gambler.

In che modo vedere star come John Wayne, Henry Fonda, Jimmy Stewart e altri giocare a poker nei saloon del Vecchio West sul grande schermo ha influenzato il pubblico? Certamente ha messo in primo piano il gioco durante un periodo in cui la sua crescita di popolarità era costante. Tali film hanno anche romanzato il gioco, in un certo senso, specialmente quando i duri eroi cowboy del film sono stati mostrati mentre si opponevano con successo ai "cattivi" al tavolo da poker.

Naturalmente, questi film western con scene di poker spesso hanno anche contribuito a promuovere un'associazione tra poker e violenza. I giochi in questi film spesso sfociavano in sparatorie, specialmente quando si verificavano imbrogli. Per alcuni, quel poker era ulteriormente romanzato come un'attività "fuorilegge" riservata ai duri. Per altri, tale associazione ha fornito un'altra ragione per opporsi al gioco del poker come un'attività discutibile.

Il fatto che il poker compaia frequentemente in un gran numero di film polizieschi ha avuto un'influenza altrettanto paradossale sul gioco. Da un lato, le scene di poker in film come Smart Money, Dark City, L'uomo dal braccio d'oro e La stangata promuovono l'interesse per il gioco, facendolo apparire eccitante quanto altri elementi intriganti delle trame di tali film. Ma ancora una volta questi film mostrano un aspetto di quel tipo di poker, cioè barare, il che per alcuni può far sembrare il gioco pericoloso e pieno di potenziali pericoli.

Detto questo, nel corso degli anni le commedie contenenti scene di poker hanno forse contribuito a evidenziare il lato più leggero del gioco, specialmente quelle incentrate sulle partite di poker giocate in ambienti domestici tra amici e familiari. Alcune di queste partite potrebbero essere farsesche come quelle di W.C. Fields in Tillie e Gus, Mississippi e My Little Chickadee, ma aiutano comunque a rendere il poker invitante.

Nel 1961 un film intitolato The Hustler presentava un giocatore d'azzardo che gioca a biliardo. Poco dopo che Richard Jessup scrisse un breve romanzo pulp intitolato The Cincinnati Kid. Una recensione diceva che il libro "Fa per lo stud poker quello che The Hustler ha fatto per il biliardo". La MGM vide l'opportunità di adattare la storia in un film che potesse emulare il successo di The Hustler, e nel 1965 apparve una versione cinematografica.

Col senno di poi, la maggior parte concorda sul fatto che Cincinnati Kid sia uno dei migliori film sul poker di sempre. In effetti, ha in qualche modo stabilito una sorta di modello per ciò che è un "film di poker", vale a dire, un film in cui il gioco è in primo piano e presenta un giocatore esperto che cerca di avere successo. In un certo senso, la formula ricorda alcuni film sullo sport, molti dei quali terminano con una partita culminante.

Cincinnati Kid non è stato un grande successo al botteghino e in effetti ha ottenuto recensioni contrastanti all'epoca. Ma ha contribuito a diffondere l'idea che il poker sia abbastanza intrigante da far invogliare molti spettatori a provarlo. Pochi anni dopo, nel 1974, apparve un film chiamato California Split incentrato anche sul poker. Uno dei migliori film sul gioco d'azzardo di sempre, California Split include alcune fantastiche scene di poker tra cui una in cui un personaggio che guarda una partita di stud gira intorno al tavolo descrivendo le sue impressioni su ciascuno dei giocatori.

Quando raggiunge uno dei giocatori dall'aspetto più giovane, dice "il ragazzo... ha visto The Cincinnati Kid troppe volte. Sta cercando di battere chi gioca a poker da prima che lui nascesse". Il commento è divertente, ma suggerisce anche come The Cincinnati Kid abbia incoraggiato i giocatori a dedicarsi al poker, incluso in questo caso un giocatore giovane che cerca di portare il suo gioco a un livello abbastanza alto da poter competere con gli high roller (o almeno così si suppone) .

California Split presenta anche un cameo di Amarillo Slim Preston, in quella stessa partita di stud. Preston era senza dubbio il giocatore di poker più famoso d'America all'epoca. Aveva da poco vinto uno dei primi Main Event delle World Series of Poker, ed è anche apparso frequentemente in televisione nei talk show e come ospite nelle trasmissioni sul gioco. La sua apparizione nel film è un altro esempio degli sforzi di Preston di essere un "ambasciatore" del poker.

Sia The Cincinnati Kid che California Split possono essere ragionevolmente chiamati "film di poker". Tuttavia ci è voluto del tempo prima che arrivasse sullo schermo un altro film sul poker che avesse lo stesso impatto di quei film. Nel 1998 è stato presentato in anteprima il film Rounders, una storia incentrata sulle partite underground di New York e sugli sforzi di un giocatore che vuole fare il salto di categoria.

Rounders è stato ovviamente uno dei fattori che ha contribuito a creare il "boom del poker" degli anni 2000. Per molti spettatori, Rounders è stato il film che li ha incoraggiati a imparare a giocare a Texas hold'em. Anche l'ascesa del poker online e del poker televisivo sono stati fattori importanti, che hanno aiutato a incoraggiare sempre più giocatori a dedicarsi al gioco.

Questo a sua volta ha ispirato studi e registi a realizzare più lungometraggi sul poker. In effetti, per un breve periodo, sembrava che non ci fosse fine al numero di film sul poker che Hollywood poteva realizzare.

Sfortunatamente, molti di questi film hanno fallito con la critica e al botteghino. Questi includono Luckytown, Shade, All In, Deal e il film sul poker di Robert Duvall Lucky You. Anche gli autori di Rounders sono tornati diversi anni dopo con il film sul poker Runner Runner, un thriller poliziesco che coinvolge uno studente universitario che gioca a poker online. Tuttavia, la risposta al film è stata in gran parte sfavorevole e non ha avuto neanche lontanamente l'impatto sul poker che Rounders ha avuto.

Nel 2006, un nuovo film di James Bond, Casino Royale, ha fatto vedere il poker ed è stato un grande successo di pubblico. Anche lì l'Hold'em era il gioco in primo piano e, anche se molti giocatori di poker hanno contestato la natura non realistica di alcune mani, il film ha sicuramente contribuito a promuovere l'Hold'em in un periodo in cui la popolarità del gioco stava raggiungendo il picco.

Più di recente, film come Mississippi Grind e Molly's Game hanno regalato al pubblico un poker più realistico. Entrambi questi film forse presentano anche una visione non così romantica del gioco, mostrando le difficoltà che i giocatori sopportano quando perdono o vanno in tilt.

Stanno arrivando anche nuovi film sul poker. Entro la fine dell'anno, è in programma The Card Counter diretto da Paul Schrader (che ha scritto Taxi Driver e ha co-scritto Toro scatenato), un film per il quale Joe Stapleton di PokerStars ha lavorato come "consulente di poker". Attenzione anche al film Poker Face con Russell Crowe, che probabilmente arriverà sul grande schermo il prossimo anno.

Resta da vedere quale impatto questi nuovi film potrebbero avere sul gioco. In ogni caso, le rappresentazioni del poker nella cultura popolare continueranno senza dubbio a influenzare sia la popolarità del gioco che le opinioni sul poker.

Archivio