pokerstars.it

WSOP report #18: Negreanu avanti nel "Big One". Kanit 13° nel 50k High Roller!

Vi abbiamo raccontato ieri la conclusione del Main Event WSOP 2018 con la vittoria di John Cynn. Tuttavia il programma delle World Series Of Poker 2018 non è ancora finito. Si sta giocando l'ultimo evento, il #78 "The Big One for One Drop" - $1.000.000 No-Limit Hold'em.

c4e8ed3d28.jpgDaniel Negreanu, in corsa nel Big One for One Drop. Foto PokerNews

Il "mega" HR delle WSOP ha da poco superato il Day1, con 24 iscritti. Il torneo durerà altre due giornate, con final table a 6 in programma dopodomani. La prima selezione ha ridotto il field a 19 player, ma ancora oggi i giocatori potranno registrarsi e ricevere 50bb a fronte di un milione di dollari di buy-in.

Il chipleader di giornata è l'americano Rick Salomon, con uno stack di 11.445.000 chips. Salomon è un esperto di questo tipo torneo: nel 2014 si è classificato al 4° posto per $2.800.000 proprio a Las Vegas, mentre nel 2016 ha ottenuto un terzo posto da €3.000.000 nel "Monte-Carlo One Drop Extravaganza".

Dietro a Salomon ci sono due nomi a dir poco "pericolosi": Phil Ivey è secondo con 10.365.000 gettoni e il pro di PokerStars Daniel Negreanu è terzo, dopo averne imbustati 8.100.000. Ma l'intero field è costellato di "stelle" del poker, come si vede dal chipcount:

Schermata 2018-07-16 alle 10.55.44 copia.jpgNon ci sono italiani, per il momento. Ma negli ultimi giorni gli "azzurri" hanno regalato altre soddisfazioni pokeristiche al nostro Paese.

Nell'evento #75 $1.500 No-Limit Hold'em (30 minute levels), con un milione di dollari garantito, le "bandierine" italiane sono state addirittura sette. Rocco Palumbo ha tagliato un altro traguardo di prestigio, dopo la deep run nel Main Event, raggiungendo la 48a piazza per $10.933. Dietro a lui sono andati a premio: Gianluca Speranza (102° - $6.342), Federico Butteroni (103° - $4.021), Mario Perati (185° - $3.515), Potito Martire (272° - $3.102), Sergio Grosso (322° - $2.763) e Silvio Crisari (382° - $2.321).

La vittoria finale in questo torneo è andata a Joe Cada che, solo due giorni dopo il 5° posto nel Main Event, ha messo a segno un colpo da $612.000. Cada centra il secondo braccialetto in queste WSOP 2018, il quarto in carriera, e supera il tetto del 13 milioni di $ vinti in eventi live. Che impresa la sua!

b0257aa5dfb.jpgJoe Cada e l'ultimo braccialetto conquistato alle WSOP 2018.
Foto PokerNews

Un'altro itm è arrivata da Walter Treccarichi che, nell'evento #76 $3.000 H.O.R.S.E., ha chiuso al 49° posto per $4.462 di payout. Per "cesarino90" si tratta della 7a bandierina a queste WSOP, due delle quali sono arrivate da tornei con varianti, ormai una specialità del pro italiano.

L'ultima bandierina, e di altissimo prestigio, arriva da un nome che a questa edizione delle World Series si è presentato tardi, giusto in tempo per il Main Event, ma che è sempre in grado di stupire. Mustapha Kanit ha centrato un 13° posto nel torneo #77 $50.000 No-Limit Hold'em High Roller (Big Blind Antes), incassando un premio di $97.160. Kanit ha raggiunto l'ultima giornata (31 left su 128 iscritti) a metà del chipcount, in mezzo ad un field inevitabilmente mostruoso: Ryan Riess, Jason Koon, Elio Fox, i pro di PokerStars Igor Kurganov e Daniel Negreanu, Nick Petrangelo, John Racener solo per citare alcuni nomi.

Dopo essersi accorciato un po', è stato eliminato da Nick Petrangelo in una mano abbastanza sick. I bui sono 40k/80 ante 80K, apre Petrangelo da bottone a 180.000 con K♣Q♥. Kanit va all-in diretto da BB per 1.200.000 con A♠7♠. Call di Petrangelo che lo copre con il triplo dello stack. Il flop 6♠A♦J♦ consolida il vantaggio dell'italiano, ma un T♣ al turn cancella tutto e rende Kanit drawing dead.

ept-montecarlo-2018-mustapha-kanit.jpgMustapha Kanit. Foto Assopoker


Archivio