Dopo il poker all’esordio con l’Australia, la Francia può già qualificarsi agli ottavi di finale se supera anche la Danimarca. Ma gli ultimi precedenti sono tutt’altro che confortanti per i Bleus, sconfitti due volte in Nations League dai danesi, bloccati dalla Tunisia all’esordio ai Mondiali.

Vince Francia1.80Pareggio3.25Vince Danimarca4.40

Informazioni sulla sfida

Quando si gioca? Sabato 26 novembre 2022

Ora del calcio d’inizio? 17:00

Dove si gioca? Stadio: Stadium 974 (Doha)

Canale TV? Rai 2

Francia-Danimarca: presentazione della partita e pronostico

Tra le big che hanno toppato nelle prime giornate di questo Mondiale non c’è la Francia che, anche se con qualche brivido iniziale, ha conquistato alla fine facilmente i 3 punti con l’Australia, che aveva spaventato i campioni del mondo in carica con il gol lampo segnato da Goodwin prima di venire travolta 4-1, con le reti di Rabiot e Mbappé più la doppietta di Olivier Giroud che, grazie a questi due centri, ha raggiunto un certo Thierry Henry in testa alla classifica marcatori all-time della nazionale francese con 53 gol. Ha fretta l’attaccante del Milan di mettere la freccia sulla leggende del calcio francese e spera di poterlo fare già nella seconda partita del girone con la Danimarca, dove i Bleus potrebbero già staccare un biglietto per gli ottavi di finale con una giornata di anticipo. Niente male, considerando che Deschamps ha dovuto fare a meno all’ultimo momento del Pallone d’Oro Karim Benzema, costretto a dare forfait per la kermesse in Qatar.

La Danimarca non ha iniziato altrettanto bene, perchè è stata bloccata sullo 0-0 da una Tunisia quadrata e ben messa in campo, che ha concesso pochi spazi a Eriksen e compagni. La partita con la Francia diventa già molto delicata per la nazionale allenata da Kasper Hjulmand, che in caso di risultato negativo si troverebbe poi costretta a giocarsi il tutto per tutto all’ultima giornata con l’Australia. A dare morale ai danesi in vista di questo big match tuttavia ci sono i precedenti recenti con i transalpini, che vanno dal pareggio a reti bianche di 4 anni fa in Russia, nell’unica partita che la Francia non è riuscita a vincere nel cammino che l’ha portata poi sul tetto del mondo, fino alle due vittorie ottenute quest’anno nel girone di Nations League: 2-1 in rimonta allo Stade de France, con la doppietta di Cornelius che ha ribaltato l’iniziale vantaggio di Benzema, e il 2-0 di Copenaghen firmato da Dolberg e Skov Olsen.

Ecco il nostro pronostico per le scommesse di questa sfida. Abbiamo anche molte altre opzioni su cui puntare.

Under 2.51.67Entrambe a segno1.90Risultato esatto: 1-16.50

La partita nel dettaglio

Contro l’Australia, Deschamps ha schierato una formazione offensiva, mandando in campo contemporaneamente dal primo minuto Dembelé, Griezmann, Mbappé e Giroud. Con la Danimarca non è da escludere che il ct pensi a rinforzare di più il centrocampo, inserendo magari uno tra Fofana e Camavinga a dare manforte e Tchouameni e allo juventino Rabiot, che si conferma in forma smagliante: gol e assist nella gara con gli Aussie, dopo l’ottimo avvio di stagione con la Juventus. A uscire nel caso sarebbe uno tra Dembelé e Griezmann, perchè Mbappé chiaramente non si tocca e un Giroud così è difficile da togliere. Lucas Hernandez, infortunatosi nell’azione del gol preso da goodwin, verrà rimpiazzato dal fratello Theo a sinistra, con Pavard a destra e la coppia centrale a protezione di Lloris composta da Konaté e Upamecano, favoriti su Varane.

Hjulmand dovrebbe cambiare qualcosa rispetto alla squadra inconcludente che non è riuscita a trovare sbocchi contro la Tunisia. Dolberg e Skov Olsen, già giustizieri della Francia un paio di mesi fa, si aggrappano anche a questo precedente per convincere il ct a confermarli in attacco. La concorrenza è agguerrita, con Poulsen e Cornelius che sperano in una maglia da titolare. Il possibile inserimento dell’ex doriano Damsgaard trasformerebbe lo schema in un 3-4-2-1, con Hojbjerg e Eriksen nel cuore del centrocampo e Kristensen, in vantaggio su Stryger Larsen, e l’atalantino Maehle ad agire sulle due corsie laterali. Difesa davanti a Schmeichel confermata a tre, guidata dal milanista e capitano Kjaer, con Andersen e Christensen al suo fianco.

Author Image

Prossimo articolo

Loading...