regole varianti baccarat online
Home | Tutorial | Baccarat | Regole e varianti per giocare a Baccarat online e live

Regole e varianti per giocare a Baccarat online e live

18 Luglio 2023

Se la storia e le origini del Baccarat sono avvolte da un certo alone di mistero, le sue regole moderne raccontano invece di un gioco particolarmente “pragmatico”, con una serie di azioni abbastanza standard e limitate da poter svolgere.

Il gioco infatti, è governato da regole abbastanza ferree che è necessario sapere prima di avvicinarsi al tavolo. Proviamo a scoprirle insieme, andando anche ad approfondire qualche possibile variante in merito.

Le regole del Baccarat: lo scopo del gioco

Nel Baccarat lo scopo del gioco è fondamentalmente quello di fare il punteggio quanto più vicino possibile al “Nove”. Per ottenere questo valore, il giocatore e il Banco si affrontano al tavolo con due carte a testa (rigorosamente entrambe coperte) con la possibilità ulteriore di pescarne un’altra quando richiesto.

Si tratta quindi sempre di un “uno contro uno” per cercare di ottenere il punteggio maggiore tra giocatore e Banco, con la terza opzione che è quella del “pareggio”.

Il valore delle carte nel Baccarat

Nel Baccarat le carte dal 2 al 9 hanno valore nominale (cioè valgono il punteggio della carta), l’Asso ha la sola valenza di “1” mentre i dieci e tutte le figure valgono “zero”.

Il punteggio generale tiene conto della somma delle due o tre carte in proprio possesso, escluse le decine. Per esempio, se abbiamo in mano un 8 e un 7 la somma è 15 che ci consegna un punteggio di 5 (15 meno la decina). Se prendiamo la terza carta e questa è un 9, la somma totale da 24 che porta quindi a un punteggio finale di “4” (24 meno le decine).

La terza carta del giocatore

A differenza, per esempio, di quanto avviene nel Blackjack, dove la scelta di chiedere o meno ulteriori carte è totalmente ad appannaggio del giocatore, nel Baccarat tutto si svolge in maniera piuttosto automatica.

Intanto si può chiedere ovviamente solo una terza carta (e non altre) e nel caso del giocatore ciò può avvenire praticamente solo se le prime due hanno un punteggio compreso tra 0 e 5.

Se invece, la somma delle prime due carte è 6 o 7, il giocatore non ha diritto a chiedere una terza carta e il gioco proseguirà con il turno del banco (che pescherà o meno a seconda del suo valore, come vedremo in seguito).

L’ultima opzione è quella relativa al fatto che il giocatore o il banco, possiedano un punteggio di 8 o 9 punti, visto che in quel caso parliamo di “mano naturale” e nessuno dei due partecipanti avrà diritto a pescare una terza carta, chiudendo la mano con la vittoria di chi ha il valore maggiore (o di un pareggio).

La terza carta per il Banco

Ancora più stringenti, sono le regole per la pesca della terza carta del Banco. Malgrado il tutto si svolga in maniera totalmente automatica (con le azioni fatte dal croupier nei tavoli dal vivo, o dall’algoritmo di gioco su quelli online), è importante che il giocatore sappia come si svolgerà l’azione dopo il suo turno.

Con valori delle due carte da 0 a 2, il banco pescherà sempre in automatico la sua terza carta. Se ha invece “3”, pescherà sempre tranne nel caso in cui il giocatore abbia un “8” dopo la sua terza.

Il campo si stringe ancora nel caso in cui il Banco parta da un “4” e il giocatore abbia un valore totale compreso tra 2 e 7. Con un “5” in partenza, il Banco pesca con il giocatore che ha una somma totale tra 4 e 7, mentre con un “6” del Banco, la terza carta è automatica solo se anche il giocatore ha un valore totale di 6 o 7 punti.

Dal 7 al 9 ovviamente, il Banco non pescherà nessuna carta.

Le puntate nel Baccarat

Le possibili puntate nel Baccarat, sono come detto principalmente tre:

  • Vince il Banco: se si punta sulla vittoria del banco si ottiene come vincita il valore della posta (1:1)
  • Vince il giocatore: se si punta sulla vittoria del giocatore si ottiene come vincita il valore della posta (1:1)
  • Pareggio: se si punta sul pareggio si ottiene come vincita otto volte il valore della posta (8:1)

Tutte le vincite sono poi soggette a una sorta di “fee” per la sala da gioco, quantificabile intorno al 5% (quindi se vinciamo puntando 100, otteniamo 195 indietro).

In alcuni Casinò, è poi possibile effettuare anche alcune puntate laterali o secondarie, che riguardano l’evento in cui il giocatore o il banco ricevano come carte base una coppia di pari valore. In questi casi, la puntata paga undici volte la posta giocata (11:1).

Possibili varianti

Il successo mondiale del Baccarat, ha inevitabilmente portato anche a diverse sue varianti, a partire ovviamente da quella più famosa, grazie anche alla sua presenza in molte opere cinematografiche (a cominciare dalla saga di 007).

Lo Chemin de Fer, che del Baccarat conserva letteralmente tutte le regole presenti nel gioco al tavolo, tranne l’uso del banco. In questa versione infatti, il banco è tenuto a turno dai vari giocatori presenti al tavolo (un po’ come nel nostro “Sette e Mezzo” per intenderci), con il croupier della sala da gioco che fa solo da mazziere.

Cambia nome, ma ne conserva in toto le regole (cambiano solo alcune delle regole per la pesca della terza carta), anche il “Punto e Banco”, diventato oggi forse la variante più popolare soprattutto in America.

Il “Baccarat Banque” invece, si riferisce a una variante in cui il Banco viene assegnato dopo un’asta tra i giocatori e dove le carte e le scommesse vengono distribuite in modo diverso: due “mani” per il giocatore (che dovrà scegliere con quale giocare e su quale scommettere) una per il banco (su cui però, non si può puntare).

Ci sono infine altre versioni particolari ognuna con qualche piccola differenza: nel “Mini Baccarat” sono inseriti limiti di puntata più contenuti; nel “Super Pan Nine” viene assegnato un valore di zero punti anche alle carte con il 7, l’8 e il 9; nel “Private Baccarat” per vincere la puntata devi battere il banco per due mani consecutive.