pokerstars.it

Gran finale alla PCA: Camosci si prende una picca, Speranza un super sesto posto!

Ultimi colpi alla PokerStars Caribbean Adventure e, per i nostri colori, il finale difficilmente poteva essere migliore. Grazie a Enrico Camosci e Gianluca Speranza.

PCA-PSPC-2019-Enrico Camosci-Monti-8611.jpgEnrico Camosci

Iniziamo da Enrico Camosci che, dopo essere andato vicino al final table nel Main Event, si prende la rivincita e fa il colpaccio conquistando l'ultimissimo evento della kermesse caraibica, insieme ai 252.340 dollari previsti per il vincitore. Il $10.300 NLH Single Re-entry iniziava con 98 entry, 13 posizioni in the money e un field imbottito di tanti campioni: tra gli altri l'inglese del Team PokerStars Pro Liv Boeree, gli statunitensi Erik Seidel e Ryan Riess, il portoghese Joao Vieira, il canadese Daniel Dvoress, il francese Benjamin Pollak e lo spagnolo Sergio Aido.

L'italiano comincia subito deciso la sua cavalcata mentre sulla strada cominciano a cadere i primi nomi eccellenti. Come quello di Pollak, che chiude 13esimo, quello di Dvoress, dodicesimo, e quello dell'americano Seth Davies, decimo.

Arriva il momento del tavolo finale, e il bolognese è chipleader. Esce in ottava posizione Riess, campione del mondo 2013, in settima Aido, in sesta la bella Boeree, in quinta Joao Vieira e in quarta Erik Seidel, che "vince" una medaglia di legno da 90mila dollari.

A quel punto il grinder di Bologna è ancora davanti, ma deve ancora sbarazzarsi dei due player rimasti, due agguerritissimi outsider: il brasiliano Pedro Padilha (uomo bolla del PSPC final table) e il neozelandese Sosia Jiang. Non passa però molto prima che Padilha venga buttato fuori in terza posizione. A quel punto Jing tenta una super rimonta, impresa che però non gli riesce: Camosci chiude la partita e si prende picca e prima moneta. Ecco il payout completo:

1Enrico CamosciItaly$252.340
2Sosia JiangNew Zealand$175.380
3Pedro PadilhaBrazil$115.980
4Erik SeidelUSA$90.780
5Joao VieiraPortugal$73.200
6Liv BoereeUKPokerStars Ambassador$57.040
7Sergio AidoSpain$45.160
8Ryan RiessUSA$35.180
9Shyngis SatubayevKazakhstan$26.620
10Seth DaviesUSA$20.440
11James RomeroUSA$20.440
12Daniel DvoressCanada$19.020
13Benjamin PollakFrance$19.020

Gianluca Speranza, invece, non vince ma riesce a strappare una grande sesta posizione nel $25K High Roller. Delle 162 entry erano rimasti in dodici ai nastri di partenza del final day a contendersi la prima moneta da $895.110, resa possibile da un prize pool decisamente sostanzioso: $3.849.930. Assente dalla volata finale l'altro italiano in gara, Dario Sammartino, autore comunque di un ottima prestazione per un 16° posto che vale $53.900.

NEIL3827_Dario_Sammartino_PCA2019_NEIL STODDART.jpg

Dario Sammartino

Chipleader partiva l'austriaco Thomas "WushuTM" Muehloecker, primo con 1 milione e 420mila chips davanti al connazionale Markus Durnegger, al proprio angolo con 1 milione e 385mila pezzi. Dietro di loro non il vuoto, ma quasi. L'inseguitore più agguerrito, con 880.000 gettoni, era il canadese Sam Greenwood, già vincitore del 100K Super High Roller, seguito dallo statunitense Martin Zamani, quarto nel chipcount a quota 780.000 pezzi, mentre in sesta posizione c'era Speranza con 645.000 chip. L'italiano precedeva altri nomi "pesanti": l'inglese Max Silver, il belga Davidi Kitai, il tedesco Dominik Nitsche, il norvegese Tom-Aksel Bedell e altri due americani Nick Petrangelo e Sean Winter.

Inizia la contesa ed escono presto di scena Petrangelo, Kelvin Kerber e Max Silver. A ruota vengono eliminati anche Greenwood, Kitai e Winter. Purtroppo, proprio il giocatore successivo a uscire (ma con in tasca una sesto posto da 205.980 dollari) è il nostro Gianluca, colpito duramente prima dal tedesco Nitsche - che il giorno precedente aveva estromesso Dario Sammartino - ed eliminato definitivamente da Durnegger.

gianluca-speranza-pca2019-bis-e1547712338987.jpg

Gianluca Speranza

A quel punto, al tavolo rimangono in cinque. Zamani comincia a picchiare durissimo liquidando Bedell e Durnegger in un colpo solo. Non passa tanto prima del trionfo e della prima moneta da $895.110: l'americano prima elimina l'ex chipleader Muehloecker, che chiude il torneo con $404.240, e successivamente il "carnefice" degli azzurri, Nitsche, che si consola del secondo posto con $606.360.

1Martin ZamaniUSA$895.110
2Dominik NitscheGermany$606.360
3Thomas MuehloeckerAustria$404.240
4Tom-Aksel BedellNorway$331.100
5Markus DurneggerAustria$265.640
6Gianluca SperanzaItaly$205.980
7Sean WinterUSA$152.460
8Davidi KitaiBelgium$112.040
9Sam GreenwoodCanada$89.320
10Max SilverUK$75.080
11Kelvin KerberBrazil$75.080
12Nick PetrangeloUSA$65.440
13Ben HeathUK$65.440
14Bartlomiej MachonPoland$59.680
15Jesus CortesSpain$59.680
16Dario SammartinoItaly$53.900
17Shyngis SatubayevKazakhstan$53.900
18Preben StokkanNorway$48.500
19Chin Wei LimMalaysia$48.500
20Ariel CelentinoBrazil$48.500
21Rob HollinkNetherlands$44.660
22Lucas ReevesUK$44.660
23James RomeroUSA$44.660

A conclusione di questa cronaca dall'Atlantis Resort & Casino rimane da documentare il nuovo successo in tornei live di Ole Schemion, che vince il PCA National e mette sulle mensole di casa il 17esimo titolo in carriera. Il tedesco di Berlino (ma residente a Vienna), secondo lo scorso dicembre in un High Roller all'EPT di Praga, recita benissimo il ruolo di chipleader dall'inizio alla fine del dell'ultima giornata mettendo in fila in relativa scioltezza le oltre 800 entry del torneo, tra cui player del calibro degli inglesi Jack Sinclair, recente trionfatore al Main Event delle WSOPE, che chiude sesto, e Conor "1_conor_b_1" Beresford, top player di online MTT, che termina la sua gara in quinta posizione. Schemion vince $148.220 e riesce a superare un muro importante, quello dei 15 milioni di dollari vinti in carriera, diventando così quinto nella German All Time Money List e 35esimo nella All Time Money List.

Si conclude qui l'avventura caraibica della PokerStars Caribbean Adventure. Ma l'appuntamento con il grande poker live è già in agenda: dal 20 al 29 marzo prossimi a Sochi, sulle sponde del Mar Nero, c'è il primo EPT della stagione. Non resta che aspettare poco più di due mesi.

Archivio