Home / Migliora le tue abilità nel poker dal vivo al PSPC con questi consigli di Spraggy

Migliora le tue abilità nel poker dal vivo al PSPC con questi consigli di Spraggy

Gennaio 12, 2023
di PokerStars Learn

Domanda: quali tre consigli daresti a un giocatore che non ha mai partecipato a un evento con buy-in elevato?

Spraggy:

  1. gli consiglierei innanzitutto di prendersi alcune mani per abituarsi al tavolo, per guardarsi attorno, osservare gli avversari e acclimatarsi prima di buttarsi a capofitto nei piatti.
  2. Non bisogna lasciarsi intimidire dal field. È vero, ci si può trovare ad affrontare dei giocatori più forti, ma con così tanti partecipanti, tutto può succedere; dopo tutto anche loro ricevono solo due carte!
  3. Infine, se si è abbastanza fortunati da essere vicini alla zona premi, bisogna fare sempre attenzione alla profondità degli stack. È importante sapere quali stack possiamo mettere sotto pressioni, e quali invece potrebbero mettere sotto pressione noi.

Domanda: cosa può fare un principiante per ridurre l’agitazione al tavolo?

Spraggy:  deve cercare di pensare che sta giocando allo stesso gioco di sempre: indipendentemente dal buy-in, le dinamiche dovrebbero essergli familiari. Deve fare leva il più possibile su questa familiarità e sul fatto che sappia quello che sta facendo, avere fiducia nel gioco che ha sempre fatto ed essere consapevole che le decisioni da prendere sono sempre le stesse, non importa quanti soldi ci siano in gioco.

Domanda: cosa possono fare i giocatori per evitare di rivelare quello che stanno pensando al tavolo?

Spraggy:  ah! Non chiederlo a me. Forse posso sembrarti paranoico, ma sono convinto di far trapelare ancora un sacco di informazioni quando gioco ai tavoli dal vivo. Se ci accorgiamo che un avversario ci sta studiando, la cosa migliore è quella di evitare di parlare durante le mani, poiché in questi casi l’inesperienza potrebbe giocarci brutti scherzi. Non è da maleducati rimanere seduti in silenzio e ignorare un avversario che sta cerando di raccogliere informazioni.

Domanda: modifichi la tua routine o ti prepari in qualche modo quando devi giocare un evento importante com il PSPC?

Spraggy:  direi di no, cerco solo di essere il più riposato possibile, cosa non sempre facile quando si viaggia. Prima dell’evento, dedico un po’ di tempo allo studio, ma chiunque si consideri un professionista dovrebbe farlo, quindi niente di diverso dal solito.

Domanda: come fai a rimanere sveglio e concentrato durante le lunghe giornate che caratterizzano gli eventi dal vivo?

Spraggy:  prendo molto sul serio le pause: cerco di allontanarmi dalla poker room ogni volta che ne ho la possibilità e di trovare uno spazio riservato dove fermarmi e respirare. Preferisco evitare gli affollamenti e, se da un alto non mi dispiace fare due chiacchiere sul poker di tanto in tanto, cerco di non fissarmi troppo e rimuginare sulle mani giocate. E dopo il torneo, dormo, dormo e dormo. L’idea di uscire con gli altri giocatori dopo una lunga giornata di torneo è accattivante, e ci può anche stare, ma non è consigliabile fare la quattro di mattina se il giorno dopo ci aspetta un impegnativo Day 2.

Domanda: come affronti una striscia di mani negativa in un grande evento live?

Spraggy:  bisogna essere pazienti e passare, più e più volte. Ci possono essere dei periodi nel poker live in cui possiamo fare ben poco e va bene così, anche per uno o due interi giri del tavolo. Meglio continuare a passare.

Domanda: come consigli di gestire uno stack elevato in un torneo con un grande buy-in come il PSPC?

Spraggy:  bisogna fare il possibile per conservare il nostro grande stack e non pensare di poter intimidire gli avversari per provare a ottenere ancora più chips. Difficilmente ci riusciremo, soprattutto nelle prime fasi di un torneo.

Collegamenti rapidi

Ultime Pubblicazioni

Impara a giocare a poker con Pokerstars Learn, esercitati con l'app di PokerStars

Prova la nostra classifica gratuita Scholars per mettere alla prova le tue nuove abilità.